Questo nuovo abbigliamento potrebbe essere l’ultima tecnologia per uccidere il Covid


PForse ora più che mai sembriamo essere profondamente consapevoli delle capacità dei microbi di infettare, interagire e incubare ovunque. Quindi, perché non consideriamo più spesso tutti i microbi sui nostri vestiti?

I tuoi vestiti, infatti, non sono sterili: ci sono molti organismi batterici attaccati ai tuoi vestiti. Fortunatamente, la stragrande maggioranza di questi non fa assolutamente alcun male essendo lì o potrebbe persino avvantaggiarti in modi microscopici. Ma altri microbi – batteri, virus, prioni, scegli tu – potrebbero trasportare qualsiasi cosa, da un’infezione superficiale della pelle a una malattia sistemica pericolosa per la vita.

SINTX Technologies, con sede a Salt Lake City, sta gettando le basi per un biomateriale microscopico in grado di neutralizzare alcuni di questi organismi nocivi. In qualità di produttore di apparecchiature (OEM) di biomateriale ceramico avanzato, SINTX ha recentemente rilasciato nuovi risultati sulla produzione di tessuti impregnati con il suo composto materiale chiave, il nitruro di silicio, che può fornire agli indumenti capacità antipatogene.

Alcuni risultati iniziali di test di terze parti di questa tecnologia hanno mostrato la capacità dell’abbigliamento di neutralizzare e inattivare lo Staphylococcus aureus, uno dei microbi chiave responsabili di una serie di infezioni umane. Il nitruro di silicio è comunemente usato all’interno dell’armamentario SINTX come materiale di base implantare in ceramica bioattiva osteointegrativa. L’azienda ha diverse applicazioni del materiale in diverse aree della produzione di biomateriali, tra cui la ricostruzione craniomaxillofacciale e la chirurgia dell’anca/ginocchio. Il nitruro di silicio è intrinsecamente antipatogeno oltre alle sue proprietà osteointegrative.

“La scoperta di nuove proprietà del nitruro di silicio ha consentito a SINTX di fornire prodotti differenziati in una varietà in continua espansione di spazi di mercato”, afferma il dott. Ryan Bock, vicepresidente di SINTX per la ricerca e lo sviluppo. Bock ha supportato l’azienda per 13 anni e ha una vasta esperienza in ceramica avanzata, scienza dei colloidi e delle superfici e biomateriali.

David O’Brien, COO di SINTX, afferma che lui e il suo team stanno lavorando a tutto vapore per realizzare il progresso di nuove tecnologie antimicrobiche in un’ampia gamma di applicazioni. “Con la rinascita di Covid e nuove varianti, insieme ad altre nuove minacce per la salute che continuano a emergere, riteniamo che le tecnologie avanzate sviluppate da SINTX abbiano il potenziale per aiutare una vasta popolazione globale semplicemente migliorando i materiali di base, quotidiani (domestici), ” lui dice.

Non sorprende che SINTX stia lanciando questi obiettivi ad ampio raggio per l’ulteriore sviluppo dei materiali, dato l’ampio spettro di microbi che sono specificamente neutralizzati con i composti attivi incorporati nella ceramica. Questo elenco include batteri come MRSA, E. coli, S. aureus, P. aeruginosa, Enterococcus, P. gingivalis e S. epidermidis, nonché microbi virali come enterovirus, l’influenza comune e SARS-Cov-2 , l’agente eziologico del Covid.

Uno dei prodotti leader di SINTX in questo approccio ad ampio spettro è FleX-SNAP, che è sviluppato da una forma in polvere di nitruro di silicio e può essere utilizzato come additivo, rivestimento o composito per conferire o migliorare le proprietà antipatogene nei prodotti, dalle maschere alle bende . FleX-SNAP offre le proprietà antipatogene del nitruro di silicio in una forma che può essere aggiunta a articoli come tessuti e rivestimenti superficiali per la resistenza alla colonizzazione batterica e la capacità di inattivare vari agenti patogeni, incluso il virus SARS-CoV-2.

Forse con SINTX che incorporerà i suoi prodotti antipatogeni nei nostri vestiti nei prossimi anni, avremo più tranquillità mentre ci affrettiamo attraverso il mondo tumultuoso e investito di microbi che ci circonda.

Leave a Comment