La linea di abbigliamento maschile di SC mette in evidenza la storia afroamericana | notizie sulla carolina del sud

Di ALEXIS HAMILTON, The Greenville News

GREENVILLE, SC (AP) — Quando Jaquial Durham riflette sul suo inizio nella moda, è pronto a raccontare la storia di come ha perso il suo ballo di fine anno e ha usato i soldi che sua nonna gli aveva dato per uno smoking per avviare invece una linea di moda.

“Era sconvolta, ma è quello che volevo fare”, ha detto Durham.

Il nativo di Clemson avrebbe poi iniziato a lavorare con il signor Knickerbockers per creare una linea che riflettesse la storia afroamericana da vendere nei suoi negozi, ma alla fine il negozio si è ritirato a causa dei design che non si adattavano alla loro base di consumatori.

Sentendosi scoraggiato, Durham decise di prendersi una pausa. Nel frattempo, ha conseguito la laurea presso la Winston-Salem State University e due master presso la George Washington University e la Georgetown University. Ha anche avviato una società di media, Public Culture, che si occupa di aree urbane e rurali attraverso musica, film, sport, moda e tecnologia.

Cartoni animati politici

Unendo i suoi studi con la sua società di media, ha creato una collezione di moda che avrebbe raccontato le storie di figure e organizzazioni nere in istituzioni prevalentemente bianche.

“Nei campus bianchi del sud, c’è una storia non raccontata”, ha detto.

Attraverso la moda, Durham prende la storia degli afroamericani e dei punti di riferimento combinati con l’arte dipinta a mano per creare una capsule. Oltre alle capsule, Durham ha curato i codici QR per i capi che è possibile scansionare e fornisce informazioni sul design vero e proprio.

La sua prima collezione ha richiesto circa due anni e mezzo, ma Durham ha detto che non sarebbe potuta arrivare in un momento migliore.

“È stato un tempismo perfetto perché anche io sono stato recentemente ammesso per il mio dottorato alla Clemson”, ha detto Durham.

“E quindi è stato perfetto, essere ammessi all’università, tornare a casa ed essere più coinvolti nella comunità”.

La collezione di Durham è stata ispirata dal libro della dottoressa Rhondda Robinson Thomas “Call My Name, Clemson” che dà uno sguardo agli afroamericani che hanno svolto un ruolo fondamentale nel sostenere la Clemson University e la terra.

Il primo pezzo della collezione presenta una rappresentazione della Student League for Black Identity (SLBI), un’organizzazione guidata da studenti che promuoveva la cultura e la storia a Clemson.

Altri tre pezzi in arrivo alla collezione Clemson si concentrano su Harvey Gantt, il primo studente afroamericano ammesso a Clemson, Littlejohn Grill, un luogo in cui la maggior parte dei residenti di Black Clemson si ritrovava, ed Eva Hester Martin, una discendente diretta degli schiavi lavoratori del Fort Piantagione collinare.

“Ho deciso di pubblicarli separatamente perché volevo dare a ogni pezzo la sua storia di vita nella sua stessa vita e il suo tempo per brillare”, ha detto Durham.

Attraverso la sua società di media, Public Culture Entertainment Group, Durham lo sta fondendo con le Public Culture Collections e la sua dissertazione per raccontare le storie della storia e della cultura dei neri alla Clemson University attraverso il formato di un documentario.

Durham ha in programma di pubblicare più raccolte per includere altre università del sud, tra cui l’Università della Florida, l’Università del Mississippi, la Mississippi State University, l’Università della Georgia, l’Università dell’Alabama e altre ancora.

Per ulteriori informazioni sulla linea di Durham, visitare thepublicculturecollections.com.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.

.

Leave a Comment