I 15 migliori marchi di abbigliamento sostenibile da acquistare nel 2022

Questo articolo fa parte di Settimana della Terra della CNN Underscore, un focus di una settimana sul nostro pianeta e sui modi per celebrarlo e preservarlo. Forniremo suggerimenti su come vivere in modo più sostenibile, prodotti per aiutarti a trascorrere più tempo nella natura e offerte esclusive per tutta la settimana, quindi controlla ogni mattina per vedere le novità e assicurati di iscriverti al Newsletter della CNN sottolineata per vedere tutto.

Che si tratti del compostaggio o dell’utilizzo di prodotti di bellezza riciclabili e ricaricabili, ci sono molte cose che possiamo cambiare nella nostra routine quotidiana per vivere in modo più rispettoso dell’ambiente. Un modo per ridurre l’impatto ambientale è abbandonare il fast fashion e fare acquisti sostenibili. Ma non è così facile come potresti pensare. La sostenibilità è diventata una sorta di stratagemma di marketing per molte aziende; ecco perché abbiamo parlato con esperti per capire quali marchi sono effettivamente sostenibili e cosa dovresti cercare quando provi a passare alla moda sostenibile.

Cos’è la moda sostenibile?

Cosa significa esattamente moda sostenibile? “La moda sostenibile di solito significa pratiche eco-compatibili nell’industria della moda, facendo riferimento all’approccio di progettare, produrre e consumare abiti che rispettano il pianeta causando danni minimi o nulli e quindi sostenendo l’ambiente”, afferma Katrina Caspelich, direttore marketing per Remake, un’organizzazione no profit che lotta per porre fine al fast fashion. “In Remake, definiamo questo termine in modo olistico guardando sia all’impatto planetario che umano, definendo la moda sostenibile anche come la pratica del settore di sostenere la vita sana delle persone che realizzano i nostri vestiti attraverso salari dignitosi, condizioni di lavoro sicure e produttori di pozzi. essendo.”

Ma prima ancora di cercare marchi di abbigliamento per pratiche eco-compatibili, sappi che indossare ciò che hai già o acquistare di seconda mano è la cosa più sostenibile da fare. “Il modo migliore per praticare la sostenibilità è fare la spesa nell’armadio prima di acquistare qualcosa di nuovo”, afferma Caspelich. Consiglia anche di dare un’occhiata ai negozi di vintage, noleggio e spedizione o di “fare la spesa” nell’armadio dei tuoi amici prima di acquistare vestiti nuovi di zecca.

Se hai esaurito tutte queste opzioni e desideri ancora acquistarne di nuove, la buona notizia è che ci sono tonnellate di marchi che prendono iniziative per realizzare abiti più sostenibili, sia che ciò significhi l’utilizzo di materiali riciclati, la riduzione delle emissioni di carbonio nella produzione o il pagamento di salari equi ai lavoratori . Tuttavia, Caspelich afferma che non puoi sempre fidarti dei marchi che affermano di essere ecologici. “Laddove molte persone desiderano apportare un cambiamento significativo nelle loro scelte di acquisto, i responsabili marketing delle aziende di moda utilizzano tattiche manipolative e di greenwashing per effettuare vendite, senza fare il duro lavoro di gestire un’azienda veramente sostenibile”, afferma.

Evitare questi stratagemmi di marketing e dare i tuoi soldi alle aziende che stanno effettivamente facendo passi da gigante per diventare sostenibili a volte può essere difficile, ma Kimberley Smith, chief supply chain officer di Everlane, ha alcuni suggerimenti per aiutarti a trovare marchi ben intenzionati.

“I consumatori dovrebbero cercare marchi che mettano l’accento sulla trasparenza nella loro catena di approvvigionamento. Non esiste una regolamentazione sulla parola “moda sostenibile” e in un settore già opaco, alcuni marchi possono essere disonesti riguardo al loro impatto ambientale”, afferma Smith. “È anche importante tenere d’occhio i partner e le certificazioni standardizzate che possono supportare le affermazioni sulla sostenibilità. Ad esempio, il Global Organic Textile Standard (GOTS) per il cotone biologico, il Global Recycled Standard (GRS) per i prodotti riciclati, la certificazione LEED per il consumo energetico ridotto nelle fabbriche o Bluesign per la gestione chimica e ambientale”. È anche utile cercare le B Corporation certificate, che soddisfano una serie rigorosa di standard che misurano l’impatto ambientale di un’azienda.

Elizabeth Cline, autrice di “The Conscious Closet: The Revolutionary Guide to Looking Good While Doing Good”, fa eco a molti dei suggerimenti di Smith. “Tieni presente che la stragrande maggioranza dell’impatto della moda avviene nella produzione, quindi l’area in cui i marchi stanno facendo più lavoro per essere ecologici è nei materiali”, afferma. “Quindi, per scegliere un’opzione più sostenibile, inizia osservando più da vicino i tessuti utilizzati dai marchi”. Cline dice anche di ricordare che la moda sostenibile va oltre i marchi. “Non devi comprare nulla per essere coinvolto. La rivendita, lo shopping dell’usato, la cura e il rammendo dei vestiti che hai già e scambiare vestiti con gli amici sono tutti modi semplici per essere ecologici e alla moda. Inoltre, la moda sostenibile spesso inizia con un cambiamento di mentalità”.

Come puoi vedere, ci sono molte ricerche da fare quando si passa alla moda sostenibile. Ma se non vuoi passare ore a scavare nelle sezioni “Informazioni” di dozzine di marchi, ci sono risorse come la Directory dei marchi sostenibili di Remake e il sito Good On You, dove puoi cercare marchi specifici per vedere il loro impatto ambientale .

Per darti un vantaggio, abbiamo compilato un elenco di marchi di abbigliamento e scarpe sostenibili che mettono la sostenibilità in primo piano, alcuni dei quali vengono consigliati direttamente dai nostri esperti.

Caspelich consiglia Girlfriend Collective come un’ottima opzione per abbigliamento sportivo, reggiseni e biancheria intima, nonché alcuni capi di abbigliamento esterno. Il marchio utilizza imballaggi riciclabili al 100% e tutti i suoi vestiti sono realizzati con materiali eco-compatibili, sia che si tratti di tessuto ricavato da bottiglie d’acqua e reti da pesca riciclate o di una fibra ricavata dagli scarti dell’industria del cotone. In passato abbiamo provato alcuni leggings di Girlfriend Collective e li abbiamo adorati. Puoi saperne di più sugli sforzi di sostenibilità di Girlfriend Collective sul suo sito qui.

Caspelich e Cline consigliano entrambi Outerknown, che è un marchio fantastico per capi di abbigliamento semplici come camicie, pantaloncini, maglioni, jeans e altro ancora. Il 90% delle fibre di provenienza del marchio sono organiche, riciclate o rigenerate e il 100% dei suoi bauli sono realizzati con fibre riciclate o rinnovabili. Leggi di più sulla sostenibilità di Outerknown qui.

Everlane è forse uno dei marchi di moda sostenibile più popolari, e per una buona ragione. L’impegno del marchio per la trasparenza consente ai consumatori di ricercare i dettagli e scoprire che il 97% dei materiali di abbigliamento di Everlane contenenti poliestere e nylon sono ora realizzati con fibre riciclate certificate, il 100% delle sue borse di spedizione in plastica vergine sono ora realizzate con il 100% di materiale riciclato plastica o carta certificata FSC e i suoi jeans sono realizzati in uno stabilimento certificato LEED che ricicla il 98% della sua acqua. Scopri di più sulla sostenibilità di Everlane qui.

Altro marchio approvato da Caspelich e Cline, Nudie Jeans utilizza esclusivamente cotone biologico, del commercio equo e solidale o riciclato, che consiste per il 93,8% di tutte le fibre utilizzate nei suoi capi. Il cotone biologico utilizzato da Nudie Jeans è anche certificato da GOTS, Organic Content Standard 100 o US Department of Agriculture (USDA), a seconda dell’origine e del fornitore. Leggi di più su Nudie Jeans e sui suoi sforzi per la sostenibilità qui.

Caspelich consiglia anche Organic Basics se stai cercando capi di base come magliette, maglioni, biancheria intima, reggiseni e altro ancora. Il marchio si concentra fortemente sulla collaborazione con partner di fabbrica certificati e puoi persino guardare ogni singola fabbrica con cui lavora. Inoltre, utilizza solo tessuti naturali, rinnovabili, riciclati, biodegradabili e/o a basso impatto. Puoi leggere di più sui dettagli di Organic Basics qui.

A Cline piace anche Reformation, un altro grande nome della moda sostenibile, grazie al suo stile chic e all’impegno per la sostenibilità. Il marchio è certificato come carbon neutral da Climate Neutral, con l’obiettivo di diventare positivo per il clima entro il 2025, e fornisce persino rapporti sull’impatto ambientale in modo che i consumatori possano rimanere informati sui suoi sforzi. Scopri di più sulla sostenibilità della Riforma qui.

Un’altra opzione per i jeans approvata dagli esperti, Caspelich e Cline consigliano entrambi Mud Jeans poiché i suoi jeans contengono fino al 40% di denim riciclato post-consumo e sono realizzati con 581 litri di acqua per paio, rispetto allo standard del settore di 7.000. Per maggiori informazioni sul processo di denim circolare di Mud, controlla il suo sito web.

Patagonia è un marchio popolare nella scena outdoor e, anche se potresti riconoscere le sue giacche a sbuffo e i suoi iconici pile, potresti essere sorpreso di quanto sia sostenibile il marchio. Patagonia utilizza fabbriche certificate per il commercio equo e solidale e si procura la maggior parte dei suoi tessuti da materiali prodotti in modo sostenibile, e viene raccomandato da Caspelich e Cline. Fai un tuffo profondo negli sforzi di sostenibilità e attivismo della Patagonia sul suo sito qui.

Cotopaxi è un altro marchio di capispalla consigliato da Caspelich, in quanto è una Certified B Corporation e investe l’1% delle sue entrate per affrontare la povertà e sostenere lo sviluppo della comunità. Pone molta enfasi sull’utilizzo solo di condizioni di lavoro eque e sostenibili e ogni anno fornisce sovvenzioni mirate alle organizzazioni non profit. Per saperne di più su tutti gli sforzi di Cotopaxi, controlla il suo sito web.

Naadam è da tempo uno dei nostri marchi preferiti, grazie al suo lussuoso maglione in cashmere che costa solo $ 75. Tuttavia, c’è molto di più nel marchio, incluso l’impegno per la trasparenza e la sostenibilità. Lavora direttamente con i pastori in Mongolia per pagare loro un salario equo e nel 2019 il 100% dei materiali utilizzati proveniva da fonti rinnovabili o riciclate. Puoi leggere di più sugli sforzi di Naadam e persino immergerti nel suo Rapporto sull’impatto sociale e ambientale qui.

Eileen Fisher

Un’altra società certificata B Corporation e un marchio consigliato da Cline, Eileen Fisher è un’ottima opzione per abbigliamento, scarpe e accessori alla moda. Il suo sito Web descrive in dettaglio le numerose sfaccettature dei suoi sforzi di sostenibilità, incluso l’utilizzo di materiali organici, la collaborazione con fabbriche etiche ed etiche e il tracciamento della sua catena di approvvigionamento.

Nisolo è una Certified B Corporation che produce scarpe e accessori di alta qualità con pelle proveniente da fonti responsabili. Il marchio possiede una propria fabbrica in Perù e offre ai lavoratori un salario di sussistenza, per non parlare del fatto che combatte il cambiamento climatico proteggendo gli alberi dalla deforestazione. Puoi leggere di più sulla sostenibilità di Nisolo e leggere il suo ultimo rapporto sull’impatto per informazioni più approfondite sulla filiera del marchio qui.

Allbirds ha preso d’assalto il gioco delle sneaker, offrendo scarpe incredibilmente comode realizzate con materiali ecologici. Trova e utilizza costantemente materiali più sostenibili e riciclati, inoltre cerca attivamente modi per ridurre la propria impronta di carbonio, con l’obiettivo di diventare positivo per il clima. Puoi approfondire gli sforzi di sostenibilità di Allbirds qui.

Cariuma è incentrato sulla sostenibilità in molti modi, dai suoi materiali eco-compatibili agli sforzi di deforestazione. Per ogni paio di scarpe da ginnastica che acquisti, Cariuma pianta due alberi nella foresta pluviale brasiliana (sta piantando 10 alberi per ogni paio fino al 30 aprile). Scopri di più sulle scarpe e le pratiche sostenibili di Cariuma sul suo sito web.

Rothy’s è un famoso marchio di scarpe che trasforma le bottiglie di plastica riciclata nel suo filo distintivo che è presente in tutti i suoi prodotti. Scarpe alla moda da ballerine, scarpe da ginnastica e stivali ad accessori come borse e borse sono disponibili dal marchio. Puoi approfondire gli sforzi di sostenibilità di Rothy qui.

.

Leave a Comment