Leggings “Lista di Schindler”? I vestiti con le immagini del film sull’Olocausto diventano virali sui social media

Leggings “Schindler’s List” in vendita sul sito artigiano Redbubble. (Schermata tramite JTA)

Un poster del film realizzato da un artista è diventato un’improbabile scelta di moda in un negozio dell’usato.

(JTA) – Questo è un modo per “non dimenticare mai”.

Un particolare capo di abbigliamento è diventato virale questa settimana dopo che un comico ha twittato su un paio di leggings decorati con opere d’arte ispirate a “Schindler’s List”, il dramma dell’Olocausto del 1993 di Steven Spielberg.

I pantaloni mostrano un poster realizzato dall’artista con i personaggi del film. La simbolica “ragazza con l’abito rosso” è in primo piano, in piedi sui binari del treno che si affacciano sul campo di sterminio di Auschwitz. Oltre a lei galleggiano le teste di Liam Neeson, nel ruolo del proprietario di una fabbrica tedesca Oskar Schindler; Ben Kingsley, nel ruolo del suo impiegato ebreo Itzhak Stern; e Ralph Fiennes, nel ruolo dell’ufficiale delle SS Amon Göth.

Elise Brown, che non è ebrea, ha notato i leggings sullo scaffale di un Goodwill a Long Beach, in California, e ha inviato una loro foto a un account Instagram chiamato ThriftStoreArt.

Brown ha anche inviato l’immagine a un amico comico ebreo, che ha aiutato il post a rimbalzare su Twitter. “Piccola, cosa c’è che non va? Hai appena indossato i tuoi leggings di Schindler’s List,” un post letto.

I leggings sembrano provenire da una vetrina virtuale su Redbubble, un sito Web che consente agli utenti di generare opere d’arte per gli acquirenti da stampare su richiesta.

Oltre ai leggings, il design “Schindler’s List” è in vendita su gonne, calzini, magliette, tazze da caffè, custodie per iPhone, tende da doccia, cuscini e altri oggetti assortiti su Redbubble, il tutto tramite l’utente “angelbertran”, che è accreditato come designer e venditore.

L’utente, la cui pagina del profilo sparsa lo identifica come residente negli Stati Uniti, ha diversi design ispirati alla cultura pop a suo nome. “Angelbertran” non ha risposto a una richiesta di commento di JTA presentata su Redbubble.

Tali design sono comuni sui siti degli artigiani e sono generalmente protetti dalle leggi sul copyright in base alle linee guida del fair use. Se sono di buon gusto è un’altra domanda.

“Questi non dovrebbero esistere”, ha detto Brown al sito gemello della Jewish Telegraphic Agency Hey Alma.

Ha anche detto di aver acquistato l’oggetto per la sua amica, su sua richiesta, per $ 8.

“Schindler’s List” ha fatto notizia in diversi modi di recente, per una serie di motivi. Oliwia Dabrowska, l’ex attrice bambina polacca che interpretava la ragazza con il vestito rosso, ha usato il suo personaggio per difendere i rifugiati ucraini sui social media. Un’emittente statale belga si è scusata questa settimana per aver parodiato il film in un cortometraggio a fumetti sulla carenza di biscotti. E Mimi Reinhard, la vera segretaria ebrea che ha digitato l’elenco degli ebrei che Schindler avrebbe cercato di salvare, è morta la scorsa settimana all’età di 107 anni.

Di Andrea Coniglio

Leave a Comment