Perché i vestiti intelligenti sono ancora lontani anni dall’entrare nel tuo guardaroba

I vestiti eleganti sono stati sul punto di diventare grandi per anni, quindi perché non ce ne sono altri sugli scaffali dei negozi?

metamorworks/Getty Images

Da più di un decennio ormai, una brillante promessa nella moda e nell’abbigliamento si profila appena oltre l’orizzonte. Abiti intelligenti con sensori e tessuti di nuova generazione potrebbero trasformare i nostri guardaroba in capi per il monitoraggio della salute.

Queste idee non provengono solo dalle startup. Anche aziende come Levi’s e Under Armour hanno lanciato l’idea di giacche che offrano scorciatoie touch control e attrezzature per l’allenamento che terrebbero traccia dei tuoi movimenti e dei tuoi parametri vitali durante la tua giornata.

Ma queste promesse non si sono del tutto trasformate in una realtà di successo. Sebbene i ricercatori siano migliorati nell’intrecciare sensori e circuiti nei vestiti, i tessuti intelligenti non sono durevoli o impermeabili come i vestiti normali e hanno bisogno di toccarsi costantemente la pelle per funzionare. E si profila un ostacolo ancora più grande: con gli smartwatch che registrano tutti i tipi di dati sanitari, non esiste ancora un caso d’uso che renda gli indumenti intelligenti una scelta migliore. L’ultimo Apple Watch 7 può monitorare le tue statistiche sul sonno e sull’allenamento, monitorare la frequenza cardiaca per potenziali aritmie e guardare per possibili apnee, il tutto su qualcosa che puoi indossare ogni giorno.

Albert Titus, professore di ingegneria biomedica presso l’Università di Buffalo, afferma che la popolarità di dispositivi come l’Apple Watch ha eliminato gran parte della necessità di abbigliamento intelligente. “Sul mio orologio, posso misurare la mia frequenza cardiaca”, ha detto. “Se indosso una maglietta e misura la mia frequenza cardiaca, perché non dovrei semplicemente indossare un orologio?”

smart-fashion-esistente

I capi smart oggi sul mercato sono pochi e semplici, spesso costituiti da una capsula dotata di sensori che si aggancia a capi realizzati con tessuti convenzionali.

Maridav/Getty Images

Indossabili che puoi indossare… e non

Ci sono una manciata di capi intelligenti oggi sul mercato, che sono tutte soluzioni a sfide di nicchia. I pantaloni da yoga Nadi X utilizzano un sensore a clip con tattile vibrante e un’app abbinata per spingere chi li indossa in una forma migliore, mentre la calza intelligente Sensoria misura la posizione del piede e la cadenza durante la corsa.

LikeAGlove ha introdotto lentamente più indumenti intimi per la misurazione del corpo da quando è stato lanciato nel 2014 e ProGlove è uno scanner indossabile per i magazzinieri per scansionare i prodotti in modo più efficiente. E la tecnologia non è solo per gli adulti. Il calzino Owlet Dream si adatta perfettamente al piede del bambino per monitorare le statistiche del sonno.

Finora, però, i nomi più grandi hanno avuto meno successo. Una versione intelligente della giacca di jeans Levi’s Commuter annunciata nel 2015 utilizzava i circuiti di Project Jacquard di Google per consentire a chi lo indossava di controllare la propria musica con tocchi e scorrimenti. Era pulito, ma Levi non ha seguito una versione più avanzata.

Il gruppo Advanced Technology and Projects di Google, che ha sviluppato Jacquard, ha promosso da solo uno sforzo diverso: collaborare con i ricercatori dell’UC San Francisco per esplorare se i dispositivi indossabili standard e gli algoritmi di intelligenza artificiale possono misurare i movimenti del corpo con la stessa precisione del rilevamento del movimento utilizzato in laboratori. Ma a parte una manciata di pista una tantum collaborazioni basato sulla tecnologia Jacquard, Google non ha annunciato alcun progetto di abbigliamento intelligente così importante come la sua partnership con Levi’s. (Google ha rifiutato di commentare questo articolo.)

La vecchia tecnologia ha limitato anche i vestiti intelligenti che puoi acquistare ora. I pantaloni da yoga X di Nadi e il calzino intelligente Sensoria utilizzano sensori in plastica che si attaccano all’esterno dell’indumento, ma devono essere rimossi per ricaricarsi. C’è anche una funzionalità intelligente limitata (se presente) negli indumenti stessi, che fungono più da ancoraggi per i sensori.

I dispositivi indossabili hanno bisogno della loro app killer

Ogni annuncio di un nuovo abbigliamento intelligente sembra finire con la stessa malinconia: quando i sensori rivestono tutti i nostri vestiti e tracciano molti dati, possiamo raccogliere informazioni e apportare cambiamenti positivi alla nostra salute e forma fisica. Ma ci sono alcune grandi ragioni per cui quelle promesse rimangono sfuggenti.

Innanzitutto, i sensori devono toccare la tua pelle per ottenere qualsiasi dato. Questo ha senso per l’attrezzatura da ginnastica e l’abbigliamento indossato in campo medico, ma significa che probabilmente non avrai mai una camicetta o una camicia elegante.

“[The sensors] devono essere in contatto con il corpo in un modo che sia stabile e affidabile”, ha detto Titus. “E questo di solito significa qualcosa che aderisce vicino alla pelle”.

Per il prossimo futuro, Titus immagina abiti intelligenti in grado di risolvere specifici problemi di salute per un determinato periodo. Se qualcuno si stava riprendendo da una protesi di ginocchio, ad esempio, una ginocchiera intelligente potrebbe guidarlo attraverso esercizi di riabilitazione e correggere la sua forma fino a quando non è guarito. A lungo termine, tuttavia, è difficile immaginare che i consumatori indossino la stessa maglietta o indumento intelligente ogni giorno piuttosto che utilizzare un orologio o un fitness tracker.

Prima che riescano a trovare un'”app killer” che giustifichi l’uso quotidiano di capi intelligenti, i designer devono individuare i problemi che solo l’abbigliamento può risolvere. “A meno che tu non stia risolvendo un problema, l’abbigliamento intelligente sarà sempre più indietro rispetto a smartwatch e fitness tracker”, ha affermato Ramon T. Llamas, direttore della ricerca presso la società di analisi IDC. “Tutti questi sensori non serviranno a nulla a meno che non stiamo puntando a una sorta di soluzione”.

I lama hanno menzionato il calzino intelligente Owlet per bambini come una soluzione. Dice che per circa $ 299, i genitori potrebbero tranquillizzarsi sul fatto che qualsiasi irregolarità del sonno verrà rilevata, si spera prima che accada qualcosa come la Sindrome della morte infantile improvvisa. Sebbene i pediatri abbiano messo in dubbio l’accuratezza di un calzino intelligente per rilevare la SIDS, i suoi sensori forniscono una soluzione per un problema di nicchia che i dispositivi indossabili da polso non possono risolvere. (Owlet ha smesso di vendere i suoi calzini intelligenti negli Stati Uniti dopo che la FDA ha rimproverato l’azienda per aver venduto un prodotto che misura i livelli di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca per diagnosticare problemi medici senza l’autorizzazione dell’agenzia.)

“Non deve essere una soluzione per tutti, ma deve essere una soluzione”, ha detto Llamas.

Ma raccogliere più letture del corpo di uno smartwatch è una cosa. I dati devono anche essere utili e scalabili. Forse i professionisti medici vorranno un feed completo dei dati dei pazienti fuori dall’ospedale, o i comandanti militari tracceranno i parametri vitali dei soldati sul campo, ha teorizzato Titus.

“C’è del potenziale per un indossabile basato sull’abbigliamento [to] raccogliere più informazioni e diverse rispetto a quelle che puoi con un semplice orologio”, ha detto Titus. “Le persone stanno dimostrando che puoi farlo, ma per aumentarlo fino a creare mille o 10.000 o 100.000 maglie, [we’re] non necessariamente ancora lì”.

smart-moda-tessile

I ricercatori hanno realizzato sviluppi entusiasmanti nell’innovazione tessile intelligente, ma i materiali non sono ancora all’altezza del tessuto dell’abbigliamento convenzionale.

pirankha/Getty Images

Anche i materiali per gli indumenti devono recuperare

Dai un’occhiata ai concetti di abbigliamento più intelligenti e vedrai dispositivi prototipo cuciti in modo grezzo in abiti normali. È un segno che la scienza tessile non è ancora lì, con molti concetti di abbigliamento intelligenti che non riescono a raggiungere la longevità e la lavabilità dei vestiti normali. E i consumatori se ne sono accorti. Un sondaggio pubblicato nel numero di aprile 2021 di Applied Sciences ha rilevato che gli intervistati si sono opposti all’acquisto di abiti eleganti perché erano preoccupati per prestazioni, durata e disponibilità.

La maggior parte dei dispositivi indossabili oggi sul mercato sono realizzati con materiali convenzionali come cotone o nylon, ma con circuiti cuciti che trasportano i segnali dai sensori a un ricevitore. Il secondo tipo è costituito da tessuti speciali che rispondono agli stimoli, conducendo elettricità o reagendo a differenze di pressione o calore e inviando tali segnali ai ricevitori. La tecnologia AeroAdapt di Nike, che reagisce all’umidità (ad es. sudore) raggruppando il tessuto per aprire gli spazi per la ventilazione dell’aria, è uno dei pochi esempi attuali.

Tuttavia, i ricercatori stanno esplorando il potenziale degli indumenti reattivi e immaginano problemi che i dispositivi indossabili da polso non potrebbero risolvere. Il rapporto Tessuti intelligenti: un kit di strumenti per modellare il futuro apparso nel numero di aprile 2021 del Journal of Applied Physics elenca le potenziali caratteristiche che un indumento intelligente potrebbe avere e i tessuti che potrebbero renderli reali. Includono piccole lacrime autoriparanti, regolazione del calore e del flusso d’aria, monitoraggio delle ferite e cura delle stesse e persino robotica morbida per aiutare chi li indossa nel sollevamento o nel movimento.

Il rapporto illustra anche le sfide che rimangono per i tessuti intelligenti. Le collaborazioni di ricerca coinvolgono un’ampia gamma di campi, da scienziati, designer e tecnologi ad artisti, esperti di computer, ingegneri elettrici e produttori. Solo il 29% circa dei ricercatori tessili intelligenti ha un background nello studio dei tessuti, ma l’88% delle ricerche sull’argomento è pubblicato al di fuori delle riviste tessili. Coinvolgere esperti tessili per produrre capi speciali su larga scala è importante tanto quanto trovare nuovi modi per utilizzarli.

Titus afferma che le partnership tra esperti di elettronica e tessile sono il prossimo passo essenziale per entrare nelle applicazioni di un nuovo concetto tecnologico. Ha indicato come esempio la ricerca sui nanotubi di carbonio.

“Hai delle persone che marciano verso il basso [research] percorsi. Poi si rendono conto della necessità [those paths] per intersecare e poi si uniscono e iniziano a lavorare”, ha detto Titus. “Ottieni le cose nuove quando ottieni quel tipo di miscelazione incrociata”.

Ci sono altri modi per innovare la produzione mentre la scienza dei materiali migliora. Jim McCann, professore associato del Robotics Lab presso la Carnegie Mellon University, ha iniziato a fare ricerche sui tessuti intelligenti quando si è reso conto che l’industria non aveva risolto un problema più basilare. Ha ancora bisogno di migliorare la progettazione assistita da computer e gli strumenti di produzione assistita da computer per le macchine tessili in modo che possano realizzare tessuti su larga scala in un’ampia varietà di forme tridimensionali personalizzate. L’obiettivo sono vestiti in più taglie per adattarsi a corpi diversi o pre-modellare tessuti avanzati come la fibra di carbonio che in genere devono essere modellati a mano.

Alla fine, anche i nuovi strumenti di progettazione potrebbero aiutare le macchine a produrre tessuti intelligenti. Ma McCann dubita che sarebbe molto utile tessere molti sensori in abiti che trasformano il tuo corpo in un touchpad, come la giacca Jacquard Levi’s. La pelle umana può già percepire molto, ma forse possiamo formare tessuti pieni di sensori per adattarsi ad altri tipi di forme del corpo, come quelli di un robot.

“Potrebbe avere molto senso avere un intero braccio robotico come touchpad perché vuoi davvero sapere se il tuo braccio robotico sta per imbattersi in qualcuno”, ha detto McCann. “Questa capacità di creare sensori flessibili potrebbe essere davvero utile per la robotica”.

Forse i tessuti conduttivi e ricchi di sensori potrebbero essere applicati completamente al di fuori dell’industria dell’abbigliamento, rifletté. O forse potrebbero sostituire il cablaggio elettrico all’interno di una casa o essere utilizzati in edifici modulari.

Il progresso è possibile anche nel modo in cui produciamo i nostri tessuti. Kornit, un produttore di stampanti industriali che stampano in modo flessibile inchiostro pigmentato su tessuto, ha una soluzione per alleviare le attuali pressioni della catena di approvvigionamento sulle spedizioni di abbigliamento. Propone di prendere ordini più piccoli per capi personalizzati e di trovare il partner di produzione più vicino per evadere l’ordine. L’azienda afferma che il risultato sarebbe una minore spedizione, un minor numero di capi di abbigliamento rimasti dopo un ciclo di moda e meno sprechi.

Kornit può anche stampare design fisici che agiscono in modo simile ai codici QR. Visualizzabili con un’app Kornit su misura, si collegano a video online permettendoti, ad esempio, di guardare un video clip online di un evento sportivo che ami. Non sono capi intelligenti come li pensiamo ora, ma interagiscono con il mondo digitale in un modo diverso e sono qui oggi.

Ci sono ancora molte cose da capire per i dispositivi indossabili intelligenti, incluso chi ha accesso e se saranno abbastanza convenienti da permettere a una persona di riempire un intero guardaroba. Ma quelle discussioni aspetteranno fino a quando non scopriremo il ruolo che gli indumenti intelligenti hanno nelle nostre vite. E per il momento, questa è una domanda a cui non abbiamo ancora risposto.

Leave a Comment