Uno stile di vita sano è associato a più anni senza Alzheimer

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Uno studio statunitense pubblicato da Il Bmj oggi suggerisce che uno stile di vita sano è associato a un’aspettativa di vita più lunga sia tra gli uomini che tra le donne e che vivono una parte maggiore dei loro anni rimanenti senza il morbo di Alzheimer.

I risultati mostrano che uno stile di vita sano è associato a aspettative di vita più lunghe, ma soprattutto anni in più non significano anni in più vissuti con l’Alzheimer.

Si prevede che il numero di persone che convivono con l’Alzheimer e altre demenze triplicherà in tutto il mondo entro il 2050, da circa 57 milioni nel 2019 a 152 milioni nel 2050.

Uno stile di vita sano (esercizio adeguato, impegno cognitivo e una dieta sana) può ridurre il rischio di demenza e prolungare l’aspettativa di vita.

Inoltre, il raggiungimento dell’età avanzata è associato a un rischio più elevato di Alzheimer. Quindi, sebbene uno stile di vita più sano possa ritardare l’insorgenza della demenza di Alzheimer, restava la domanda se potesse aumentare gli anni trascorsi con la malattia.

Per indagare ulteriormente su questo problema meno noto, un team di ricercatori statunitensi e svizzeri ha analizzato il potenziale impatto di uno stile di vita sano sul numero di anni trascorsi convivendo con e senza l’Alzheimer.

Lo studio analizza i dati di 2449 partecipanti di età pari o superiore a 65 anni (età media 76), senza storia di demenza, nell’ambito del Chicago Health and Aging Project (CHAP).

I partecipanti hanno completato questionari dettagliati su dieta e stile di vita ed è stato sviluppato un punteggio di stile di vita sano basato su: una dieta ibrida mediterranea-DASH (una dieta ricca di cereali integrali, verdure a foglia verde e bacche e povera di fast food/fritti e carni rosse); attività cognitivamente stimolanti in tarda età; almeno 150 minuti a settimana di attività fisica; non fumare; consumo di alcol da basso a moderato.

Le attività cognitive includevano la lettura, la visita a un museo o le parole crociate.

Per ogni fattore di stile di vita, i partecipanti hanno ricevuto un punteggio di 1 se soddisfacevano i criteri per la salute e 0 in caso contrario. I punteggi di cinque fattori legati allo stile di vita sono stati sommati per ottenere un punteggio finale compreso tra 0 e 5. Un punteggio più alto indicava uno stile di vita più sano.

Dopo aver preso in considerazione altri fattori potenzialmente influenti, tra cui età, sesso, etnia e istruzione, i ricercatori hanno scoperto che, in media, l’aspettativa di vita totale all’età di 65 anni nelle donne e negli uomini con uno stile di vita sano era rispettivamente di 24,2 e 23,1 anni. Ma per le donne e gli uomini con uno stile di vita meno sano, l’aspettativa di vita era più breve: 21,1 e 17,4 anni, mostra lo studio.

Per le donne e gli uomini con uno stile di vita sano, rispettivamente il 10,8% (2,6 anni) e il 6,1% (1,4 anni) degli anni rimanenti sono stati vissuti con l’Alzheimer, rispetto al 19,3% (4,1 anni) e al 12,0% (2,1 anni) dei partecipanti allo studio con uno stile di vita meno sano.

All’età di 85 anni, queste differenze erano ancora più evidenti.

Sebbene lo studio fosse basato sulla popolazione con follow-up a lungo termine, si trattava di uno studio osservazionale e, in quanto tale, non può stabilire la causa.

I ricercatori indicano alcune altre limitazioni. Ad esempio, gli stili di vita sono stati riportati automaticamente, portando probabilmente a errori di misurazione e le stime fornite in questo studio non dovrebbero essere generalizzate ad altre popolazioni senza ulteriori ricerche e convalide. Tuttavia, i ricercatori concludono: “Questa indagine suggerisce che un’aspettativa di vita prolungata a causa di uno stile di vita sano non è accompagnata da un numero maggiore di anni di convivenza con la demenza di Alzheimer”.

Le stime dell’aspettativa di vita qui presentate “potrebbero aiutare gli operatori sanitari, i responsabili politici e le parti interessate a pianificare servizi, costi e bisogni sanitari futuri”, aggiungono.

In un editoriale collegato, un ricercatore dell’Università del Michigan sottolinea le “importanti implicazioni dello studio per il benessere delle popolazioni che invecchiano e per le relative politiche e programmi di salute pubblica”.

Sostiene che lo sviluppo e l’attuazione di programmi di intervento per ridurre il rischio del morbo di Alzheimer e di altre demenze è di fondamentale importanza negli sforzi globali per ridurre la pressione sui sistemi sanitari stressati, sugli operatori sanitari e sui caregiver retribuiti e non.

“Promuovere un maggiore impegno in stili di vita sani può aumentare gli anni di vita liberi dalla demenza, ritardando l’insorgenza della demenza senza prolungare gli anni di vita trascorsi con la demenza”, conclude.


Abitudini sane nella mezza età legate a una vita più lunga senza malattie


Maggiori informazioni:
Stile di vita sano e aspettativa di vita con e senza demenza di Alzheimer: studio di coorte basato sulla popolazione, Il Bmj (2022). DOI: 10.1136/bmj.o885

Fornito da British Medical Journal

Citazione: Uno stile di vita sano è associato a più anni senza Alzheimer (2022, 13 aprile) recuperato il 13 aprile 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-04-healthy-lifestyle-years-alzheimer.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment