Il pannello delle riparazioni della California si riunisce nella chiesa storica | Stile di vita

SAN FRANCISCO (AP) — I membri della prima task force per le riparazioni della California si sono riuniti mercoledì in una storica chiesa afroamericana a San Francisco, facendo la propria storia mentre lavorano per educare il pubblico e sviluppare una proposta di restituzione per il persone danneggiate dall’istituzione della schiavitù.

L’incontro di due giorni presso la Third Baptist Church nel distretto cittadino di Fillmore è stata la prima volta che la task force di nove membri si è riunita di persona dalla sua riunione inaugurale quasi un anno fa. L’incontro arriva poche settimane dopo che il gruppo ha votato per limitare la restituzione ai discendenti dei neri ridotti in schiavitù.

La presenza mattutina è stata leggera, ma le emozioni in gran parte esultanti. Circa una dozzina di relatori si sono messi in fila per un commento pubblico, alcuni ringraziando i membri della task force per aver intrapreso il suo lavoro critico.

“Tutti qui fanno parte della storia”, ha detto prima dell’incontro Chris Lodgson della Coalition for a Just and Equitable California, un gruppo di difesa delle riparazioni. “Non potrei essere più eccitato e benedetto, davvero, per essere qui.”

L’incontro di mercoledì si è tenuto in un quartiere un tempo pieno di locali notturni e negozi afroamericani fino a quando la riqualificazione del governo non ha costretto i residenti a lasciare i residenti, un ottimo esempio di come le politiche locali abbiano decimato un quartiere nero.

Più di tre dozzine di persone erano sui banchi di legno per l’intera giornata di riunione. La chiesa ospiterà un forum serale sulle riparazioni. Il suo parroco è il Rev. Amos Brown, vicepresidente della task force e presidente della sezione di San Francisco della NAACP.

governo Gavin Newsom ha firmato la legislazione che ha creato la task force biennale per le riparazioni nel 2020, rendendo la California l’unico stato a portare avanti la missione di studiare l’istituzione della schiavitù, educare le persone sulle sue scoperte e sviluppare rimedi. Le riparazioni a livello federale non sono andate da nessuna parte, ma le città e le università di tutto il paese stanno affrontando la questione.

Il membro del comitato Cheryl Grills, psicologa clinica e professoressa alla Loyola Marymount University, ha affermato prima della riunione che il compito è scoraggiante dato che i sostenitori dovranno elaborare un piano di riparazione che sarà approvato dai legislatori e finanziato dal governo. Ma ha riconosciuto l’eccitazione.

“Non ci siamo mai avvicinati così tanto all’essere effettivamente riconosciuti, visti, compresi, empatizzati”, ha detto. “Questo paese non l’ha mai fatto”.

In un voto drammatico il mese scorso, la task force della California si è divisa 5-4 per limitare le riparazioni alle persone che possono dimostrare di discendere da neri schiavi o liberi negli Stati Uniti a partire dal 19° secolo. Coloro che preferiscono una più ampia ammissibilità affermano che le riparazioni basate sul lignaggio escludono ingiustamente i neri che hanno anche subito una discriminazione sistematica.

Dalla riunione inaugurale di giugno, il panel di nove membri ha dedicato gran parte del suo tempo all’ascolto di esperti in aree importanti come l’alloggio e i senzatetto, il razzismo nel settore bancario e la discriminazione nella tecnologia.

L’agenda di mercoledì include testimonianze di esperti in materia di istruzione, mentre giovedì il comitato discuterà un rapporto che sarà reso pubblico a giugno che mostra come l’istituzione della schiavitù continua a risuonare in tutta la California, anche sotto forma di disparità di reddito familiare, salute, lavoro e carcerazione.

I membri della task force sono stati nominati dal governatore e dai leader delle due camere legislative. Un piano per le riparazioni è dovuto al legislatore nel 2023.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

.

Leave a Comment