Penna alla mano: segni di primavera nonostante la siccità | Stile di vita

Questo è stato un altro anno secco sulle montagne di Tehachapi: l’inverno/primavera del 2022 ha prodotto solo circa sette pollici di precipitazioni da pioggia e neve. La nostra media storica, basata su circa 140 anni di dati meteorologici, è stata di circa 12 pollici di umidità all’anno. Nonostante questo deficit, tuttavia, ci sono ancora alcune straordinarie esibizioni di fiori selvatici, una crescente attività di farfalle e altri insetti e persino piccoli ruscelli che scorrono in alcuni punti.

La capacità di sopravvivere e persistere di fronte alle avversità è una delle caratteristiche distintive del mondo naturale. Se piante e animali riescono a trovare un modo possibile per sopravvivere, lo faranno. Trovo molto stimolante questa primavera vedere colonie di fiori di campo gialli, arancioni, bianchi, blu, viola e rosa illuminare di colore i campi e le colline nonostante le condizioni siccitose.

I papaveri della California stanno ricoprendo gli alti pendii e le terrazze sul lato nord della Cummings Valley in questo momento, accogliendo macchie di arancione mentre ti avvicini all’ingresso della Bear Valley. Ci sono Hilltop Daisies gialle in diverse vaste eruzioni su Cable Hill, la grande cresta arrotondata che fa da sfondo all’autostrada 58 e all’ufficio postale di Tehachapi. Puoi letteralmente vederli da diverse miglia di distanza.

I lupini di uva soda, in un bellissimo viola saturo con riflessi bianchi, stanno ora fiorindo sul lato nord dell’Oak Creek Pass mentre scendi verso il deserto del Mojave. Queste piante perenni resistenti sono più vivaci ed estese di quanto non siano state negli anni.

Le mostre di fiori selvatici di quest’anno stanno fornendo una bella prova visiva del fatto che la tempistica delle piogge è così cruciale per il loro successo. Possiamo ottenere cinque o sei pollici di umidità nella fredda fine di dicembre, quando la maggior parte delle piante è dormiente o non ha ancora germinato dai semi, e tutta quell’acqua non sarà così benefica come un paio di piogge scarse di un quarto di pollice a marzo , quando le temperature si sono riscaldate e le piante stanno effettivamente crescendo e possono utilizzare ogni irrigatore aggiuntivo che possono ottenere.

La primavera è di solito la nostra stagione più ventosa e quest’anno segue il copione. Il 4 aprile c’era un’enorme nuvola lenticolare splendidamente scolpita nella parte orientale della valle di Tehachapi, dove si formano tipicamente. Mentre il nome scientifico per loro è altocumulous lenticularis, i veterani le chiamavano semplicemente “nuvole di vento” e dicevano che indicavano venti forti in alto, e di solito anche più vicini al suolo.

Anche se non abbiamo avuto abbastanza neve o pioggia per attivare la maggior parte dei nostri ruscelli stagionali, c’è dell’acqua che scorre in luoghi come Tehachapi Creek, Sycamore Creek e le parti superiori del Caliente Creek. È così gratificante vedere l’acqua di superficie che scorre nell’arido Occidente. Non vedo l’ora che arrivi il prossimo inverno piovoso, quando sarà, in modo che l’acqua possa nuovamente visitare i letti di torrenti secchi di Oak Creek, Brite Creek, Cache Creek e altri. E il suono magico e musicale dell’acqua che scorre può essere udito di nuovo in quei luoghi. . .

L’ho già detto, e lo ripeto: la primavera dura poco. Regala a te stesso e alla tua famiglia o a un amico una passeggiata, un’escursione o un giro in auto all’aria aperta per goderti la bellezza effimera di questa stagione più mite, incastonata tra le fredde giornate invernali e le calde giornate estive.

Avere una buona settimana.

Jon Hammond scrive per Tehachapi News da oltre 40 anni. Invia e-mail a tehachapimtnlover@gmail.com.

.

Leave a Comment