Mo’na Manhoben Youth Summit affronta le questioni della comunità | Stile di vita

Il futuro della nostra isola risiede nei nostri giovani. Tuttavia, non abbiamo bisogno di aspettare fino a quando non siamo completamente cresciuti per cambiare il mondo in un posto migliore per noi stessi. I giovani possono iniziare a fare la differenza oggi e finalmente è stata data loro l’opportunità di farlo.

Sabato al Westin Resort Guam si è tenuto il primo vertice giovanile di Mo’na Manhoben. La Somnak Ballroom era gremita di oltre 100 giovani che cercavano di pianificare un futuro migliore per la loro comunità.

L’età dei partecipanti variava dai 15 ai 25 anni, con liceali di scuole pubbliche e private, nonché studenti universitari e laureati del Guam Community College e dell’Università di Guam.

Il vertice è stato organizzato dal Congresso dei giovani di Guam, dal Consiglio consultivo per i giovani del Governatore, dagli Ambasciatori dei giovani per la crescita verde di Guam, insieme al sostegno degli uffici del Governatore e Luogotenente Governatore, GCC e UOG.

“Volevamo che fosse accogliente, confortevole e dimostrasse ai giovani che oggi siamo i leader; siamo noi che rompiamo le barriere”, ha affermato Nolan Flores, membro del Guam Youth Congress e comitato di pianificazione del vertice. “Non c’è bisogno di aspettare niente. Possiamo agire ora”.

La conferenza di sei ore è stata piena di cibo e divertimento. Comprendeva anche i discorsi dei relatori principali Kersha Taitano e il tenente governatore. Joshua Tenorio e una performance ospite di The John Dank Show.

Il vertice è stato il secondo di una serie di tre conferenze tenute per il vertice di Mo’na Manhoben, che ha riunito le organizzazioni giovanili per impegnarsi e collaborare tra loro per formare un piano d’azione per i giovani.

La prima parte della conferenza si è tenuta il 19 marzo, durante la quale un piccolo gruppo di studenti ha identificato i problemi che interessano i giovani nella comunità.

La seconda parte ha coinvolto ancora più partecipanti, che hanno escogitato soluzioni a questi problemi utilizzando il Guam Green Growth Action Framework.

La terza e ultima parte del vertice si svolgerà il 30 aprile, durante la quale i partecipanti presenteranno il loro piano d’azione ai leader del governo e delle imprese.

I partecipanti sono stati suddivisi in gruppi in base ai livelli di interesse che avrebbero voluto migliorare nella comunità, come salute e benessere, uguaglianza ed equità, sostenibilità e azione per il clima, istruzione e opportunità e attività per i giovani.

I gruppi hanno discusso le questioni prevalenti nella loro comunità all’interno del loro argomento specifico.

Durante la conferenza, i partecipanti hanno imparato a fissare obiettivi specifici, misurabili, realizzabili, realistici e tempestivi. Ciascun gruppo ha utilizzato questo metodo “SMART” per elaborare un piano che migliorasse questi problemi.

Attraverso diverse ore di lavoro di squadra, Flores crede che gli studenti miglioreranno le loro capacità di collaborazione e comunicazione dopo essere stati separati l’uno dall’altro.

“Sin dalla pandemia, tutti hanno desiderato ardentemente interazioni di persona. Sono contento che i giovani siano stati in grado di scambiare pensieri, idee e parlare di differenze e somiglianze con tutti”, ha detto Flores.

Da questo Summit dei giovani, diversi giovani hanno portato via le esperienze chiave che li hanno ispirati come giovani sulla nostra isola.

“È stato molto stimolante incontrare così tanti giovani che la pensano allo stesso modo e imparare dalle loro idee ed esperienze, oltre a condividere le mie. Mi ha fatto venire voglia di partecipare a più eventi simili e di approfondire la sostenibilità e le questioni ambientali”, ha affermato Maria Calvo, una matricola alla St. John’s School.

“Questa esperienza mi ha davvero aperto gli occhi su ciò che posso fare in termini di carriera e mi ha mostrato cosa posso fare ora da giovane”, afferma Evan Perez della Harvest Christian Academy. “Dopo questo ho potuto vedermi entrare in qualcosa che si occupava di risolvere i problemi e migliorare la comunità”.

Questa conferenza ha messo in evidenza l’importanza dei giovani tra le decisioni future dell’isola.

“Possiamo portare avanti queste cose, ma dobbiamo portarlo nella direzione dei giovani. Non possiamo imporre e prendere decisioni per loro. Devono apportare quel cambiamento piuttosto che aspettarlo”, ha detto Flores.

Con conferenze come questo Youth Summit, gli studenti diventeranno più preparati ad agire per la comunità di Guam.

Come ha detto Kersha Taitano nel suo discorso, “Pianta il tuo seme dove vuoi che cresca il tuo giardino”.

.

Leave a Comment