Zerodha avvia la “sfida BMI” incoraggiando i dipendenti a condurre uno stile di vita sano, disegna Flak

Una piattaforma di agenti di cambio chiamata “Zerodha” si è trovata circondata da polemiche, a causa di una recente iniziativa. Per incoraggiare una vita sana tra i suoi dipendenti, ha avviato una “Sfida BMI” in cui darà un bonus salariale a coloro il cui indice di massa corporea (BMI) è calcolato inferiore a 25. Non solo loro, una persona che assiste a un grande cambiamento nella media BMI sarà premiato per i loro sforzi.

Il CEO di Zerodha, Nithin Kamath, ha condiviso il suo piano su Twitter stabilendo i dettagli necessari. Tuttavia, quella che era iniziata come una nobile iniziativa si è rivelata un incubo poiché diversi netizen lo hanno criticato per aver fatto pressioni sui loro lavoratori affinché sembrino in un certo modo e averli umiliati affrontando tali sfide.

Che cos’è la “sfida dell’IMC”?

L’iniziativa per la salute ‘divertente’ è stata lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Salute il 7 aprile. “Stiamo conducendo un programma di salute divertente a Zerodha. Chiunque nel nostro team con BMI < 25 riceve mezzo mese di stipendio come bonus. L'IMC medio del nostro team è 25,3 e se riusciamo ad arrivare a <24 entro agosto, tutti riceveranno un altro mezzo mese come bonus. Sarebbe divertente competere con altre società", ha twittato Kamath a proposito della sfida.

Per chi non lo sapesse, l’indice di massa corporea viene calcolato con l’aiuto dell’altezza e del peso di una persona. Aiuta a determinare se una persona è sottopeso, sovrappeso o obesa. L’intervallo medio di BMI è compreso tra 18,5 e 24,9. Se una persona ha meno di 18,5 anni, sarà considerata sottopeso. Tuttavia, se l’IMC scende tra 25,0 e 29,9, sarà considerato sovrappeso.

Alla luce di ciò, Kamath ha condiviso anche un disclaimer. Aggiunge: “So che l’IMC non è la misura migliore per monitorare la salute e la forma fisica, ma è il modo più semplice per iniziare. Con la salute e la maggior parte delle altre cose nella vita, la cosa più importante è iniziare”.

Nobile incentivo andato storto

L’iniziativa di Kamath mira a incoraggiare i dipendenti a mantenersi in forma. Con l’incentivo monetario aggiunto, la sfida è di natura redditizia. Tuttavia, sin dal suo inizio, la sfida BMI ha ricevuto critiche su Internet.

Sotto il tweet di Nithin Kamath, i netizen lo hanno criticato per le persone che si vergognano del grasso e per aver struggeto su di loro aspettative irrealistiche sull’immagine corporea. Un utente ha detto: “Ehi Nithin! Apprezzo molto lo sforzo di incentivare e ludicizzare la salute dei dipendenti. Ma lo stesso obiettivo generale per tutti può essere una strategia problematica poiché, a un livello di rischio più basso, può far associare il proprio valore al peso. o taglia.”

I problemi relativi all’immagine corporea giocano un ruolo dannoso nella nostra salute mentale. È equiparato alla nostra autostima e l’antipatia nei suoi confronti può demoralizzarci immensamente. Inoltre, questo può portare a disturbi alimentari.

“Questa è una grave discriminazione e vergogna del corpo. Non c’è niente di ‘divertente’ nel tuo programma. Perché la mia paga o un bonus dovrebbero essere collegati al mio tipo di corpo? L’unica cosa rilevante è il mio lavoro”, è intervenuto un altro utente.

“Sedersi è il nuovo fumo”

Nonostante il contraccolpo, Nithin Kamath resiste alla sfida. “Abbiamo sperimentato un sacco di idee dopo COVID e WFH per aiutare il team a pensare alla propria salute. Stare seduti è il nuovo fumo e l’idea è stata quella di spingere tutti a muoversi”, ha aggiunto in un tweet.

Mentre molti hanno promesso il loro sostegno al programma, molte persone hanno ancora criticato Kamath per non aver visto il quadro più ampio. Iniziata come un’iniziativa positiva, collegare l’immagine corporea di un dipendente con le sue prestazioni in ufficio può essere superfluo, soprattutto quando ha un impatto sulla propria autostima e identità.

Leggi anche: La donna americana che è stata trollata come “troppo brutta” pubblica selfie ogni giorno per un anno, vince cuori

.

Leave a Comment