Viaggiando da soli: Salton Sea – Bombay Beach | La festa del cibo! | Laura Stec

Di Laura Stec

Invia un’e-mail a Laura Stec

A proposito di questo blog: Sono stato attratto dal cibo per buoni e cattivi motivi per molti anni. Dal disturbo alimentare alla scuola di cucina della costa orientale, il cibo è stata la mia passione, professione e nemesi. Sono stato un drogato di zucchero, un vegetariano di 17 anni, un cibo e… (Altro)

Visualizza tutti i post di Laura Stec

Un buon modo per immergerti nel viaggio da solo è un viaggio combinato; uno che mescola il delizioso tempo personale da solo con quello della famiglia e degli amici. È così che è stato organizzato questo viaggio. Incontrerei gente al Joshua Tree National Park, incastrata tra il tempo che vola da solo.

Prima una fredda doccia mattutina in una calda mattina del deserto: la luce del sole filtra attraverso le doghe di legno della stalla riscaldando contemporaneamente la pelle raffreddata dall’acqua. Mi sento vivo. Lasciò Mecca Beach e si diresse a sud lungo la lunga costa bianca fino alla California sconosciuta. Non c’è molto là fuori. Non avevo intenzione di fermarmi lungo la strada, ma benvenuti a viaggiare da solo. Puoi fermarti ovunque, in qualsiasi momento. Il nostro compito è prestare attenzione quando le energie chiamano. I viaggiatori su strada sfrecciano dritti, senza mai lasciare l’auto. I viaggiatori vedono il mondo come una mappa vivente. Trascorri tutto il tempo che vuoi per trovare le chiavi segrete. Nessuno ti distrae. Nessuno ha bisogno di più da te.

Ho ronzato davanti a un cartello sulla strada, ma l’intuizione dei viaggiatori mi ha fatto voltare. Qual è quel posto? Il viaggio è destinazione.

Abbastanza sicuro – oh mio. Secondo Wikipedia, Bombay Beach è la comunità più bassa degli Stati Uniti – 223 piedi (68 m) sotto il livello del mare. Era la festa nel deserto per i playboy di Hollywood come Frank Sinatra, Rat Pack e Beach Boys. Anni dopo, un mare degradato respinse la gente e divenne una città fantasma. Fino a poco tempo fa, quando Bombay Beach ha iniziato a risorgere dalle ceneri. “Un afflusso di artisti, intellettuali e hipster lo ha trasformato in un parco giochi bohémien”. –Il guardiano.

C’era troppo brusio per una città fantasma quella mattina. Stava succedendo qualcosa. L’unico ristorante/bar in città era pieno, il famigerato Ski Inn. Una band dal vivo suonava nell’entroterra.


Domanda: Dove vanno i viaggiatori per scoprire lo scoop locale in città?
Risposta: La classica mossa del viaggiatore: trova un bar locale, ordina un drink, inizia a fare domande.

“Sei stato fortunato”, dice il ragazzo sullo sgabello accanto a me. “Questo fine settimana è Bombay Beach Biennale, (un festival in stile Burning Man) con artisti internazionali incaricati di esporre. Scopo pubblico esclusivo. Non c’è promozione. Succede solo una volta ogni due anni. Assicurati di tornare stasera.

Ok ora – quali sono le possibilità? Questa è la parte della storia in cui iniziamo a parlare della magia del viaggio in solitaria, o della magia del camminare, come veniva chiamata durante la California State Peace Walk del 1988. Occasioni e connessioni divertenti casuali accadono là fuori, non sto scherzando – totalmente in sintonia con te e il tuo ambiente.

C’era un’altra band dal vivo che suonava all’American Legion all’estremità della città – un sacco di gente occasionale che si divertiva. Anche molte persone con cui parlare. I calci sociali sono importanti nei viaggi da soli. ma prendilo quando vuoi Una buona linea di apertura è Ciao, sono nuovo in città, sei di qui? Se dicono tu dici, Parlami della tua città, cosa dovrei vedere e fare? Ti parleranno per ore.

Le installazioni artistiche (alcune vivono come Dtox-City in basso, dove fai parte dell’arte) erano intervallate da case abbandonate e roulotte abbandonate. In parte deposito di rottami, in parte studio d’arte, era un nascondino per i ben guariti. Percorri le strade pianeggianti che attraversano la città e raggiungi la spiaggia. Trova sorprese ovunque.



– Arrampicata con enormi palle da discoteca rotanti e un piano lounge







– Detox City dell’artista Judyth Greenburgh



– Ha un falso scavo

Bombay Beach è un perfetto esempio di un evento di viaggio da solista, pianificato a volte grazie ai tuoi sforzi e altre volte piacevolmente a sorpresa: intrattenimento vario che è facile sentirsi a proprio agio facendo da soli: investigazione artistica, musica all’aperto, tanto camminare, andare in bicicletta, panorami, ristorante/bar locale. Ecco alcune delle opere d’arte sulla spiaggia…




– foto di AT

Dopo aver esplorato Bombay Beach per ore, era ora di trovare il campo.

E che storia è.

-Foto di LSIC se non diversamente specificato

Al fine di incoraggiare una discussione rispettosa e ponderata, gli utenti registrati possono commentare le storie. Se sei già un utente registrato e il modulo per i commenti non è qui sotto, devi effettuare il login. Se non sei registrato, puoi farlo qui.

Assicurati che i tuoi commenti siano veritieri, sull’argomento e non manchino di rispetto a un altro poster. Non essere irriverente o sminuire. Tutti i messaggi sono soggetti ai nostri TERMINI DI UTILIZZO e possono essere cancellati se ritenuti inappropriati dal nostro personale.

Vedi il nostro annuncio sulla richiesta di registrazione per commentare.

Leave a Comment