“Più bello dell’Europa”: gli indiani affollano i laghi e le barche del Kashmir

Srinagar, India (Reuters) — Il Kashmir amministrato dall’India sta attirando turisti record dopo l’allentamento delle restrizioni pandemiche e alcuni miglioramenti nella situazione della sicurezza, rafforzando le attività commerciali locali.

Gli arrivi di turisti dovrebbero toccare il massimo degli ultimi 10 anni quest’anno dopo che più di 340.000 turisti sono arrivati ​​da gennaio, hanno affermato i tour operator locali e i funzionari governativi, nonostante le restrizioni sui turisti stranieri e alcuni recenti episodi di violenza.

Il turismo è precipitato in Kashmir dopo che l’amministrazione del primo ministro Narendra Modi ha privato la regione del suo status speciale e della sua autonomia nel 2019, e in seguito, quando la pandemia di Covid-19 ha ridotto gli afflussi di turisti nazionali ed esteri.

“Stiamo assistendo al più alto numero di arrivi di turisti in Kashmir quest’anno con 0,18 milioni di turisti che arrivano solo a marzo”, ha detto a Reuters Sarmad Hafeez, segretario al turismo per Jammu e Kashmir, aggiungendo che gli arrivi di aprile potrebbero superare marzo.

Insieme all’orticoltura e all’agricoltura, il turismo è un’industria importante per il Kashmir, che contribuisce per circa il 7% alla sua economia, secondo i dati del governo.

Presentandosi come “il paradiso terrestre”, il Kashmir ospita il lago Dal, che secoli fa era uno dei preferiti dagli imperatori Mughal in fuga dalla calura estiva delle pianure dell’India. Le famose case galleggianti del lago sono le principali attrazioni insieme al vicino giardino dei tulipani Indira Gandhi, il più grande dell’Asia, e alle montagne e ai ghiacciai della regione.

Hafeez ha affermato che una campagna pubblicitaria nelle principali città indiane e l’apertura di nuove destinazioni attirano più turisti.

Il barcaiolo Wali Mohammad Bhat, 54 anni, ha affermato di non aver avuto lavoro durante la pandemia, “ma ora guadagno da 1.000 a 1.500 rupie ($ 13- $ 20) al giorno e ci aspettiamo una buona stagione turistica”.

prenotazione anticipata

Molti albergatori e proprietari di case galleggianti hanno affermato che i turisti hanno prenotato le camere in anticipo per le prossime due settimane e che i guadagni li hanno aiutati a pagare parte dei loro debiti.

Dopo un intervallo di anni, albergatori, tassisti e tour operator stanno facendo affari molto vivaci, ha detto Ghulam Hassan Bhat, 75 anni, un tour operator di Srinagar.

“Le tariffe delle camere negli hotel sono aumentate di oltre il 30% rispetto al periodo pre-Covid e c’è un’enorme corsa alle prenotazioni”, ha affermato.

La corsa è così forte che i tour operator hanno affermato di avere difficoltà a trovare prenotazioni per i loro clienti poiché gli hotel sono pieni tra l’80% e il 90% e le tariffe aeree sono aumentate.

“Le camere d’albergo non sono disponibili in buone posizioni”, ha affermato Pronab Sarkar, un tour operator con sede a Nuova Delhi e past presidente dell’Indian Tour Operators Association.

Molti turisti di fascia alta provenienti dalle regioni indiane più ricche come Gujarat, Delhi e Mumbai stavano optando per il Kashmir, invece delle destinazioni in Europa a causa dell’incertezza legata alla pandemia, hanno affermato gli operatori.

“Abbiamo alloggi limitati di fascia alta e servizi di trasporto commerciale qui, il che è una sfida importante per noi”, ha affermato Mohammad Yasin Tuman, socio amministratore di Mascot Travels.

Ma i turisti non sono preoccupati.

Navdeep Singh e sua moglie Gurpreet Kaur sono venuti in Kashmir dall’Australia, dicendo di essere rimasti incantati dalla sua bellezza.

“Ho viaggiato in tutta Europa, ma questo posto è più bello. Le persone sono cordiali e amichevoli e non abbiamo riscontrato alcun tipo di problema qui”, ha detto.

Immagine in alto: l’Indira Gandhi Memorial Tulip Garden, precedentemente Siraj Bagh, contiene circa 1,5 milioni di tulipani in oltre 60 varietà. Credito: Idrees Abbas/SOPA/Sipa/Reuters

.

Leave a Comment