La guerra Russia-Ucraina ha un impatto limitato sulle prenotazioni delle vacanze in Europa

I viaggiatori che prenotano viaggi di lusso in Europa non hanno cancellato durante la guerra in Ucraina, afferma la consulente di viaggio Jessica Griscavage di Runway Travel. Nella foto, Grignan, Francia.

Westend61 | Westend61 | Getty Images

Mentre l’invasione russa dell’Ucraina continua senza fine, come vengono influenzati i piani delle vacanze europee degli americani? Dipende da chi chiedi, ma nel complesso la risposta sembra trovarsi da qualche parte tra “per niente” e “leggermente”.

L’app di viaggi Hopper ha notato un calo delle ricerche di voli per il continente già a febbraio, insieme a un notevole aumento delle tariffe aeree. Eppure una consulente di viaggio afferma di non aver visto diminuire l’entusiasmo per le prenotazioni o le partenze europee dei suoi clienti.

Jennifer Griscavage, fondatrice di Runway Travel, un’affiliata indipendente di McLean, con sede in Virginia, McCabe World Travel, è stata “molto impegnata a prenotare viaggi in Europa” nonostante la guerra in Ucraina.

“L’impatto più grande che abbiamo visto è la preoccupazione di viaggiare in uno qualsiasi dei paesi che condividono un confine con la Russia o l’Ucraina”, ha affermato, in particolare dai clienti che prenotano un viaggio “lista dei desideri” nella città portuale russa di San Pietroburgo come parte di una crociera nel Mar Baltico.

“Purtroppo le compagnie di crociera hanno dovuto annullare le soste a San Pietroburgo [so] la maggior parte dei nostri clienti ha spostato queste partenze nel 2023”, ha aggiunto.

Altro da Finanza personale:
Andare all’estero? La tua destinazione potrebbe richiedere un’assicurazione di viaggio
Gli americani sono pronti a viaggiare mentre le loro paure sull’omicron svaniscono
Ecco dove gli americani vogliono viaggiare all’estero

Quella notizia non è eccezionale per le destinazioni vicine alla zona di conflitto o al confine con la Russia o l’Ucraina, poiché avevano già subito maggiori cali di visitatori complessivi a causa della pandemia, secondo la Commissione europea per i viaggi a Bruxelles. La Repubblica Ceca ha registrato un calo degli arrivi dell’81% lo scorso anno rispetto al 2019, seguita da Finlandia, a -80%, Lettonia a -78%, Estonia a -77%, Slovacchia a -76% e Lituania a -74%, ha affermato l’ETC.

Tuttavia, l’immagine potrebbe essere più luminosa per le destinazioni più a ovest. Nonostante “alcune lievi preoccupazioni”, l’Europa è “ancora in corsa” per i clienti in gran parte benestanti di Runway Travel. “Italia, Grecia e Francia in particolare sono state molto popolari”, ha detto Griscavage.

Audrey Hendley, presidente di Global Travel and Lifestyle Services di American Express, ha affermato che mentre le aree colpite non sono le principali destinazioni per i clienti, la società sta abbinando le donazioni dei membri della carta e ha donato 1 milione di dollari per i soccorsi e ha fornito 1 milione di pernottamenti in hotel a sostenere i rifugiati.

“Queste non sono grandi destinazioni per noi”, ha detto. “Tuttavia, ogni destinazione è importante; ogni cliente è importante.”

I ricercatori di Hopper riportano un impatto sulla domanda di ricerca, sulle prenotazioni e sulle tariffe aeree in tutta Europa nelle settimane precedenti e successive al 20 febbraio in Russia. 27 assalto all’Ucraina.

Secondo il loro rapporto “In che modo la guerra Russia-Ucraina ha un impatto sui viaggi?”, le ricerche di voli per viaggi in Europa (a parte Russia e Ucraina) sono inferiori del 9% ai livelli previsti data la domanda repressa di viaggi dopo l’aumento della variante omicron. Il volume delle prenotazioni ha iniziato a salire da gennaio a metà febbraio quando omicron si è ridotto, ma ora è tornato ai livelli di inizio anno.

“Non si tratta necessariamente di un forte calo”, ha affermato Adit Damodaran, analista dei prezzi di Hopper.

“È solo questo [searches] era aumentato a un certo ritmo, ma ora è un po’ assottigliato e livellato al di sotto di quanto ci saremmo aspettati”, ha detto Damodaran.

L’invasione sembra aver avuto un impatto minore sulle prenotazioni transatlantiche esistenti di Hopper rispetto al Covid. Mentre circa il 20% dei clienti dell’app che avevano acquistato la protezione “cancella per qualsiasi motivo” con i loro viaggi in Europa hanno esercitato il diritto al rimborso durante la pandemia, solo il 15% lo ha fatto durante l’attuale crisi in Ucraina.

Quelli che stanno solo considerando la prenotazione sono più titubanti. Non faranno una nuova prenotazione in Europa.

Addio Damodaran

analista dei prezzi presso Hopper

“Potrebbe essere che molti dei nostri viaggiatori andranno in Europa occidentale”, ha detto Damodaran. “Se hanno già prenotato quel viaggio, potrebbero semplicemente pensare, ‘Potrei anche continuare con esso.’

“Ma quelli che stanno solo considerando la prenotazione sono più titubanti”, ha aggiunto. “Non faranno una nuova prenotazione per l’Europa”.

I viaggiatori che non effettuano viaggi in Europa programmati stanno posticipando piuttosto che prenotare destinazioni alternative, ha affermato Damodaran. “In un anno più normale, l’Europa rappresenterebbe circa il 30%, o quasi un terzo, delle nostre prenotazioni [and] ora è circa il 15%”, ha detto.

Le ricerche di voli e le prenotazioni effettive potrebbero essere in calo, ma le tariffe aeree sono aumentate, ha scoperto Hopper. Le tariffe per l’Europa aumentano del 16% mese su mese. Potrebbe sembrare molto, ma, secondo Damodaran, il prezzo del carburante degli aerei è aumentato del 70% nel 2021 sulla scia della pandemia, e poi di nuovo del 30% solo nei primi tre mesi di quest’anno, arrivando a $ 2,86 al gallone da $ 2,20, secondo la US Energy Information Administration.

“L’entità di ciò che abbiamo visto dall’inizio del 2022 è stata enorme”, ha affermato. “Ci aspettiamo che l’aumento dei prezzi del carburante degli aerei si manifesti nel biglietto aereo”.

Vale a dire, le tariffe aeree nazionali statunitensi sono aumentate del 36% da gennaio. 1.

“Di solito ci aspettiamo che sia più vicino al 7% all’8% in un anno più normale come il 2019”, ha detto Damodaran. I vettori di solito consumano parte del costo del carburante per jet più costoso “perché alla fine influisce sulla disponibilità a pagare dei viaggiatori”.

L’attacco di Mosca all’Ucraina e l’impatto sui mercati energetici globali potrebbero peggiorare una situazione già pessima.

.

Leave a Comment