Il mio punto di vista: viaggiare era un passaporto per un nuovo inizio di vita | Opinione

Ho iniziato a pensare a come sono cambiati i viaggi nel corso della mia lunga vita leggendo l’avventura spaziale di Elon Musk e Jeff Bezos lo scorso dicembre.







Pauline Dyson, di Williamsville, ha sentito storie di avventure dai suoi genitori immigrati.


Mentre i multimiliardari potevano permettersi di lasciare la nostra terra devastata dal Covid, noi gente comune abbiamo cancellato i piani di viaggio e cancellato i viaggi a lungo sognati dalle nostre liste dei desideri durante la pandemia.

A volte è difficile immaginare che per la maggior parte della storia documentata le persone abbiano viaggiato per necessità, non per piacere. Prendi la generazione dei miei genitori. Mamma e papà hanno fatto un solo viaggio nella loro vita, come immigrati in America all’inizio del XX secolo.

Avevano una ragione impellente per lasciare la loro famiglia in un villaggio povero tra le montagne dell’Italia centrale per avere la possibilità di lavorare in America. I miei genitori hanno descritto la loro esperienza di viaggio come un’esperienza da non ripetere.

All’età di 16 anni, la mamma ha ricordato un viaggio di un mese nell’Oceano Atlantico, in cui aveva mal di mare e vomito nelle viscere fitte di una nave che salpò da Napoli a Boston nel 1914. Papà cercò di abbandonare la nave quando era orfano di 12 anni, solo per essere rispedito in Italia all’arrivo al molo di Boston. Ci riprovò sette anni dopo, questa volta con biglietto d’imbarco e documenti d’ingresso.

Le persone stanno anche leggendo…

All’età di 19 anni, con una schiena forte e bicipiti sporgenti, mio ​​padre fu accolto in America, dove lo aspettava il lavoro di pick-and-shovel ferroviario.

Date le loro impegnative esperienze di viaggio all’inizio del 20° secolo, non c’è da stupirsi che mia madre e mio padre avessero paura di tornare in Italia, nemmeno per visitare la famiglia lasciata indietro. Quell’atteggiamento è sopravvissuto per tutta la metà del secolo, quando abbiamo avuto un’auto di famiglia e quando il trasporto aereo è diventato disponibile anche per quelli dei nostri mezzi modesti.

A quel tempo, i viaggi di metà secolo per turismo ed esperienza hanno sostituito il viaggio per cercare opportunità per la generazione di immigrati dei miei genitori. Nei miei 20 anni, i viaggi in aereo verso l’Europa sono diventati ampiamente accessibili a un costo ragionevole. Dopo il college, ho lavorato un anno per risparmiare abbastanza soldi per il mio primo viaggio in Europa. Anche se un viaggio in aereo di sei ore sull’Atlantico non è stato comodo come il mio ritorno – un viaggio di sette giorni sulla Queen Mary I – è stato più umano della traversata dei miei genitori 50 anni prima.

Il viaggio in aereo è stato abbastanza piacevole da farmi credere a metà degli annunci del vettore aereo che dicevano “arrivarci è metà del divertimento”. La prosperità americana nell’ultima metà del 20 ° secolo ha permesso di viaggiare con meno attenzione alla ricerca di opportunità o alla semplice visita turistica. Nuove opportunità di viaggio in continenti non visitati in precedenza hanno fornito un modo per i benestanti di cercare l’avventura.

I safari in Africa, la tosatura delle pecore in una fattoria della Nuova Zelanda (agriturismo) e le gite in mongolfiera erano tipi di esperienze di viaggio interattive in qualche modo simili ai viaggi nello spazio dei miliardari americani di oggi, in quanto un piccolo disagio è sopportato per le emozioni dell’avventura nella destinazione .

Né benestanti né particolarmente avventurosi, ci siamo persi queste esperienze di viaggio autoindulgenti. Assenti nelle nostre esperienze di legame familiare erano anche il classico viaggio attraverso l’America in macchina di famiglia e il popolare volo per Disney World.

Oggi, i nostri figli e i nostri nipoti giovani adulti si sentono privati ​​di tali ricordi di viaggio dell’infanzia? Penso che preferirebbero ascoltare le esperienze dei loro antenati, i rischi, il coraggio e le difficoltà sopportate durante un viaggio nel Nuovo Mondo. Dopotutto, quell’avventura di viaggio ha reso possibili le loro future fughe, anche se dubito che i viaggi nello spazio siano nella loro lista dei desideri.

.

Leave a Comment