L’imprenditore apre solo un negozio di abbigliamento maschile nel centro di Brandon – OXFORD STORIES

Il proprietario del negozio Brady Anderson e sua moglie, Molly Anderson, che aiuta anche a gestire The Wilander. Foto inviata.

Whitney Rigdon
Storie di Oxford
wrigdon@go.olemiss.edu

Nel gennaio del 2021, Brady Anderson ei suoi soci in affari hanno aperto The Wilander, un’impresa che secondo Anderson è l’unico negozio di abbigliamento maschile nel centro di Brandon da quasi 10 anni.

Cosa significa The Wilander? È una combinazione dei cognomi di Anderson e del co-proprietario Brennan Williams.

Il negozio ha avuto un fenomenale weekend di apertura ed è rimasto di successo, nonostante sia iniziato durante una pandemia, ha detto Anderson.

“Non ha avuto alcun effetto su di noi, a parte la produzione di gran parte della nostra merce, che viene prodotta all’estero”, ha affermato. “I tempi di produzione si sono allungati, i tempi di spedizione si sono allungati, le tariffe di spedizione sono alle stelle. In termini di vendite, non credo che siamo stati colpiti così tanto. Non sappiamo com’era prima di allora, ma per noi il negozio ha avuto molto successo”.

Anderson lavora anche come paralegale, agente immobiliare e imprenditore. Dopo aver gestito con successo un negozio di abbigliamento per bambini per circa tre mesi, ha aperto The Wilander. Sebbene avesse sempre voluto aprire un negozio di abbigliamento maschile, non aveva reali intenzioni di farlo finché non vide lo spazio in vendita.

“Quando abbiamo visto quello spazio, sapevamo che lo avremmo usato per qualcosa”, ha detto. “Ho pensato: ‘Ehi, perché non apriamo un negozio di abbigliamento maschile?'”

Dopo essersi consultato con la moglie e i soci in affari, Anderson ha concepito l’idea per The Wilander e il negozio è stato aperto sei settimane dopo.

La vista interna di The Wilander a Brandon.  Foto inviata.  Vedi mobili e vestiti all'interno del negozio.
La vista interna di The Wilander a Brandon. Foto inviata.

Anderson era misterioso al riguardo per attirare l’attenzione dei consumatori.

«Quel posto proprio lì [the location of the store] ha un sacco di facciata sulla strada”, ha detto. “Molte persone lo superano, quindi abbiamo messo grandi cartelli nella finestra che dicevano ‘Stanno arrivando cose interessanti.’ L’abbiamo scoperto come un segreto che non potevamo svelarti”.

Anderson ha aperto il negozio con un prestito d’affari e ha venduto una casa in affitto di sua proprietà. Ha iniziato a lavorare nella vendita al dettaglio nell’ottobre 2020 quando ha acquistato Southern Raised, un negozio di abbigliamento per bambini, anch’esso situato nel centro di Brandon.

Non è mai stato interessato a possedere un negozio di abbigliamento per bambini fino a quando non ha avuto un figlio, lui stesso, e ha iniziato a rendersi conto di quanti soldi vanno a finire nell’attività. Dopo aver visto la posizione del negozio, ha deciso che era un ottimo investimento.

“I precedenti proprietari hanno deciso che stavano per venderlo e, scherzando, un giorno ho detto loro che volevo comprarlo”, ha detto. “Era un martedì e abbiamo chiuso venerdì.

“Quando abbiamo acquistato Southern Raised, i precedenti proprietari hanno deciso di finanziarci il negozio. A parte questo, in pratica abbiamo appena incassato tutto ciò che possedevamo”.

Non avendo precedenti esperienze di vendita al dettaglio, Anderson non ha avuto altra scelta che tuffarsi prima nella testa.

“Ci siamo subito buttati dentro e l’abbiamo capito da soli”, ha detto. “Onestamente, abbiamo chiesto molto aiuto a Properly Tied.”

Properly Tied è un marchio di abbigliamento maschile fondato da Hunter Knight. Anderson ha incontrato Knight per la prima volta in un seminario di consulenza per l’amministrazione di piccole imprese presso l’Hinds Community College. Da allora, Knight ha guidato Anderson nel mondo della vendita al dettaglio in modo da poter gestire senza problemi Southern Raised e The Wilander.

“Quando abbiamo finito per acquistare Southern Raised, ho finito per contattare Hunter e chiedergli dei mercati in cui dovevo andare per acquistare merce, ecc.”, ha detto. “Mi ha aiutato molto semplicemente dicendomi fondamentalmente dove devo essere. Poi in pratica siamo partiti da lì”.

Anderson ha cinque dipendenti che lavorano sia presso The Wilander che presso Southern Raised per aiutare a gestire il negozio, assistere i clienti e gestire la cassa.

Michael Alan Lacey è stata la prima persona che Anderson ha assunto come dipendente e ha lavorato nel negozio dal giorno dell’inaugurazione.

“Penso che gli affari vadano molto bene”, ha detto Lacey. “Se c’è mai un problema con qualcosa relativo al business, Brady è molto veloce a risolverlo. Tutti i dipendenti hanno una serie di responsabilità e conosciamo il livello di standard a cui siamo tenuti e facciamo del nostro meglio per superarli ogni giorno”.

Lacey è orgogliosa di Anderson per aver bilanciato molti lavori.

“Trovo facile lavorare con Brady”, ha detto Lacey. “Dato che possiede due attività e lavora contemporaneamente come agente immobiliare e assistente legale, sento che ha raccolto tutte le competenze necessarie per gestire una grande attività”.

La vista esterna di The Wilander.  Foto inviata.  Vedi il nome del negozio sulla tenda da sole sopra e i vestiti su uno scaffale davanti.
La vista esterna di The Wilander. Foto inviata.

Quando gli è stato chiesto come bilanciasse la sua vita di marito, padre, agente immobiliare, assistente legale e imprenditore, Anderson ha riso e ha detto: “Io non… La chiave è avere un buon personale. Non so cosa farei senza un dipendente come Michael Alan”.

Lacey ha affermato che la parte più vantaggiosa del lavoro in The Wilander è che gli ha fornito una migliore comprensione del valore del lavoro di squadra. Ha detto che gli ha anche insegnato abilità utili per la vita, come il servizio clienti, la preparazione dell’inventario e come gestire un’attività senza intoppi.

Anderson ha detto che ha grandi progetti in arrivo.

“Sono sempre alla ricerca di una nuova avventura imprenditoriale…”, ha detto. “Non sai mai cosa sarà, ma c’è sicuramente altro in arrivo. Non posso stare fermo a lungo”.

Leave a Comment