I pozzi a gradini del Gujarat trovano un’interpretazione moderna in questo nuovo negozio di lifestyle a Mumbai

Una semplice segnaletica che mostra il marchio giallo brillante di Forest of Chintz annuncia il centro esperienziale. Un piccolo spazio della lobby lo distingue dall’ufficio adiacente.

Fare una dichiarazione non è un’impresa facile, a maggior ragione nel mondo della moda dove il design e lo stile continuano a evolversi. Forest of Chintz è un fulgido esempio di questa affermazione: aver lasciato il segno nella scena della moda internazionale per i suoi gioielli, borse, vestiti e accessori unici. Nel 2019 (poco prima della pandemia) i fondatori, Sumangali Gada e Nitai Mehta, hanno deciso di portare questi prodotti di lusso in India attraverso uno spazio esperienziale.

La reception senza pretese con segnaletica in ottone.

La cornice giusta

L’ubicazione del primo negozio in assoluto di Forest of Chintz in India è stata fissata accanto all’ufficio della società madre, presso Shakti Mills di Mumbai a Mahalaxmi. Per creare uno spazio distintivo, la ricerca di Gada e Mehta per uno studio di architettura che condividesse la loro sensibilità progettuale ed estetica si è conclusa con l’omonimo Shimul Jhaveri Khadri Architects (SJK Architects). Il brief era ben definito “Eseguiamo ricami contemporanei e alla moda su tutti i nostri prodotti utilizzando tecniche tradizionali. Una versione fresca e moderna del ricamo con i più alti standard di qualità ci contraddistingue. Quindi, volevamo un negozio che consentisse ai prodotti di essere l’obiettivo principale, ma creasse un’esperienza per il cliente. Siamo sempre stati ispirati dal modo in cui i musei espongono le loro esposizioni: minimalista e facendo dei prodotti l’eroe. Volevamo anche che il negozio riflettesse le sue radici indiane ma si prestasse a un’estetica del design contemporaneo”, affermano Gada e Mehta.

Primi passi

Shimul Jhaveri Khadri e Roshni Kshirsagar, architetti principali di questo progetto, sono entrati in uno spazio spoglio, rettangolare e senza colonne di 800 piedi quadrati. Le caratteristiche distintive dell’architettura del vecchio mulino – il soffitto alto 14 piedi e le tre grandi finestre ad arco rivolte a est – erano l’ambiente perfetto per creare qualcosa di toccante. “In risposta al brief, abbiamo presentato loro tre idee, di cui è stato scelto il concetto ispirato ai pozzi a gradini dell’India”, condivide Kshirsagar.

Una veduta dell’ingresso, accanto al quale è esposta la collezione di abiti di Forest of Chintz. Il blocco rettangolare nell’angolo, che si fonde magnificamente con le pareti grigie, è la stanza di prova.

Questa immagine cattura la continuità delle pareti, dei blocchi monolitici e della pavimentazione. Gli espositori e le pareti sono realizzati in blocchi di Siporex con un impasto di cemento e POP in tono grigio; la pavimentazione è in gres porcellanato da 3 mm con finitura in cemento.

Un tavolo lungo 10 piedi posizionato centralmente porta glamour e lusso a questo spazio grezzo e organico. Rivestito in specchio invecchiato con un piano a specchio, il tavolo riflette magnificamente le luci, aggiungendo all’esperienza sensoriale del negozio.

Prima di realizzare questi passaggi, il team di progettazione ha condotto ricerche approfondite e documentato tutte le collezioni di Forest of Chintz, in cui tutti i prodotti sono stati misurati in base alle loro dimensioni, ed è stato creato un inventario. Questo esercizio è stato fondamentale per la progettazione in quanto gli architetti non volevano costruire gradini “generici” in cui tutto e qualsiasi cosa potesse essere visualizzato. La profondità di ogni passaggio mostrerebbe accessori diversi; allo stesso tempo l’altezza corretta garantirebbe un facile accesso al prodotto da parte del cliente. La sfida qui era incoraggiare i clienti a raccogliere i pezzi… toccarli e toccarli. Fondamentalmente interagire con il prodotto. “Sebbene il concept fosse molto bello, dovevamo assicurarci che funzionasse in termini di accessibilità e funzionalità. Abbiamo continuato a misurare e lavorato su diverse combinazioni di passaggi di permutazione. Abbiamo creato molti diagrammi codificati a colori per diversi accessori e detto ai clienti quanti prodotti potevano essere visualizzati in un dato momento e in quale fase. Ci sono spazi designati per esporre gruppi e pezzi indipendenti”, spiega Kshirsagar.

.

Leave a Comment