I funzionari di Los Angeles vietano i viaggi di lavoro in Florida, in Texas, a causa di politiche LGBT “dannose”.

Il consiglio dei supervisori della contea di Los Angeles ha votato questa settimana per vietare i viaggi ufficiali negli stati della Florida e del Texas a causa delle politiche e della legislazione che mirano al trattamento dei giovani transgender e all’insegnamento delle questioni LGBT nelle scuole.

Martedì, il consiglio ha approvato all’unanimità una mozione che ordina all’amministratore delegato di sospendere tutti i viaggi nei due stati per affari della contea fino a quando le politiche non saranno sospese o abrogate, secondo un video della riunione del consiglio.

Hilda Solis, un supervisore del consiglio che ha sponsorizzato la mozione, ha dichiarato: “È stato davvero spaventoso quello che sta accadendo nel nostro paese”, aggiungendo che i membri della sua famiglia fanno parte della comunità LGBT.

“Questi giovani [are] cercando di vivere al meglio la loro vita, e li stiamo derubando quando imponiamo questo tipo di mandati”, ha detto Solis. “Sono solo contento di non aver intenzione di andare presto in Texas o in Florida.”

In particolare, la mozione cita un’ordinanza del governatore del Texas. Greg Abbott (R) che ha diretto il Dipartimento della famiglia e dei servizi di protezione per indagare sui genitori o sui tutori dei giovani transgender che hanno ricevuto cure che affermano il genere.

Il procuratore generale del Texas Ken Paxton (D) ha precedentemente affermato che i bloccanti della pubertà e altri trattamenti per i giovani transgender equivalgono a “abuso sui minori”.

“Gli impatti profondamente dannosi che questo ordine comporterà non possono essere sopravvalutati”, ha affermato la mozione, scritta da Solis e Sheila Kuehl. “Un tale ordine va contro tutto ciò che sappiamo sulle migliori pratiche quando si tratta di aiutare i bambini e i giovani adulti a scoprire chi sono e sentirsi sicuri nel loro senso di sé”.

La mozione citava anche una legge firmata dal governatore della Florida. Ron DeSantis (R) il mese scorso ha soprannominato il Parental Rights in Education Act, noto anche dai critici come il disegno di legge “Don’t Say Gay”, che vieta la discussione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere dalla scuola materna alla terza elementare.

I repubblicani sostengono che i genitori, non gli insegnanti in classe, dovrebbero discutere di tali argomenti con i loro figli piccoli.

Secondo la mozione di martedì, i legislatori della contea di Los Angeles hanno contrastato entrambe le politiche definendole “transfobia e omofobia” che si radicano in alcuni stati conservatori del paese.

I legislatori della contea hanno affermato che la legge della Florida “perpetuerà una cultura di bullismo, segretezza, vergogna e paura”.

La direttiva di Abbott è bloccata in tribunale dopo che un giudice del Texas ha votato per impedire allo stato di eseguire l’ordine. In Florida, i gruppi LGBT hanno citato in giudizio la nuova legge.

Altri stati stanno introducendo leggi sempre più restrittive nei confronti della comunità LGBT, inclusa l’Alabama, che venerdì ha criminalizzato l’assistenza di affermazione di genere per i giovani transgender e non binari.

Il divieto della contea di Los Angeles si applicherà fino alla sospensione o all’abrogazione delle polizze in Florida e Texas o fino a quando “l’amministratore delegato della contea non determini che la mancata autorizzazione di tale viaggio danneggerebbe gravemente gli interessi della contea”.

.

Leave a Comment