“Morbius” è un morso velenoso per lo slancio della Marvel | Stile di vita

Oggigiorno è raro vedere un passo falso nella produzione cinematografica della Marvel. Sono lontani i giorni della diffusa delusione critica e commerciale che potrebbe far deragliare tutto ciò che la società aveva pianificato per sequel, crossover e un punto d’appoggio sugli schermi cinematografici negli anni a venire.

Bene, questo è stato fino all’uscita di “Morbius”, l’ultimo film di Spider-Man prodotto da Sony, che è stato ritardato più volte negli ultimi due anni a causa della pandemia di coronavirus. Sfortunatamente per alcuni fan dei fumetti e del personaggio, questo adattamento per il grande schermo non valeva l’attesa.

Questo non vuol dire che “Morbius” sia un brutto film o offensivo in alcun modo. Ci sono film a fumetti di gran lunga peggiori che la Marvel ha realizzato, ma ce ne sono anche molti più memorabili, e quando un film è così brutto o così bello su entrambi i lati dello spettro, è memorabile. Ma quando un film è perfettamente mediocre, una divisione del 50/50 tra buono e cattivo e, peggio di tutto, un po’ noioso, questo spesso può far sì che il pubblico risponda più duramente.

A partire da martedì, “Morbius” ha un punteggio di approvazione del 16% su Rotten Tomatoes da parte della critica con un punteggio medio di 3,8/10, ma un punteggio di approvazione del 70% dal pubblico e un punteggio di 5,2/10 sul database dei film su Internet. Sebbene la matematica possa essere manipolata per mostrare qualsiasi cosa, sembra abbastanza chiaro da questi numeri che le persone sono divise su di essa, ma non abbastanza da far sì che valga la pena rivisitarla presto.

Pericolosamente malato di una rara malattia del sangue e determinato a salvare altri che subiscono la sua stessa sorte, il dottor Michael Morbius (interpretato da Jared Leto) tenta una scommessa disperata. Lodato per il suo lavoro nella creazione di sangue sintetico, Morbius ha segretamente catturato dozzine di pipistrelli vampiri nella speranza di unire i loro geni con i suoi per curare la sua condizione.

Mentre all’inizio sembra essere un successo radicale, un’oscurità dentro di lui si scatena e Morbius si trasforma in un vampiro fuori dal suo controllo e uccide l’equipaggio di una nave, prosciugando il loro sangue. Una volta che la sua sete di sangue si placa, Morbius scopre di avere una forza, velocità, riflessi ed ecolocalizzazione sovrumane.

Nel frattempo, gli agenti dell’FBI Simon Stroud e Al Rodriguez iniziano a indagare sulle vittime di Morbius e deducono il suo coinvolgimento, ma Morbius sta finendo il tempo per riabilitare il suo nome prima che il suo sangue sintetico smetta di lavorare sui suoi impulsi e potrebbe dover uccidere di nuovo.

Dopo più di due decenni di boom dei film a fumetti e un graduale aumento di produzioni migliori e più grandi che continuano a spostare questi tipi di film in luoghi più interessanti e unici, l’ultimo passo falso che “Morbius” compie non è fare qualcosa di sbagliato ma arrivare fuori al momento sbagliato. Questo film avrebbe funzionato molto meglio a metà degli anni 2000 insieme a “Daredevil” e “Fantastic Four”.

A un’ora e 45 minuti, la storia procede a un ritmo veloce che è piacevole dopo così tanti film sui grandi eventi che si sono insinuati in tre ore. Sfortunatamente, significa anche che lo spazio per questi personaggi può respirare, crescere e sentirsi come se le persone reali non fossero lì. Cercare di riempire una storia delle origini con sfondo, personaggi inventati, sollievo comico, interessi amorosi e altro in un tempo non sufficiente rende ogni scena instabile ed emozionante.

Per fortuna, gran parte del divertimento nel film viene da Leto e Matt Smith, che ha un ruolo sorprendentemente importante anche se non è apparso in nessuna delle pubblicità. Entrambi stanno vivendo i momenti migliori della loro vita e interpretano entrambi i loro personaggi al massimo con Leto che va in un posto più oscuro e vulnerabile e Smith che dà una svolta più colorata e da cartone animato in contrasto.

Per un film su un vampiro vivente, gli elementi horror sono riprodotti al minimo qui per garantire quella valutazione PG-13. Mentre alcuni momenti più terrificanti e graficamente raccapriccianti sarebbero stati i benvenuti, è improbabile che avrebbe potuto salvare il film, specialmente con gli effetti CGI datati che sono stati tra i più poco convincenti della Marvel da anni.

Eppure, come parte dei piani della Sony per i futuri eroi e cattivi di Spider-Man, e un terzo film “Venom” in lavorazione insieme a un cameo preso in giro alla fine di questo film, dubito che questo sia l’ultimo che abbiamo visto Morbo. Spero solo che Leto abbia un’uscita più memorabile e speciale la prossima volta.

.

Leave a Comment