Le stelle si uniscono alla campagna “Stand Up for Ukraine” | Cultura | Reportage su arte, musica e stile di vita dalla Germania | DW

Molti dei migliori artisti, intrattenitori, atleti e sostenitori del mondo si uniranno a una manifestazione globale sui social media venerdì per raccogliere miliardi di aiuti per gli sforzi umanitari in Ucraina e sostenere i rifugiati in tutto il mondo.

“Stand Up for Ukraine” vedrà star della musica come Billie Eilish, Madonna, Celine Dion, Katy Perry, Elton John, Stevie Wonder e Bruce Springsteen fare appello per donazioni e altre forme di sostegno per le persone colpite all’interno dell’Ucraina, nonché per il milioni di profughi fuggiti dal Paese.

Secondo l’organizzazione non governativa Global Citizen, anche il vincitore di diversi Grammy Award Jon Batiste, Miley Cyrus, Billy Joel, The Weeknd, U2, i Red Hot Chili Peppers e il cantante tedesco Herbert Grönemeyer hanno in programma di partecipare.

Tuttavia, non è solo limitato alle stelle: chiunque può partecipare a questa manifestazione globale sui social media oggi creando e caricando un video che chiede ai leader mondiali di agire sulla crisi globale dei rifugiati.

Questa mossa arriva in risposta a un nuovo video del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, in cui ha invitato la comunità internazionale ad aiutare le persone colpite dall’invasione russa dell’Ucraina.

“Vi chiedo di sostenere l’Ucraina, di sostenere gli ucraini con il motto ‘Stand Up for Ukraine'”, ha detto.

“Invito tutti: musicisti, attori, atleti, uomini d’affari, politici, tutti. Tutti coloro che vogliono unirsi a questo movimento e ‘Stand Up for Ukraine'”.

Dì le conseguenze della guerra

Più di 12 milioni di ucraini hanno attualmente bisogno di aiuti di emergenza – cibo, acqua, riparo e assistenza sanitaria – in seguito all’invasione russa del loro paese il 24 febbraio.

L’implacabile campagna di bombardamenti della Russia da allora ha ucciso molti civili, con intere città rese inabitabili dalla distruzione di condomini, infrastrutture chiave e strutture sanitarie.

Inoltre, molte persone vulnerabili – anziani, bambini e persone con disabilità – sono costrette a rimanere in Ucraina, impossibilitate a fuggire dal Paese.

I partecipanti al raduno incoraggeranno i cittadini a chiedere a governi, istituzioni, società e individui di donare agli sforzi umanitari per l’Ucraina, nonché per i rifugiati provenienti da altri conflitti, come Yemen, Sud Sudan e Afghanistan.

Raccogliendo miliardi per ucraini e altri rifugiati in tutto il mondo

Il raduno globale sui social media arriva alla vigilia di un evento di promesse a Varsavia previsto per sabato 9 aprile, convocato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dal primo ministro canadese Justin Trudeau.

Insieme, la manifestazione sui social media “Stand Up for Ukraine” e l’evento di donazione stanno cercando di raccogliere miliardi di dollari per rafforzare il sistema dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, che attualmente richiede circa 10 miliardi di dollari di finanziamenti per sostenere non solo le persone colpite dal guerra in Ucraina, ma anche gli oltre 100 milioni di sfollati forzati in più di 133 paesi e territori in tutto il mondo.

Riferendosi all’attuale crisi ucraina, von der Leyen ha citato l’UNICEF, dicendo che un bambino ucraino è diventato un rifugiato quasi ogni secondo da quando la Russia ha invaso il paese.

Ha aggiunto che l’Unione europea soddisfa i bisogni dei milioni di rifugiati che ospita, ma intensificherà ulteriormente i suoi sforzi.

“Insieme, possiamo dare loro una casa sicura e portare un po’ di luce nelle loro vite in quest’ora buia”.

Per ulteriori informazioni su “Stand Up for Ukraine” o su come promettere aiuto, visita www.forukraine.com.

.

Leave a Comment