Le sanzioni britanniche prendono di mira gli stili di vita sontuosi delle figlie di Putin

  • Nuove sanzioni britanniche prendono di mira le figlie del presidente Putin e del suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

  • L’analisi del governo mostra che oltre 275 miliardi di sterline del forziere di Putin sono stati congelati da sanzioni coordinate britanniche e internazionali nelle ultime settimane.

  • La Russia si dirige verso la recessione più profonda dal crollo dell’Unione Sovietica poiché le sanzioni hanno colpito la capacità di Putin di fare guerra in Ucraina.

Gli stili di vita sontuosi della cerchia ristretta del Cremlino saranno ulteriormente presi di mira da oggi poiché il Regno Unito sanziona le figlie del presidente Vladimir Putin e del suo ministro degli Esteri Sergey Lavrov.

Katerina Vladimirovna Tikhonova e Maria Vladimirovna Vorontsova, figlie del presidente Putin, e Yekaterina Sergeyevna Vinokurova, figlia del ministro degli Esteri Sergey Lavrov, saranno soggette a divieti di viaggio e congelamento dei beni.

Il Regno Unito ha coordinato queste sanzioni con gli Stati Uniti, in un’altra dimostrazione di unità globale nell’azione contro l’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia. Ciò fa seguito alla sanzione da parte del Regno Unito di Polina Kovaleva, la figliastra di Sergey Lavrov, il 25 marzo.

Queste designazioni entrano in vigore quando una nuova analisi mostra l’impatto devastante delle sanzioni imposte sull’economia russa nelle ultime settimane. Le sanzioni imposte dal Regno Unito e dai suoi partner internazionali stanno avendo conseguenze profonde e dannose per la capacità di Putin di fare la guerra, con 275 miliardi di sterline – il 60% delle riserve di valuta estera russe – attualmente congelate.

L’analisi mostra che la Russia si sta dirigendo verso la recessione più profonda dal crollo dell’Unione Sovietica, poiché le stime per la crescita del PIL russo nel 2022 ora vanno da -8,5% a -15%. A lungo termine, le previsioni degli esperti suggeriscono un continuo colpo economico, con la crescita del PIL depressa poiché il paese è tagliato fuori dalla tecnologia occidentale.

Il Cremlino deve affrontare scelte difficili in patria a causa della sua aggressione all’estero. Le sanzioni imposte in risposta alle azioni ripugnanti di Putin hanno innescato una rapida inflazione, con i prezzi medi al consumo in aumento dell’8,67% dall’invasione.

Il ministro degli Esteri Liz Truss ha dichiarato:

Il nostro pacchetto di sanzioni senza precedenti sta colpendo l’élite e le loro famiglie, mentre sta degradando l’economia russa su una scala che la Russia non vedeva dalla caduta dell’Unione Sovietica.

Ma dobbiamo fare di più. Attraverso il G7, stiamo lavorando con i partner per porre fine all’uso dell’energia russa e colpire ulteriormente la capacità di Putin di finanziare la sua invasione illegale e ingiustificata dell’Ucraina.

Insieme, stiamo stringendo il cricchetto sulla macchina da guerra russa, tagliando le fonti di denaro di Putin.

Congelando i beni e limitando i viaggi degli alleati di Putin, il governo del Regno Unito sta sigillando le riserve di denaro che finanziano il conflitto, assicurandosi anche che coloro che hanno beneficiato del governo di Putin ne subiscano le conseguenze.

Gli oligarchi e altri ricchi russi sono tra i più colpiti dalle sanzioni, che hanno drasticamente limitato il loro accesso ai beni di consumo di lusso e l’accesso ai mercati internazionali.

Anche l’industria della difesa è presa di mira dalle sanzioni occidentali, con il Regno Unito che ha già aperto la strada a sanzionare Rostec, United Aircraft Corporation, United Shipbuilding Corporation e il più grande produttore mondiale di carri armati, Uralvagonzavod. Le sanzioni contro Kronshtadt, il principale produttore di droni Kronshtadt Orion e altri veicoli aerei senza pilota ampiamente utilizzati durante l’invasione russa dell’Ucraina, renderanno ora più difficile la sostituzione di questi droni.

La limitazione dell’accesso alle risorse e ai componenti avrà un effetto materiale sulla velocità e l’efficienza con cui i produttori di armi possono fornire lo sforzo bellico di Putin.

La narrativa russa secondo cui le sanzioni occidentali hanno causato l’aumento dei prezzi alimentari globali è una palese bugia. Siamo solidali con i nostri partner in tutto il mondo che devono sopportare il prezzo crescente della scelta unilaterale del presidente Putin di fare la guerra in Europa. Il conseguente aumento dell’insicurezza alimentare è avvertito in modo sproporzionato dai più vulnerabili e faremo tutto il possibile per mantenere aperti i mercati e proteggere le scorte alimentari.

La leadership russa deve immediatamente consentire un accesso umanitario sicuro, rapido e senza ostacoli e far funzionare i passaggi sicuri, consentendo la consegna degli aiuti umanitari alle città assediate e i civili per raggiungere la salvezza.

Sfondo

  • Da quando l’invasione non provocata e illegale dell’Ucraina è iniziata a febbraio, il Regno Unito ha sanzionato oltre 1.200 persone e imprese, inclusi 76 oligarchi e 16 banche con un patrimonio netto globale rispettivamente di 150 miliardi di sterline e 500 miliardi di sterline.

  • Blocco dei beni – Un blocco dei beni impedisce a qualsiasi cittadino del Regno Unito, o qualsiasi azienda nel Regno Unito, di trattare con fondi o risorse economiche che sono di proprietà, detenuti o controllati dalla persona designata e che sono detenuti nel Regno Unito. Eviterà inoltre che fondi o risorse economiche siano forniti a oa beneficio della persona designata.

  • Divieto di viaggio – Un divieto di viaggio significa che alla persona designata deve essere rifiutato il permesso di entrare o rimanere nel Regno Unito, a condizione che l’individuo sia una persona esclusa ai sensi della sezione 8B dell’Immigration Act 1971.

  • Sanzione al trasporto – I poteri introdotti di recente rendono un reato penale per qualsiasi aeromobile russo volare o atterrare nel Regno Unito e conferiscono al governo poteri di rimuovere gli aeromobili appartenenti a persone ed entità russe designate dal registro degli aeromobili del Regno Unito, anche se l’individuo sanzionato non lo è a bordo. Le navi russe sono bandite anche dai porti del Regno Unito.

  • L’elenco delle sanzioni del Regno Unito viene aggiornato ogni volta che viene presa una decisione di prendere, modificare o revocare una designazione. L’elenco è pubblicato su GOV.UK e stabilisce quali persone, entità e navi sono designate o specificate ai sensi delle normative emanate ai sensi del Sanctions and Anti-Money Laundering Act 2018 e perché.

Leave a Comment