JD Power, US Travel Association, Tourism Economics annunciano un nuovo tracker trimestrale per i viaggi d’affari

JD Power, US Travel Association e Tourism Economics stanno monitorando il ritorno dei viaggi d’affari con un nuovo sondaggio di monitoraggio trimestrale.

Il primo round di dati nel Quarterly Business Travel Tracker ha rivelato che i viaggi di lavoro stanno tornando. La ricerca ha rilevato che l’84% dei viaggiatori d’affari prevede di fare almeno un viaggio per partecipare a conferenze, convegni o fiere nei prossimi sei mesi.

PUBBLICITÀ

In voga

Ci sono due principali ostacoli al ritorno dei viaggi di lavoro, ha rivelato il sondaggio.

Il Quarterly Business Travel Tracker ha anche rivelato che, mentre meno di un viaggiatore d’affari su 10 negli Stati Uniti è incerto se viaggerà nei prossimi sei mesi, il motivo principale dell’incertezza è che riunioni ed eventi non si verificano. Le politiche aziendali che limitano i viaggi d’affari sono state la seconda ragione di incertezza.

[RELTED_NEWS]

La pubblicazione dei risultati del sondaggio corrispondeva al Global Meetings Industry Day (GMID) del 7 aprile 2022. La giornata punta i riflettori sull’impatto positivo di incontri d’affari, fiere, viaggi incentive, mostre, conferenze e convegni su persone, imprese e l’economia.

“Il ritorno di riunioni ed eventi di persona, e dei viaggi di lavoro in generale, è uno spettacolo gradito dopo oltre due anni di incertezza legata alla pandemia”, ha affermato Roger Dow, presidente e CEO della US Travel Association. “Semplicemente non c’è alcun sostituto per un incontro faccia a faccia, che ha dimostrato di portare a opportunità commerciali più fruttuose e può aiutare ad alimentare una ripresa economica e occupazionale nelle comunità di tutta l’America”.

I viaggi d’affari sembrano riprendersi lentamente.

US Travel prevede che la spesa per i viaggi d’affari fosse ancora in calo del 60% rispetto ai livelli pre-pandemia nel 2021, gli ultimi dati del Quarterly Business Travel Tracker mostrano un chiaro cambiamento nel desiderio dei viaggiatori d’affari americani di tornare alle riunioni di persona.

Il 47% dei viaggiatori d’affari intervistati ha affermato che i viaggi d’affari che supportano lo sviluppo di relazioni con clienti e fornitori sono stati fondamentali per le loro prestazioni lavorative.

Il 23% ha affermato che era fondamentale per la chiusura delle vendite e il 26% ha affermato che ha contribuito a creare consapevolezza sui prodotti e servizi di un’organizzazione.

Il 23% ha anche indicato che i viaggi d’affari sono importanti per lo sviluppo professionale e il 18% ha affermato che sono utili per il coinvolgimento e la motivazione. Il 16% ha affermato che i viaggi d’affari hanno aiutato a comprendere le tendenze attuali.

“Sebbene i dati indichino un forte desiderio da parte dei viaggiatori d’affari americani di rimettersi in viaggio, c’è una grande differenza tra la volontà di viaggiare e l’effettivo viaggio”, ha affermato Dow. “I leader aziendali dovrebbero sfruttare il vantaggio competitivo, il budget per i viaggi di lavoro e incoraggiare i loro team a rimettersi in viaggio e ristabilire quelle connessioni personali che derivano solo dalle interazioni faccia a faccia”.

Il Quarterly Business Travel Tracker presenta anche un Business Travel Index previsionale, che indica che l’attività dei viaggi d’affari è leggermente rallentata nel primo trimestre del 2022, ma le condizioni commerciali per i viaggi come il PIL e gli investimenti delle imprese sono abbastanza favorevoli, raggiungendo un indice di 105 per il secondo trimestre del 2022 (2019=100).

“Le conferenze di persona hanno impatti relazionali e finanziari significativi per le aziende”, ha affermato Andrea Stokes, Practice Lead for Hospitality di JD Power. “Quasi la metà degli intervistati ha indicato che conferenze, convegni e fiere sono fondamentali per sviluppare relazioni con clienti, fornitori o altri. Quasi un intervistato su quattro ha indicato che questi eventi sono fondamentali per chiudere le vendite”.

US Travel ha proposto politiche che potrebbero ripristinare i viaggi d’affari, suggerendo che il Congresso adotti politiche per aiutare a rilanciare la spesa per viaggi d’affari in ristoranti e luoghi di intrattenimento, esortando anche l’amministrazione Biden a rimuovere le restanti restrizioni di viaggio per facilitare un ritorno più rapido ai viaggi d’affari internazionali.

.

Leave a Comment