Il DSS ha impedito a Kanu di cambiarsi

…dice che la salute si sta deteriorando

…il caso si presenta oggi

Per l’ennesima volta, il Dipartimento dei Servizi di Stato ha rifiutato di permettere al leader del popolo indigeno del Biafra, Mazi Nnamdi Kanu, di cambiarsi d’abito, ha detto Ifeanyi Ejiofor, capo del suo team legale.

Ha anche affermato che lo stato di salute di Kanu si stava gradualmente deteriorando a causa delle scarse cure mediche.

Secondo lui, il leader dell’IPOB ha anche espresso ottimismo sul fatto che otterrebbe giustizia nel caso previsto per venerdì 8 aprile davanti al giudice Binta Nyako dell’Alta Corte federale di Abuja.

Kanu sta affrontando un processo per presunti legami con reato di tradimento.

Ejiofor lo ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata giovedì sera dopo aver visitato il suo cliente sotto la custodia del DSS ad Abuja.

Ha detto: “Oggi (giovedì), il nostro team di avvocati ha condotto la visita di routine ordinata dal tribunale al nostro instancabile cliente, Onyendu Mazi Nnamdi Kanu, presso la sede del DSS.

“La visita doveva dare il tocco finale ai preparativi per l’importante sentenza del tribunale di venerdì sulla nostra domanda che contestava la competenza dei 15 conteggi modificati presentati dall’accusa.

“Onyendu è stato debitamente informato sulle questioni rilevanti relative all’uscita, così come sulla causa intentata a suo nome dal capo Mike Ozekhome (SAN), il nostro legale principale sul caso di Onyendu.

“La causa richiede l’interpretazione convincente da parte della corte delle pertinenti disposizioni statutarie e dei trattati/convenzioni internazionali, che il governo federale della Nigeria ha gravemente violato nella sua disperazione di rapire, e la consegna forzata di Onyendu Mazi Nnamdi Kanu dal Kenya alla Nigeria.

“Coerentemente con la consueta pratica del personale del DSS, hanno continuato a respingere ogni tentativo di assicurarsi che Onyendu avesse un cambio di vestiti. Il personale illegale del DSS ha rifiutato senza mezzi termini tutti i vestiti portati dai parenti del nostro cliente, ancora una volta, in chiara violazione degli ordini del tribunale esistenti.

“In linea con le direttive del tribunale, ci siamo assicurati meticolosamente che i nuovi capi di abbigliamento rispettassero le specifiche del campo, e di conseguenza abbiamo battuto i DSS ai loro giochi, in modo che entro venerdì non avranno più scuse da dare al campo per aver deliberatamente sbottato il ordinanze positive del tribunale.

“Abbiamo anche osservato con sgomento, come ha rivelato l’impeccabile resoconto di Onyendu, che non sta ricevendo cure mediche adeguate sotto la custodia del DSS poiché le sue condizioni di salute stanno gradualmente peggiorando.

“Questo sarà affrontato in tribunale, in particolare alla luce del persistere di disprezzo da parte dei DSS dell’ordine del tribunale che li ordina di consentire a Onyendu l’accesso al suo medico privato per una visita medica indipendente per accertare le sue attuali condizioni di salute. Questo è anche un diritto garantito dalla legge anti-tortura.

“Onyendu è fiducioso che giustizia sarà fatta e siamo sempre pronti a esplorare prontamente tutte le vie legali consentite per contestare qualsiasi pronuncia non supportata dalla legge e dalle decisioni dei tribunali superiori, nell’improbabile eventualità che qualcuno dei conteggi sia ancora sopravvissuto al nostro arsenale legale .

“Onyendu, come al solito, esprime il suo profondo apprezzamento a Ezigbo Umuchineke che è rimasto risoluto nella sua convinzione, concentrato e fiducioso che i giorni a venire siano più luminosi, anche di fronte a ogni tribolazione e avversari.

“Anche questa fase passerà sicuramente e presto finirà con lodi. La vittoria è nostra e non si può tornare indietro fino a quando non si ottiene la vittoria”.

PUGNO del diritto d’autore.

Tutti i diritti riservati. Questo materiale e altri contenuti digitali su questo sito Web non possono essere riprodotti, pubblicati, trasmessi, riscritti o ridistribuiti in tutto o in parte senza il previo consenso scritto di PUNCH.

Leave a Comment