Gli hotel si aspettano una ripresa estiva guidata dai viaggi di piacere

Skift Take

Sebbene tutti i segnali indichino che il settore alberghiero continuerà a compiere progressi nella sua ripresa quest’estate, il rimbalzo potrebbe non essere così ampio come previsto poiché i prezzi elevati del gas potrebbero determinare alcuni viaggi.

Rashad Jordan

Ecco un esempio di ciò che il Daily Lodging Report ha fornito ai suoi lettori la scorsa settimana. Se non sei un abbonato, dovresti esserlo. Non aspettare. Iscriviti ora qui.

domenica 3 aprile

CBRE Hotels Research State of the Union ha presentato una rassegna pittorica delle tendenze attuali degli hotel, indicatori principali e coincidenti della domanda alberghiera e un aggiornamento sulle pressioni sui costi e sul flusso di margini. Secondo il rapporto, le stime del PIL 2022 e 2023 sono state riviste negativamente rispettivamente dal 3,5% al ​​2,4% e dal 2,1% all’1,9%. I viaggi durante le vacanze di primavera hanno avuto un impatto positivo sui dati sulla performance di marzo rispetto a gennaio e febbraio, che sono meno orientati al tempo libero. CBRE è ottimista riguardo ai prossimi mesi estivi guidati dal tempo libero. Le prestazioni su scala di catena hanno mostrato un miglioramento nei segmenti di prezzo superiore e CBRE sta assistendo a un indebolimento della performance degli hotel di prezzo inferiore. La volatilità del mercato è in aumento a causa degli alti tassi di inflazione e dell’incertezza causata dal conflitto in Ucraina. C’è anche la preoccupazione che l’aumento delle tariffe aeree e dei prezzi più elevati del gas possa influenzare i viaggi futuri. I dati sui viaggi internazionali di febbraio hanno mostrato miglioramenti per i principali mercati gateway, tuttavia, i mercati dipendenti dalla costa occidentale dell’Asia continuano a rimanere indietro. Sebbene un’inflazione più elevata si traduca in ADR più elevati, è probabile che l’inflazione eserciti pressioni sui margini degli hotel nel breve termine. I costi di costruzione più elevati a lungo termine, compreso l’aumento dei salari di costruzione, dovrebbero moderare la crescita dell’offerta sostenendo la crescita dell’ADR. La delinquenza CMBS continua a diminuire poiché gli hotel iniziano a beneficiare dei miglioramenti nei viaggi a febbraio e marzo.

Nota di skift: Sebbene l’aumento delle tariffe aeree e l’aumento dei prezzi del gas possa intaccare la prevista ripresa estiva, i dirigenti degli hotel sono ancora ottimisti sul fatto che vedranno un aumento del numero di visitatori.

Lunedì 4 aprile

Marriott International ha annunciato l’intenzione di espandere il proprio portafoglio in Vietnam, prevedendo di aggiungere quasi 9.000 camere all’interno del portafoglio dell’azienda. L’espansione vedrà il debutto di marchi chiave tra cui Ritz-Carlton Residences, Marriott Hotels, Westin e Courtyard by Marriott. Il marchio Sheraton Hotels & Resorts di Marriott prevede di fare il suo debutto in diverse nuove destinazioni in tutto il Vietnam, tra cui l’isola di Phu Quoc, la baia di Ho Long, patrimonio mondiale dell’UNESCO, Dalat e le coste di Binh Chau. È prevista l’apertura di un nuovo Renaissance Hotel nella città sul mare di Danang, mentre Le Meridien Hotels & Resorts prevede di debuttare a Danang e Cam Ranh. Il marchio di punta Marriott Hotels dovrebbe debuttare ad Hanoi e Hoi An, mentre il marchio Westin dovrebbe aprire ad Hanoi e Cam Ranh. Marriott Executive Apartments dovrebbe iniziare ad accogliere gli ospiti a Danang. Il Ritz-Carlton Residences, Hanoi, dovrebbe fare il suo debutto nel 2024. Il marchio Fairfield by Marriott di Marriott dovrebbe essere introdotto in località come Vinh Yen, Ha Long e Hanoi, mentre diversi hotel Courtyard by Marriott dovrebbero aprire in tutta Danang, Ha Long e Nha Trang. Marriott attualmente gestisce 10 proprietà in Vietnam, che comprendono 3.294 camere e coprono sei dei marchi dell’azienda. Gli hotel e i resort si trovano in sei principali destinazioni d’affari e di piacere tra cui Hanoi, Ho Chi Minh City, Danang, Nha Trang, Phu Quoc e Binh Duong.

Nota di skift: L’espansione di Marriott in Vietnam avviene due mesi dopo che il Paese ha annunciato la riapertura completa ai visitatori stranieri senza requisiti di quarantena.

Hyatt Hotels Corp. sta lanciando Lavoro da Hyatt: Offsite, un nuovo concetto di ritiro aziendale che offre opportunità di team building incentrate sulla creazione di forti connessioni di persona insieme a sconti di gruppo. L’offerta sarà presentata a oltre 30 strutture partecipanti negli Stati Uniti attraverso collaborazioni con attrazioni locali, centri fitness e ristoranti. La nuova offerta includerà un team building curato e basato su offerte locali, pianificazione di eventi in loco dedicata e gestori di esperienze di eventi e sconti fuori sede a partire dal 10% per riunioni, spazi di lavoro e sociali, F&B e camere.

Nota di skift: La competizione per attirare più prenotazioni di ritiri aziendali sta diventando più agguerrita poiché Hyatt sta lanciando un prodotto simile a quelli dei suoi rivali.

Martedì 5 aprile

Wyndham ha celebrato quattro aperture a Bangkok, aggiungendosi al suo portafoglio in Thailandia di 17 hotel. In Vietnam, Wyndham ha ulteriormente ampliato la sua presenza introducendo Wyndham Grand Flamingo Cat Ba. L’Australasia ha avuto quattro aperture in diversi marchi a Wellington, Auckland, Christchurch e Hervey Bay. Tè Ramada di Wyndham Wellington ha segnato il primo hotel di Wyndham nella capitale della Nuova Zelanda. Per quanto riguarda il futuro, Wyndham ha affermato che stanno facendo grandi progressi verso l’obiettivo di raggiungere i 2.000 hotel in Asia Pacifico entro il 2025. All’inizio di quest’anno, la società ha debuttato con il primo La Quinta di Wyndham a Weifang, provincia di Shandong. Contano di aprire otto Giardini Wyndham quest’anno in località da Chengdu e Lanzhou in Cina a Phuket in Thailandia. Ci sono più di dieci hotel Microtel by Wyndham nella pipeline di apertura della Cina per quest’anno, mentre è prevista l’apertura di dieci hotel Ramada by Wyndham. Sette nuove aperture di hotel previste in Thailandia quest’anno includono le 190 camere Wyndham Atlas Wongamat Pattaya, che rappresenta il primo hotel Wyndham a Pattaya quando aprirà a giugno. La società ha in programma di svelare altri cinque nuovi hotel a Pattaya quest’anno. Le nuove proprietà a marchio Wyndham in destinazioni per il tempo libero come Phu Quoc e Hoi An in Vietnam si aggiungeranno al loro portafoglio esistente e ci saranno nuovi marchi di hotel lifestyle in Nuova Zelanda, in particolare Microtel by Wyndham e TRYP di Wyndham. Con 28 proprietà in Australia, Wyndham prevede di espandere ulteriormente il suo marchio omonimo con i suoi primi hotel nell’Australia Meridionale. I due nuovi annunciLe edizioni includono Wyndham Wallaroo Shores Resorts e TRYP di Wyndham Pulteney Street Adelaide nel quarto trimestre.

Nota di skift: La cauta riapertura della Thailandia potrebbe far sì che Wyndham non ottenga la spinta che si aspettava dalle sue aperture a Bangkok.

mercoledì 6 aprile

Travelodge ha annunciato che stanno evolvendo il loro prodotto principale del marchio in un nuovo design di lusso e aspetto premium, pur mantenendo la loro proposta di ottimo rapporto qualità-prezzo. Questo nuovo design è stato creato sul successo del format hotel budget chic del gruppo, Travelodge PLUS con il feedback del più grande studio sui consumatori dell’azienda. In risposta a questa intuizione del consumatore, il team degli interni di Travelodge ha rimodellato il proprio prodotto principale con un nuovo design di lusso che include tutte le efficienze a basso costo che ti aspetti da Travelodge, ma con l’ulteriore vantaggio di un design accurato ed elegante e tocchi casalinghi in tutti i suoi interni . Il nuovo design Travelodge budget-luxe presenta una nuova area reception; stanze multidimensionali di nuova generazione; e un ristorante in loco con un bar di tendenza chiamato “Bar Café”.

Nota di skift: Le aziende alberghiere considerano sempre più i marchi di lusso come una via di crescita.

Giovedì 7 aprile

Gruppo Radisson Hotel ha annunciato che stanno lanciando la loro nuova estensione del marchio lifestyle in India, Ritiri individuali del Radisson, mentre si preparano a raddoppiare il loro portafoglio nel paese. Il gruppo ha recentemente svelato i piani per più che raddoppiare la sua presenza indiana, con 148 hotel e resort da aggiungere entro il 2025. Questi si aggiungeranno alle oltre 140 proprietà che Radisson Hotel Group ha attualmente in funzione o in fase di sviluppo a livello nazionale. Radisson Individuals Retreats è una raccolta di ritiri di lusso e di alto livello, che offriranno esperienze esclusive. Ogni proprietà del ritiro sarà in destinazioni per il tempo libero uniche tra cui Goa, Kashmir, Coorg e Kabini o luoghi insoliti come le catene montuose dell’Himachal Pradesh o dell’Uttarakhand, le colline del Karnataka o le terre storiche del Rajasthan. Radisson Individuals Retreats è un’estensione di Individui Radisson, il concetto di soft brand che ha debuttato in Asia meridionale nel 2021. Radisson Hotel Group gestisce 106 hotel e resort in India, coprendo sette dei suoi marchi in tutte le parti del paese. Il nuovo marchio è su misura per il mercato indiano e sarà una collezione di ritiri lifestyle di lusso di fascia alta con 25-50 stanze. Si aspettano di aprirne alcuni in questo anno solare poiché stanno valutando una decina di proprietà in questo momento. Radisson sta esaminando 50 Radisson Individual Retreats nei prossimi cinque anni.

Nota di skift: Radisson prevede chiaramente che l’India sia redditizia mercato. Ma aiuterebbe l’azienda se i funzionari indiani si sviluppassero una nuova politica del turismo per rendere attraente i potenziali visitatori stranieri.

Leave a Comment