Cary Mitchell, straordinario stilista di abbigliamento, assiste

Cary Mitchell, un laureato Johnson C. Smith, che è diventato famoso disegnando pantaloni per Tiger Woods e abiti per una lunga lista di star dello sport, in particolare nella NBA, è passato inaspettatamente sabato a Charlotte, NC

Mitchell, 62 anni, è stato portato d’urgenza in ospedale sabato con un dolore insopportabile al petto. Ha subito un intervento chirurgico d’urgenza per emorragia interna. Non è sopravvissuto alla procedura.

Il fratello di Mitchell, John Mitchell, ha pubblicato su Facebook sabato pomeriggio che suo fratello è morto all’inizio della giornata.

“La perdita a volte è schiacciante. Tieni noi e soprattutto sua moglie Vanessa nelle tue preghiere”, ha scritto John Mitchell.

Da Johnson C. Smith

Il presidente della JCSU Clarence D. Armbrister ha condiviso una dichiarazione in risposta alla morte di Mitchell riconoscendo il servizio che ha fornito all’università e agli utili enti di beneficenza.

“Il suo viaggio da studente che ha abbracciato il suo talento per il design dell’abbigliamento, trasformandolo in una fiorente carriera, il tutto ricordando e onorando le comunità da cui proveniva, inclusa, ovviamente, la nostra Istituzione, è un vero esempio di ciò che speriamo tutti i nostri gli studenti diventano”, ha detto Armbrister. “A nome dell’intera famiglia JCSU, porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici e ai compagni di classe di Cary”.

La rivista dell’area di Charlotte presentava Mitchell sulla copertina.

Una celebrazione del servizio per la vita si terrà il 15 aprile al Victory Christian Center di Charlotte – The Dome. La struttura si trova a 7228 Kings Ridge Drive a Charlotte, NCAE Grier & Sons LLC si occupa degli accordi. Un servizio funebre è in programma a Richmond in un secondo momento.

Le radici di Cary Mitchell

Mitchell era a Richmond, Virginia. nativo. L’ispirazione per la sua attività di design di abbigliamento, Cary Mitchell Designs, ha detto a questo giornalista negli anni ’90, è venuta da suo padre, John Thomas “Tiger Tom” Mitchell.

Cary Mitchell a Parigi davanti alla Torre Eiffel.

L’anziano Mitchell era una popolare emittente radiofonica dell’area di Richmond e conduttore di molti degli atti R&B che arrivavano in città. Come annunciatore per star come James Brown e Otis Redding, suo padre doveva vestirsi con stile e stile. Era un tratto che il giovane Mitchell ha detto di aver raccolto all’inizio della vita.

Mentre frequentava la JCSU, Mitchell era un allenatore per la squadra di basket. Dopo la laurea nel 1983, il giovane ambizioso Mitchell andò a lavorare a Parigi per un’azienda americana di articoli sportivi. Ha iniziato a disegnare abiti per l’azienda prima di avviare la sua azienda. Successivamente, lui e sua moglie Vanessa hanno lavorato entrambi per la US Air e la Piedmont Airlines con sede a Charlotte, Carolina del Nord

Nasce Cary Mitchell Designs

È entrato in contatto con Charlotte Hornets della NBA e i suoi membri del team che hanno utilizzato le compagnie aeree per i viaggi. Il suo primo cliente NBA è stato Johnny Newman, un prodotto dell’Università di Richmond e Danville, Virginia. nativo che si è unito agli Hornets nel 1990. Quella collaborazione ha portato alla familiarità in tutta la NBA con l’abilità e l’abilità di Mitchell.

Ricevevo spesso chiamate da Mitchell alle partite All-Star dell’NBA o dalla casa di uno dei suoi clienti. mentre attraversava il paese prendendo le misure, presentando le opzioni di tessuto e colore.

Mitchell (r.) con il supersonico di Seattle Gary Payton. Probabilmente Payton indosserà uno degli abiti disegnati da Mitchell.

Cary Mitchell e Tiger Woods

Il più delle volte ha lavorato ed è stato assunto tramite agenti, aiutando a creare l’immagine dei loro giocatori a partire da come si sono vestiti per il Draft NBA. Gli agenti hanno lavorato a stretto contatto con aziende di calzature e altri sponsor aziendali. Nel Draft NBA 2002 che includeva la prima scelta Yao Ming, Mitchell avrebbe disegnato abiti per otto dei primi 12 draftees.

Uno di quei contatti con Nike ha portato al suo lavoro nel 1998 come designer di pantaloni per la giovane mega star del golf Tiger Woods, due anni dopo il debutto professionale di Woods. Mitchell è apparso e ha abbellito le copertine di numerose riviste per il suo lavoro con Woods ed è stato soprannominato “Tiger’s Pants Guy” nel 2004 da Sports Illustrated.

Mtchell, prendendo le misure di un giovane Tiger Woods.

Ha detto alla rivista: “Sono pagato da Nike ma non vendono i miei modelli. Quando Tiger ordina i suoi pantaloni, li mando a Nike e glieli danno”.

Tra la lunga lista di celebrità della clientela di Mitchell c’erano l’Hall of Famer del baseball Ken Griffey Jr., il leader della carriera della NFL Emmitt Smith, il defunto ospite di ESPN Stuart Scott e una lunga lista di star dell’NBA tra cui Lebron James, Grant Hill, Charles Barkley, Alonzo Mourning, Ray Allen e Tim Duncan. Mitchell si è ritirato come designer indipendente alcuni anni fa poiché le aziende di scarpe e altre società hanno offerto design di abbigliamento come parte del loro pacchetto agli atleti.

Cary Mitchell e i Bobcats

Nel 2004, Mitchell ha lavorato con il nuovo franchise e proprietario dei Charlotte Bobcats della NBA, Bob Johnson, per disegnare le divise per la squadra e l’abbigliamento per i suoi lavoratori dell’arena. Mitchell ha collaborato con NVU Productions, Reebok e NBA con sede a Chicago per sviluppare l’uniforme del club, che includeva arancione, blu, nero e argento. I Bobcats sono stati l’unica squadra nella storia della NBA a presentare l’arancione come colore principale.

Le uniformi di Charlotte Bobcats.

“Cary è un innovatore nel campo del design dell’abbigliamento che comprende le esigenze e i gusti degli atleti professionisti di oggi”, ha affermato nel 2003 Ed Tapscott, vicepresidente esecutivo e direttore operativo dei Bobcats. “Ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’identità della squadra e siamo entusiasti delle possibilità che Cary offre al design della nostra nuova divisa dei Charlotte Bobcats”.

Ha donato la sua quota di progettazione dai Bobcats in beneficenza, con destinatari tra cui A Child’s Place e lo United Negro College Fund.

Cary Mitchell nella comunità

Oltre al suo lavoro con atleti professionisti e celebrità, Mitchell è stato anche molto attivo nelle comunità di Charlotte e Richmond ed è stato un grande sostenitore di Johnson C. Smith e HBCUs.

Ha messo in scena il Legacy Classic a Charlotte dal 1999 al 2003, un doubleheader con quattro squadre HBCU della Carolina del Nord del MEAC e della CIAA nel fine settimana delle vacanze di Martin Luther King Jr.. Ha lavorato in consigli di amministrazione presso JCSU, Levine Museum of the New South, Big Brothers, Big Sisters e Dell Curry Foundation.

Carlotta

Come risultato del suo lavoro con Woods e Nike, Mitchell ha portato il padre di Tiger, Earl Woods, come oratore ospite per una cerimonia di investitura nella JC Smith Sports Hall of Fame.

“Cary Mitchell teneva profondamente alla comunità, ma soprattutto alle comunità nere di Charlotte e Richmond”, ha detto Nick Wharton, presidente e amministratore delegato del Charlotte Area Fund, al Richmond Free Press.

“Per anni, con la sua personalità affascinante e disarmante, Cary ha ammonito privatamente gli atleti professionisti a controllare le proprie finanze e investire per elevare le comunità nere che avevano acceso le loro carriere professionistiche. Il carattere sincero, l’integrità personale e l’impegno per la comunità di Cary sopravvivranno”.

Cary Mitchell nella comunità

Oltre al suo lavoro con atleti professionisti e celebrità, Mitchell è stato anche attivo nelle comunità di Charlotte e Richmond ed è stato un grande sostenitore di Johnson C. Smith e HBCUs.

Ha messo in scena il Legacy Basketball Classic a Charlotte dal 1999 al 2003, un doubleheader con quattro HBCU della Carolina del Nord del MEAC e della CIAA nel fine settimana delle vacanze di Martin Luther King Jr.. Ha lavorato in consigli di amministrazione presso JCSU, Levine Museum of the New South, Big Brothers, Big Sisters e Dell Curry Foundation.

Carlotta

Come risultato del suo lavoro con Woods e Nike, Mitchell ha portato il padre di Tiger, Earl Woods, come oratore ospite per una cerimonia di investitura nella JCSU Sports Hall of Fame.

“Cary Mitchell teneva profondamente alla comunità, ma soprattutto alle comunità nere di Charlotte e Richmond”, ha detto Nick Wharton, presidente e amministratore delegato del Charlotte Area Fund. La stampa libera di Richmond.

“Per anni, con la sua personalità affascinante e disarmante, Cary ha ammonito privatamente gli atleti professionisti a controllare le proprie finanze e investire per elevare le comunità nere che avevano acceso le loro carriere professionistiche. Il carattere sincero, l’integrità personale e l’impegno per la comunità di Cary sopravvivranno”.

Molti dei suoi recenti post su Facebook parlavano di chi chiamava “il mio ragazzo, Victor Jones”. mentre Jones ha combattuto le sue stesse sfide di salute. Quei post contenevano aggiornamenti sulla salute di Jones e le frequenti visite in ospedale che Mitchell faceva per portargli cibo e risollevarsi il morale.

A Richmond

Mitchell era ancora molto legato a Richmond, dove è cresciuto, si è diplomato alla Huguenot High School e dove vivono ancora molti membri della famiglia. Il sindaco di Richmond Levar M. Stoney ha attribuito a Mitchell il merito di aver contribuito a garantire il più recente risveglio del Armstrong-Walker Classicla grande partita di football post-Ringraziamento tra le due scuole superiori nere della città che si è conclusa nel 1978. Lo scorso novembre Cary e suo fratello John hanno preso parte all’iniziativa che includeva una parata e partite di calcio giovanile.

L’ultimo contatto con lui è stato un paio di settimane fa, quando mi ha informato del Bobby Dandridge Day che si terrà nella loro città natale di Richmond il 7 maggio. Onorerà l’ex star della Maggie L. Walker High School e della Norfolk State University che ha continuato per diventare un quattro volte NBA All-Star e due volte campione NBA. Dandridge è stato inserito nel 2021 nella Naismith Memorial Basketball Hall of Fame.

Cary Mitchell, straordinario stilista di abbigliamento, assiste







Leave a Comment