I piloti di Delta Air Lines hanno in programma di picchettare al di fuori di MSP in mezzo alla già elevata domanda di viaggio

Il sindacato che rappresenta i piloti dice che sta lavorando una quantità record di straordinari e vuole un programma migliore.

MINNEAPOLIS — Sono stati altri giorni difficili per i viaggiatori: circa 10.000 voli sono stati cancellati, lasciando le persone bloccate negli aeroporti di tutto il Paese.

Jet Blue e Southwest hanno entrambi affermato che le forti tempeste in Florida sono in parte da biasimare.

Il tempo, però, è solo una parte del problema. Gli esperti del settore aeronautico affermano che la domanda di viaggi non ha precedenti, tornando ai numeri visti anche prima del 2019.

Il giornalista di affari aeronautici David Slotnick scrive per il sito web The Points Guy e afferma che le compagnie aeree stanno capitalizzando questa domanda e aggiungendo voli.

Dice che dovrebbero darsi un buffer piuttosto che programmare a pieno regime. Ad esempio, Delta Air Lines sta programmando circa l’87% dei suoi voli. Consente il cosiddetto allentamento nel loro sistema per far fronte a eventuali problemi.

Ma programmare troppo pochi voli e il prezzo dei biglietti potrebbe aumentare.

“L’ideale è che le compagnie aeree trovino la via di mezzo, il punto perfetto da colpire, ovviamente non ci siamo ancora”, ha detto Slotnick.

La pressione aggiunta sta anche mettendo in difficoltà alcuni piloti. Circa 200 piloti Delta hanno organizzato una protesta all’aeroporto Hartsfield-Jackson di Atlanta il mese scorso, affermando che le pratiche di pianificazione della compagnia li stavano lasciando oberati di lavoro e affaticati, secondo la nostra affiliata WXIA-TV.

L’Air Line Pilots Association, il sindacato che rappresenta molti piloti, afferma che le pratiche di programmazione della compagnia aerea hanno indotto i piloti a volare per lunghe giornate oa lavorare per giorni aggiuntivi per mantenere la compagnia aerea in funzione.

Il sindacato ha confermato che un numero imprecisato di piloti organizzerà anche un picchetto informativo al Minneapolis-St. Paul Airport il 21 aprile, qualcosa che non facevano da sei anni.

“Per quei piloti, stanno lavorando straordinariamente duro, raccogliendo tutto il volo extra che possono”, ha detto Slotnick. “Ma per loro c’è un limite a cui possono volare e possono dire di no quando non si sentono a proprio agio”.

Nonostante non ci sia una soluzione rapida all’orizzonte, Slotnick afferma che le compagnie aeree stanno andando nella giusta direzione. E raccomanda ai viaggiatori di essere preparati e proattivi per aiutare a ridurre eventuali problemi di viaggio.

“Conoscere la causa di questo e cosa sta succedendo non è una consolazione se sei bloccato”, ha detto Slotnick. “È una situazione davvero difficile per tutti i soggetti coinvolti in questo momento”.

In risposta al picchettaggio, Delta Air Lines ha affermato, in parte, che i piloti sono fuori servizio e non interrompe i tempi di volo. Ecco il comunicato completo dell’azienda:

“Questo esercizio informativo da parte di alcuni dei nostri piloti fuori servizio non interromperà le nostre operazioni per i nostri clienti. Tutti i nostri programmi pilota soddisfano o superano i requisiti di sicurezza stabiliti dalla FAA nonché quelli delineati nel nostro contratto pilota. Mentre continuiamo a fornire l’affidabilità operativa leader del settore ea ripristinare la nostra rete, stiamo anche bilanciando i modi per migliorare i programmi per i nostri piloti. Tutte le nostre persone, compresi i nostri piloti, stanno lavorando duramente per ripristinare la nostra compagnia aerea e fornire ai nostri clienti l’uscita dalla pandemia. Siamo grati e orgogliosi dei loro sforzi”.

https://www.youtube.com/watch?v=videoseries

Leave a Comment