La Gen-Z guida il ritorno della pianificazione del viaggio, la spesa nel 2022

La società di car sharing Avail ha recentemente pubblicato i risultati di un nuovo studio, che ha esaminato l’attuale sentimento e comportamento dei consumatori di viaggi per generazione.

Per “The State of Travel in 2022”, Avail ha intervistato 2.000 americani – Baby Boomers, Gen-X, Millennials e Gen-Z aspiranti viaggiatori, in egual numero – per scoprire come una pandemia e due anni di restrizioni di viaggio hanno influenzato il loro desiderio di viaggiare. Di seguito, abbiamo delineato alcuni dei risultati chiave dello studio.

PUBBLICITÀ

In voga

Aumento delle spese di viaggio:

— I Gen-Zer stanno guidando la carica in termini di ritorno ai viaggi e prevedono di spendere di più per i viaggi nel 2022 rispetto a qualsiasi altra generazione con il 72% che afferma di voler spendere di più, o almeno la stessa quantità, quest’anno rispetto a prima -tempi pandemici.

— Il 72% dei Gen-Zer sta già pianificando o sta pensando di fare un viaggio davvero grande nel 2022, seguito da Millennials (68%), Gen-Xers (60%) e Baby Boomers (51%).

Maggiore pianificazione del viaggio:

— Le generazioni più giovani sono emerse come le più desiderose di viaggiare più spesso del solito, con il 71% dei Gen-Zers e il 71% dei Millennials che affermano che stanno pianificando di viaggiare di più, o la stessa quantità, nel 2022 di quanto non abbiano fatto nell’era pre-COVID-19.

— Complessivamente, il 69% degli americani attraverso le generazioni prevede di viaggiare di più, o la stessa quantità, quest’anno rispetto a prima della pandemia.

— Il 60% degli intervistati ha affermato di aver viaggiato meno durante il COVID-19 rispetto a prima della pandemia.

— L’82% dei Baby Boomers, il 75% dei Gen-Xer e il 73% sia dei Gen-Z che dei Millennials prevede di fare da uno a cinque viaggi di piacere entro il prossimo anno.

— Poiché la maggior parte di loro va in pensione e ha orari aperti, ha senso che i Baby Boomer abbiano dimostrato di essere i viaggiatori più spontanei tra i quattro gruppi generazionali, con il 64% che afferma di potersi vedere prenotando un mese, o anche meno, prima di i loro viaggi.

Fattori che influenzano i livelli di comfort:

— Quando si combinano le generazioni, il 76% di tutti gli americani ha affermato di essere d’accordo sul fatto che la diffusa disponibilità di vaccini COVID-19 ha rafforzato il loro grado di comfort riguardo al viaggio, con Millennials (77%) e Baby Boomers (77%) che sono i più rassicurati perché di vaccini.

— Solo una minoranza (31%) degli americani ha affermato che le preoccupazioni relative al COVID-19 potrebbero dissuaderli dal viaggiare per motivi di piacere quest’anno, con Baby Boomers (27%) e Gen-Xers (28%) che si sono rivelati i meno spaventati dal COVID -19 uscite.

— Il 69% di tutti gli intervistati ha affermato che l’attuale guerra della Russia contro l’Ucraina potrebbe rivelarsi una delle ragioni principali per cui evitano i viaggi internazionali nel 2022. Il crollo di coloro che prevedono che il conflitto russo-ucraino avrà un impatto sui loro piani è stato del 63% Xers, il 70% dei Gen-Zers, il 71% dei Baby Boomers e il 73% dei Millennials.

Somiglianze generazionali:

— I partecipanti di tutti i gruppi generazionali hanno convenuto che rimanere all’interno del loro budget è l’elemento più impegnativo della pianificazione del viaggio.

— Vedere la famiglia e gli amici è il fattore motivante numero uno per fare un viaggio quest’anno tra Gen-Zers, Millennials, Gen-Xers e Baby Boomers allo stesso modo.

il denaro è il più grande fattore limitante per quanto riguarda i viaggi di piacere nel 2022, più di due volte più limitante dei problemi di sicurezza e salute.

— Gli americani continuano a preferire il viaggio in auto rispetto a tutti gli altri mezzi di trasporto, attraverso tutte le generazioni. Ma tutti i gruppi hanno anche convenuto che i costi di noleggio auto sono “semplicemente troppo costosi”, spingendoli a prendere in considerazione nuovi servizi, come il car sharing.

.

Leave a Comment