Il corpo “mutilato” di mamma di quattro figli è stato trovato sepolto sotto un mucchio di vestiti, secondo il processo per omicidio

Un ex marito ha ammesso di essere responsabile della morte della moglie “mutilata”, il cui corpo è stato trovato gettato sotto una pila di vestiti in una stanza sigillata con una corda da vestaglia.

Russell Marsh, 29 anni, nega di aver ucciso la sua ex moglie Jade Marsh – che era anche conosciuta come Jade Ward – ed è sotto processo. Qualche istante prima che il corpo senza vita della signora Ward fosse scoperto, il suo presunto assassino è stato filmato da agenti in una stazione di polizia dicendo loro che aveva “fatto qualcosa di orribile”. Si è dondolato avanti e indietro sulla sedia e si è scusato ripetutamente quando gli agenti hanno trovato il corpo della madre di quattro figli nella sua casa di Shotton, nel Flintshire, il 26 agosto dello scorso anno. Marsh, di Chevrons Road a Shotton, nega l’omicidio e un conteggio alternativo di omicidio colposo ed è sotto processo presso la Mold Crown Court.

Il procuratore Michael Jones QC ha detto a una giuria che Marsh stava lavorando di notte per il suo datore di lavoro Bio Energy a Ellesmere Port la notte in cui la signora Ward, 27 anni, è stata uccisa. Ha detto che l’imputato aveva detto al suo supervisore che doveva lasciare diverse ore nel suo turno e ha affermato che suo fratello aveva preso un’overdose e aveva bisogno di andare in ospedale. Il pubblico ministero ha affermato che ciò era “completamente falso” e invece Marsh è stato rintracciato da telecamere a circuito chiuso, telecamere ANPR e antenne telefoniche diretti nel Galles settentrionale e in arrivo nell’ex casa di famiglia a Shotton.

Per saperne di più: L’ultimo processo per omicidio di Logan Mwangi

Il signor Jones ha detto che la coppia si era separata in tre occasioni, ma si erano lasciati nell’estate del 2021. Ha detto che amici intimi e familiari hanno sentito la signora Ward dire che questa volta la separazione era “per sempre”. La signora Ward avrebbe condiviso un bacio con un altro uomo a una festa e stava “andando avanti” con la sua vita. Questa informazione è tornata a Marsh, che in tribunale è stato descritto come “controllante” sul suo partner.

Marsh avrebbe aggredito la signora Ward con un coltello prima di strangolarla e consegnarsi alla polizia il giorno successivo. Marsh ha detto agli agenti che avrebbero trovato sua moglie al piano di sopra e morta nel suo letto.

La polizia ha forzato l’ingresso nella proprietà e ha trovato la signora Ward nel luogo da lui indicato ma coperta da un mucchio di vestiti. La porta era anche “fissata con una corda da vestaglia”, ha sentito il processo. La signora Ward, che era in pigiama macchiato di sangue, è stata dichiarata morta sul posto. Un rapporto di patologia descriveva in dettaglio come ha subito ferite multiple “in tutto il corpo”, inclusi viso e braccia, mentre i segni di presa l’hanno lasciata contusa e c’erano prove di ferite “difensive” sostenute intorno alle mani che mostravano che aveva “fatto sforzi per combattere” il suo aggressore.

Il procuratore Jones ha detto che l’esperto di patologia ha stabilito che la causa “orribile” della morte della signora Ward era stata conclusa come asfissia che poteva essere eseguita solo da un’altra persona. Il signor Jones ha detto che il suo corpo era stato “mutilato”.

Lunedì 4 aprile Marsh è andato al banco dei testimoni e ha testimoniato. Mentre è stato interrogato dal suo avvocato Christopher Terhani, QC, l’imputato ha accettato di aver ucciso la signora Ward per asfissia e non aveva motivo legittimo per farlo. Tuttavia ha negato di avere l’intenzione di uccidere o causare gravi danni alla signora Ward.

Marsh, papà di cinque figli, che ha lasciato la scuola a 16 anni con due GCSE in scienze e studi religiosi, ha confermato che c’era un periodo di sette mesi nel 2017 quando è stato licenziato dal lavoro – in un’altra azienda – a causa di problemi di salute mentale causati da “pressione e ansia”. È stato medicato durante questo periodo.

L’imputato ha anche detto alla corte di avere un debito di circa £ 30.000 nel 2019 in seguito ai lavori di ristrutturazione della casa e al pagamento del matrimonio tra lui e la signora Ward. La coppia è stata insieme per poco più di nove anni in tutto. Marsh ha detto che hanno avuto “tempi rocciosi” per tutto il tempo, soprattutto verso la fine della relazione. Ha detto che la coppia era “stanca” e “sfinita” e ha affermato di non avere “quasi nulla” quando si trattava di una relazione fisica.

Nell’estate del 2019, non molto tempo dopo il loro matrimonio, la coppia si era separata per “una serie di motivi”, ha sentito la corte, ma in seguito si sono riconciliati in pochi giorni. Al momento della scissione Marsh è stato accusato di aver ferito i polsi della signora Ward. Ha detto che “non era mai stato violento” con la signora Ward.

Marsh nega l’omicidio e un conteggio alternativo di omicidio colposo. Il caso, ascoltato dal giudice Rhys Rowlands e che dovrebbe durare due settimane, continua.

.

Leave a Comment