Le patate del Maine viaggiano molto dopo la siccità occidentale

I coltivatori di patate del Maine hanno avuto un raccolto così eccezionale la scorsa stagione che sono intervenuti per aiutare i loro fratelli maggiori nell’ovest che erano a corto di patate.

Gli agricoltori del Maine hanno spedito patate su rotaia per la prima volta in quattro decenni quest’inverno grazie a un raccolto abbondante nello stato e al caldo e al clima secco che hanno ostacolato gli agricoltori in rinomati stati di coltivazione di patate come l’Idaho e Washington. Le patate hanno percorso più di 2.500 miglia (4.000 chilometri) per la lavorazione, viaggiando su vagoni ferroviari climatizzati.

Complessivamente, 21 milioni di libbre (9,5 milioni di chilogrammi) di patate, praticamente tutte provenienti da coltivatori nel nord del Maine, scorrevano attraverso un magazzino collegato alla ferrovia di proprietà di LaJoie Growers LLC. Ciò equivale a più di 530 camion carichi di patate, ha affermato il co-proprietario Jay LaJoie.

“È un bel pezzo di patate”, ha detto Don Flannery, direttore esecutivo del Maine Potato Board.

La maggior parte delle patate del Maine è andata a trasformatori nello stato di Washington, dove vengono esportate gran parte delle patatine fritte e altri prodotti. Le spedizioni per l’Idaho erano patate da semina, compreso il Caribou russet del Maine, che sarà piantato questa primavera.

Chris Voigt della Washington State Potato Commission ha affermato che i trasformatori sono grati per le spedizioni di patate, ma sperano che i servizi dei coltivatori del Maine non siano necessari in futuro.

Le spedizioni sono terminate anticipatamente circa due settimane fa, festa a causa delle interruzioni economiche causate dalla guerra in Ucraina. Ma è stato buono finché è durato, aiutando i trasformatori di patate negli stati occidentali riducendo un’offerta eccessiva di patate del Maine.

Ha anche dimostrato il valore delle linee ferroviarie per l’agricoltura, soprattutto durante la carenza di camion durante la pandemia, ha affermato LaJoie.

Non c’è modo in cui i coltivatori avrebbero potuto procurarsi abbastanza rimorchi per trattori per trasportare le patate, ma c’era una linea ferroviaria disponibile che si collegava a un magazzino di proprietà di LaJoie a Van Buren.

La carenza di autisti di camion ha contribuito ai problemi della catena di approvvigionamento durante la pandemia.

“Non vedo il miglioramento dei trasporti a breve”, ha detto LaJoie.

Mentre il Maine è noto per la sua famosa aragosta, lo stato era davvero una volta la capitale della patata della nazione durante la seconda guerra mondiale. Altri stati in seguito aumentarono la produzione negli anni ’50. L’Idaho e lo Stato di Washington sono attualmente i n. 1 e 2 mentre il Maine è al nono posto, secondo l’USDA.

L’insolita carenza di patate a ovest è il risultato di uno strano clima estivo.

Un’ondata di caldo con temperature che superano i 100 gradi Fahrenheit (38 gradi Celsius) ha colpito il Pacifico nord-occidentale a giugno, proprio mentre le patate stavano iniziando a crescere. Il risultato è stato una resa ridotta e una qualità inferiore, ha affermato Voigt.

“Gli impianti escono dalla chiusura”, ha detto.

Il caldo estremo ha ridotto i raccolti di quasi il 10% per i coltivatori di patate in Idaho e Washington, mentre i raccolti di patate del Maine sono aumentati di oltre il 30% grazie al bel tempo, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

Nel Maine settentrionale, il raccolto è stato così grande che i coltivatori si sono affrettati a trovare spazio di archiviazione. Alcuni edifici dell’ex base dell’aeronautica militare di Loring sono stati classificati come una casa dell’ultimo minuto per gli abbondanti tuberi.

Alla fine, si è rivelato un programma pilota di successo per la consegna su rotaia che potrebbe essere utilizzato di nuovo se persistono condizioni meteorologiche insolite, ha affermato LaJoie. Inoltre, nel Maine è piaciuto ottenere un po’ di attenzione per la sua industria delle patate grazie all’ironia di David che ha aiutato i Golia della patata.

.

Leave a Comment