Pasqua significa speranza | Stile di vita

“Bperché Lui vive, posso affrontare domani. — Matt Maher

L’altro giorno, sono entrato in un negozio di alimentari e mi sono imbattuto in uno dei miei lavoratori preferiti con cui conversavo regolarmente. Stava facendo scorta di cibo quando ci siamo riconosciuti ed è stato come una mini-riunione.

Era passato un bel po’ di tempo dall’ultima volta che ci siamo parlati e si può dire che alcune cose sono successe nel mondo dall’ultima volta che abbiamo chattato. Vediamo… abbiamo avuto una pandemia, una crisi economica, una crisi di salute mentale, tensioni e proteste razziali, elezioni presidenziali altamente polarizzanti, inflazione da record e ora lo scoppio della guerra in Ucraina che ha messo l’Occidente sul bordo del peggior confronto con la Russia da decenni.

Abbiamo parlato di quanto siano stati pazzi gli ultimi due anni, di come sia stato come un viaggio attraverso Jumanji, dove ti preoccupi di cosa accadrà dopo. Abbiamo speculato su soluzioni diverse per tutti i problemi del mondo. Tuttavia, ciò che mi è rimasto maggiormente in mente da questa conversazione è stato il senso di impotenza e disperazione che possono facilmente prendere il sopravvento sull’obiettivo attraverso il quale vediamo questa vita e il mondo che ci circonda.

Ma poi ho avuto modo di condividere con il mio amico che c’è una risposta a tutti i nostri problemi. C’è pace, gioia, speranza e aiuto che si possono trovare, e si trovano in un evento, in un fine settimana, in una parola: Pasqua.

Per la maggior parte di noi, la Pasqua è a malapena un punto debole nel nostro calendario. Di solito è un momento per stare insieme alla famiglia, vestirsi bene, uscire a mangiare e, forse, andare in chiesa. Ma se cogliamo veramente il significato e il messaggio di ciò che è Pasqua, dovrebbe cambiare tutto. Dovrebbe cambiare il modo in cui vediamo ciò che conta veramente nella vita, la nostra prospettiva su come affrontiamo la morte e la perdita dei nostri cari, come vediamo il male e la sofferenza, come vediamo noi stessi, come vediamo Dio e come vediamo questa cosa che chiamiamo storia.

Pasqua significa che c’è un Dio per il quale e con il quale siamo fatti per avere una relazione, senza il quale siamo vuoti interiormente e incompleti. Pasqua significa che la luce della vita trionfa sull’ombra della morte. Come diceva il compianto Billy Graham, “Ho letto l’ultima pagina della Bibbia e tutto andrà bene”. Molto prima di Star Wars, Pasqua significava che c’è speranza, e non solo una nuova speranza, ma anche viva.

Questa speranza vive in te oggi?

Lottiamo per trovare soluzioni ai tanti problemi che dobbiamo affrontare. Il mondo è un pasticcio, noi siamo un pasticcio e abbiamo l’abitudine di fare masse. La Bibbia dice che il vero problema nella nostra società e in noi è qualcosa chiamato peccato. Come diceva una pubblicità, “Adoriamo le cose”, ed è vero. Noi facciamo. Spesso amiamo le cose sbagliate. Non amiamo il nostro creatore. Dall’alba dei tempi, abbiamo scelto il mantra di Frank Sinatra e abbiamo cercato di farlo a modo nostro. Abbiamo detto a Dio che non ne avevamo bisogno né lo volevamo e abbiamo costruito un muro più grande della Grande Muraglia cinese o di quella che si trovava a Berlino.

Il peccato ci separa dal nostro creatore, perché mentre ama, è anche santo e giusto. Come poteva essere andato il film della storia? Dio avrebbe potuto lavarsi le mani e con noi avrebbe potuto consegnare il mondo alla morte, all’inferno e alla distruzione senza alternative. Ma non l’ha fatto. Prima che iniziasse il tempo, ha organizzato un piano di salvataggio. «Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia vita eterna» (Gv 3,16).

Pasqua significa che Dio si prende cura di noi. Dio ti ama oggi, indipendentemente dal fatto che tu lo amerai o lo accetterai mai.

Pasqua significa che i nostri cuori possono essere pieni di pace, amore, gioia e speranza. Significa che non dobbiamo fare le cose come facevamo prima. Non dobbiamo solo sopravvivere; possiamo prosperare. Significa che possiamo avere speranza per il domani, non perché sappiamo cosa ci riserva il domani, ma perché possiamo sapere chi ha in mano il domani.

C’è una ragione per cui Gesù di Nazaret rimane la figura più controversa, influente e riconoscibile di tutti i tempi. Se Gesù era una sciocca favola della buonanotte per aiutarci tutti a stare bene con le fredde realtà della vita, perché i proclamatori del messaggio di Pasqua morirono volentieri per aver dichiarato che Gesù era vivo? Qualcosa è accaduto la mattina di Pasqua più di 2000 anni fa che ha trasformato i codardi in martiri e che qualcosa che è accaduto può cambiare anche la tua vita.

La Pasqua non è diventare religiosi. Si tratta di avere una relazione che cambia la vita con un Dio vivente. La Pasqua ci porta tutti a chiederci: da dove prendo la mia speranza?

Il pastore Stephen Mitchell è il pastore senior della Trinity Bible Church nel Maryland. È anche l’ospite di un podcast settimanale, Real Christian Talk with Pastor Steve, disponibile su tutte le principali piattaforme di podcast.

.

Leave a Comment