‘Go, Mississippi’: lo stato potrebbe abbandonare la canzone con radici razziste | Stile di vita

JACKSON, signorina. (AP) — Il Mississippi è sul punto di affondare una canzone di stato con radici razziste, due anni dopo aver ritirato una bandiera di stato a tema confederato.

La canzone attuale, “Go, Mississippi”, prende la melodia da un jingle della campagna del 1959 del governatore democratico Ross Barnett. “Roll With Ross” includeva il testo “For segregation, 100%. Non è un moderato, come alcuni gentiluomini”.

Barnett resistette senza successo all’integrazione dell’Università del Mississippi nel 1962 e quell’anno i legislatori adottarono una canzone di stato che stabiliva nuove parole per la sua campagna dicendo: “Vai, Mississippi, continua ad andare avanti. Vai, Mississippi, non puoi sbagliare.

Alcuni legislatori hanno cercato tranquillamente una nuova canzone negli ultimi anni, dicendo che la connessione con Barnett è un’imbarazzante reliquia dei brutti vecchi tempi.

Lo sforzo ha preso slancio quando il presidente della Camera repubblicana Philip Gunn ha aperto la sessione legislativa di quest’anno mostrando un video di “One Mississippi”, composto dal cantante e cantautore di musica country Steve Azar per la celebrazione del bicentenario dello stato del 2017.

Azar è originario del Mississippi. I suoi testi giocano sul gioco del conteggio a nascondino (Un Mississippi… due Mississippi… tre Mississippi…) e incorporano immagini familiari: alberi di magnolia, pesce gatto fritto, uragani, kudzu.

Giovedì la Camera e il Senato controllati dai repubblicani hanno approvato la versione finale di un disegno di legge per sostituire la canzone legata a Barnett con “One Mississippi”. Il disegno di legge creerebbe anche un comitato per raccomandare ai legislatori di designare ulteriori canzoni di stato in un secondo momento. Il Tennessee è tra gli stati con più canzoni ufficiali.

Ha chiesto il suo parere sul provvedimento, il gov repubblicano. Tate Reeves ha detto venerdì all’Associated Press di non essere molto esperto nella proposta della canzone perché si è concentrato su altre questioni, inclusi gli aumenti di stipendio degli insegnanti e un taglio delle tasse.

Reeves ha anche detto che non conosce la canzone di stato e non riesce a ricordare se avrebbe dovuto impararla a scuola.

“Ero concentrato sul tiro a pallacanestro”, replicò Reeves impassibile.

Due adolescenti che lavorano come paggi del Senato statale hanno affermato che il Mississippi ha bisogno di cambiare canzone.

“Non credo sia una buona idea prendere la melodia di una canzone razzista e farla per tutti”, ha detto Karmen Owens, una matricola di 15 anni alla North Pike High School di McComb.

Raniyah Younger, una giovane di 17 anni della Jackson’s Callaway High, ha affermato che una nuova canzone di stato dovrebbe riflettere culture diverse e “l’uguaglianza di tutte le razze, di tutti i colori e di tutte le sessualità, ovviamente”.

Il senatore democratico Hillman Frazier di Jackson ha lavorato per anni per ritirare la bandiera dello stato del Mississippi, l’ultima nella nazione a presentare l’emblema della battaglia confederata. Frazier ha detto che il Mississippi non dovrebbe avere una canzone affiliata a un governatore segregazionista, ma vuole un comitato che esamini la profonda eredità musicale del Mississippi e elabori una nuova canzone.

“La maggior parte delle persone non conosce la canzone di stato. Non lo cantano mai”, ha detto Frazier giovedì. “Quindi, sei mesi cercando di farlo bene non farebbero male a niente”.

senatore repubblicano Nicole Boyd di Oxford ha detto che è meglio abbandonare la vecchia canzone ora.

“È un’altra cosa che non ritrae il Mississippi nella sua luce migliore”, ha detto Boyd. “Abbiamo bisogno di cose che rappresentino lo stato e mettano davvero in risalto le persone straordinarie che abbiamo”.

Questa storia è stata corretta per mostrare che Karmen Owens è una studentessa della North Pike High School di McComb.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

.

Leave a Comment