I sudcoreani si riversano all’estero per “viaggi vendicativi” mentre le regole COVID si allentano

SEOUL, 31 marzo (Reuters) – Dopo aver trascorso due anni a distanza sociale nel suo paese d’origine, la Corea del Sud, Kim Hoe-jun ha prenotato un volo last minute per le Hawaii, dove si era goduto la luna di miele sei anni fa, cedendo al suo voglia di viaggiare all’estero.

“Ho comprato il biglietto solo una settimana fa, ma è stato un gioco da ragazzi. Mi sembrava di recuperare quei due anni in cui non potevo andare all’estero spesso come facevo prima del COVID”, ha detto, prima di salire a bordo l’aereo dall’aeroporto internazionale di Incheon venerdì.

Vaccinato e potenziato, Kim e sua moglie sono tra i sudcoreani che si uniscono alla corsa per “viaggi vendicativi”, un termine che è diventato di tendenza sui social media mentre le persone si affrettano a prenotare viaggi all’estero che sono stati ritardati dalle restrizioni del coronavirus.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Il boom è iniziato dopo il 21 marzo, quando la Corea del Sud ha revocato una quarantena obbligatoria di sette giorni per i viaggiatori completamente vaccinati in arrivo dalla maggior parte dei paesi. La restrizione era stata allentata l’anno scorso, ma è stata reimpostata a dicembre quando la variante Omicron altamente infettiva si è diffusa.

Nonostante un’ondata record di COVID-19, il paese ha in gran parte demolito i suoi sforzi di tracciamento e contenimento un tempo aggressivi, unendosi a un elenco crescente di paesi asiatici che hanno allentato le regole di quarantena, tra cui Singapore, Giappone, Australia e Nuova Zelanda. Per saperne di più

I coreani ora sembrano più pronti a viaggiare. I sondaggi hanno mostrato che le persone sono meno preoccupate per le implicazioni della cattura del virus e vedono sempre più la sua prevenzione come fuori dalle loro mani. Per saperne di più

L’11 marzo, un’unità di e-commerce di SK Telecom Co Ltd (017670.KS), il principale operatore di telefonia mobile della Corea del Sud, le vendite di biglietti aerei all’estero sono aumentate di oltre otto volte rispetto a un anno prima tra l’11 marzo, quando è stata revocata la quarantena è stato annunciato e il 27 marzo, ha detto la società.

Kim Na-yeon, 27 anni, era entusiasta di tornare alle Hawaii dove viveva.

“Non potevo osare viaggiare nemmeno in Corea a causa del COVID”, ha detto. “Ma ora mi sento un po’ più libero con l’esenzione, quindi ho deciso di incontrare vecchi amici e fare un giro turistico”.

DOMANDA ESPLOSIVA

Le compagnie aeree e le agenzie di viaggio hanno segnalato un’esplosione della domanda di rotte verso Hawaii, Saipan e Guam, nonché alcune destinazioni in Europa e nel sud-est asiatico dove i turisti che presentano un certificato di vaccinazione o un risultato negativo del test sono esentati dalla quarantena.

Saipan e Guam, che hanno entrambi patti di bolla di viaggio con la Corea del Sud, offrono anche test COVID gratuiti e pagano le spese di quarantena se un viaggiatore risulta positivo. Ogni cittadino sudcoreano in visita a Saipan riceve anche $ 100 in incentivi “travel bucks” da spendere presso le imprese locali.

Il braccio del tour del gigante della vendita al dettaglio online Interpark Corp (035080.KQ) ha registrato una crescita del 324% delle prenotazioni di voli per l’Oceania tra l’11 e il 22 marzo rispetto allo stesso periodo del 2021, un aumento del 268% per il sud-est asiatico e il 262% in più di prenotazioni per l’Europa .

Domenica, la compagnia ha venduto un record di 5.200 pacchetti turistici alle Hawaii in soli 70 minuti. L’unità per la spesa domestica di CJ Corp (001040.KS) ha dichiarato di aver ricevuto circa 2.800 ordini per un viaggio in Spagna e in Italia in un’ora domenica, per un totale di 15 miliardi di won (12,41 milioni di dollari), pochi giorni dopo aver raccolto 9 miliardi di won dalle vendite di un pacchetto Hawaii .

“L’impennata riflette il crescente sentimento dei clienti secondo cui la fine dei cordoli di viaggio COVID potrebbe essere in vista dopo la revoca della quarantena obbligatoria”, ha affermato Lee Jeong-pil, direttore generale dell’unità di acquisto a domicilio di CJ.

Lee Tae-woo, un viaggiatore frequente di 36 anni in Giappone, ha detto di aver cambiato dei soldi in yen, approfittando del forte calo della valuta e sperando di saltare presto sul carro del viaggio di vendetta.

Sebbene il Giappone non abbia ancora consentito ai turisti di rientrare, ha ridotto il periodo di quarantena per gli arrivi per affari e altri scopi a tre giorni dalle sette di questo mese e ha segnalato un ulteriore allentamento dei limiti di viaggio.

“È stata una lunga attesa e sono pronto a tornare non appena finalmente riapriranno, a visitare la mia torrefazione di caffè preferita e godermi la vista notturna dalla stazione di Shibuya”, ha detto Lee, riferendosi al vivace quartiere centrale di Tokyo.

($ 1 = 1.209 vinti)

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazioni di Hyonhee Shin, Hyunyoung Yi, Yeni Seo, Minwoo Park e Daewoung Kim; Montaggio di Karishma Singh

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment