I camionisti cinesi usano documenti di viaggio falsi, i conducenti “puliti” per aggirare le regole COVID | Notizie dal mondo

PECHINO (Reuters) – I camionisti cinesi che sperano di superare in astuzia gli ispettori del COVID-19 stanno falsificando storie di viaggio per superare i checkpoint o evitare la quarantena, secondo quanto riportato dai media statali, mentre i cittadini stanchi lottano con le restrizioni a più di due anni dall’inizio della pandemia.

Mentre alcuni camionisti cercano di usare giochi di prestigio hi-tech per evitare le restrizioni, alcuni viaggiatori disperati stanno semplicemente cercando di nascondersi nelle loro auto per arrivare dove vogliono andare.

Le autorità di tutta la Cina hanno inasprito i limiti del COVID questo mese mentre la variante altamente trasmissibile dell’Omicron si diffonde, innescando il blocco a Shanghai e nell’intera provincia di Jilin.

Molte autorità regionali hanno escluso i viaggiatori, compresi i conducenti di camion a lunga percorrenza, dalle aree ad alto rischio, mentre alcuni devono trascorrere del tempo in quarantena, complicando la vita e interrompendo il sistema di trasporti tentacolare della Cina.

Non sorprende che ci siano persone che cercano di giocare con il sistema.

Cartoni animati politici sui leader mondiali

Secondo i media statali, a Shenyang, capitale della provincia di Liaoning e importante snodo dei trasporti del nord-est, quasi 100 camionisti sono stati puniti per aver tentato di ingannare gli ispettori con telefoni cellulari carichi di false storie di viaggio.

Spesso un telefono, nascosto, contiene la vera cronologia di viaggio di un conducente, comprese le località con casi positivi di COVID contrassegnati da una stella, mentre un altro telefono, pronto per la presentazione ai checkpoint, mostra una falsa cronologia di viaggio senza una stella in vista.

I camionisti di una società di logistica che mirava a entrare in un’altra città del Liaoning sono stati sorpresi mentre cercavano di inserire i numeri di telefono di persone con storie di viaggio “pulite”, fornite dal loro datore di lavoro, nei loro telefoni per ingannare gli ispettori, ha riferito mercoledì l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua.

Alcuni viaggiatori che sperano di raggiungere la capitale, Pechino, hanno assunto autisti sostituti con storie di viaggio incontaminate per guidare i loro veicoli attraverso i posti di blocco, mentre si intrufolano attraverso i boschi lungo la strada a piedi per recuperare le loro auto dall’altra parte, hanno detto le autorità.

I conducenti sostitutivi possono guadagnare fino a 2.000 yuan ($ 315) per viaggio, ha affermato questa settimana il governo della città di Pechino.

Altri viaggiatori cercano semplicemente di nascondersi nelle loro auto per superare i checkpoint, ha detto.

La scorsa settimana, un viaggiatore di ritorno nella città di Jiaxing, vicino a Shanghai, si è fatto aiutare da un autista sostitutivo per arrivarci.

Pochi giorni dopo è stato confermato che era positivo al coronavirus, ha detto la polizia.

($ 1 = 6,3552 yuan cinese renminbi)

(Segnalazione di Ryan Woo; Montaggio di Robert Birsel)

Copyright 2022 Thomson Reuters.

.

Leave a Comment