A un Oscar combattivo, il “CODA” di Apple per il benessere trionfa | stile di vita

LOS ANGELES (AP) — Dopo un anno cinematografico spesso pieno di spettatori, gli Academy Awards hanno nominato il miglior film “CODA”, un film per non udenti che piace alla folla, consegnando per la prima volta il primo premio di Hollywood a un servizio di streaming in una cerimonia che ha visto il più grande dramma quando Will Smith è salito sul palco e ha schiaffeggiato Chris Rock.

“CODA” di Sian Heder, presentato per la prima volta in un Sundance Film Festival virtuale nell’inverno 2021, è iniziato come un perdente, ma gradualmente è emerso come il preferito degli Oscar per il benessere. Ha anche avuto un sostenitore molto in tasca in Apple TV+, che ha ottenuto il suo primo Oscar per il miglior film domenica, meno di tre anni dopo il lancio del servizio.

Ha anche consegnato un’altra sconfitta quasi mancata a Netflix, lo streamer veterano che per anni ha cercato invano di ottenere il miglior film. La sua migliore fortuna, “The Power of the Dog” di Jane Campion, è arrivata con ben 12 nomination. Ne vinse uno, per la regia di Campion.

Ma “CODA” ha cavalcato un’ondata di benevolenza guidata dal suo cast, tra cui Marlee Matlin, Troy Kotsur, Emilia Jones e Daniel Durant. È il primo film con un cast in gran parte sordo a vincere il miglior film. “CODA” ci è riuscito nonostante sia uno dei film meno nominati con solo tre in arrivo domenica.Non dal 1932 “Grand Hotel” ha un film ha vinto il miglior film con meno di quattro cenni del capo.

Kotsur ha anche vinto il premio come miglior attore non protagonista per diventare il primo attore sordo maschio a vincere un Oscar, e solo il secondo attore sordo a farlo, unendosi al suo compagno di cast e co-protagonista di “CODA” Matlin.

“Questo è per la comunità dei non udenti, la comunità CODA e la comunità dei disabili”, ha detto Kotsur, firmando dal palco. “Questo è il nostro momento”.

Molti, però, parlavano di un altro momento. Dopo che Rock, come presentatore, ha scherzato con Jada Pinkett Smith dicendo che non vedeva l’ora di un sequel di “GI Jane”, Will Smith si è alzato dal suo posto vicino al palco, si è avvicinato a Rock e lo ha colpito. Dopo essersi seduto di nuovo, Smith ha gridato a Rock di “tenere il nome di mia moglie fuori dalla tua (imprecazione) bocca”. Quando Rock, che ha scherzato su Jada Pinkett Smith mentre ospitava gli Oscar nel 2016, ha protestato dicendo che era solo una “GI Jane” scherzo, Smith ha ripetuto la stessa frase.

“Quella è stata la più grande notte nella storia della televisione”, ha detto Rock, prima di tornare goffamente a presentare il miglior documentario, che è andato a “Summer of Soul (… or When the Revolution Was Not Televised)” di Questlove.

Il momento ha scioccato il pubblico e gli spettatori del Dolby Theatre a casa. Durante la pausa pubblicitaria, il presentatore Daniel Kaluuya si è avvicinato per abbracciare Smith e Denzel Washington lo ha scortato a lato del palco. I due parlarono e si abbracciarono e anche Tyler Perry si avvicinò per parlare.

Smith, che interpreta Venere e il padre di Serena Williams in “King Richard”, più tardi nello show ha vinto il suo primo Oscar come miglior attore. Così Smith è salito di nuovo sul palco poco dopo quello che sembrava essere uno dei momenti più famigerati nella storia degli Academy Awards. Il suo discorso di accettazione oscillava tra la difesa e le scuse.

“Richard Williams era un feroce difensore della sua famiglia”, ha detto Smith nelle sue prime osservazioni. Smith ha poi condiviso ciò che Washington gli ha detto: “Nel tuo momento più alto, fai attenzione perché è allora che il diavolo viene per te”.

Alla fine, Smith si è scusato con l’accademia e con i suoi colleghi candidati.

“L’arte imita la vita. Sembro il padre pazzo” disse Smith, ridacchiando. “Ma l’amore ti farà fare cose pazze.”

Dopo lo spettacolo, l’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che “non condona la violenza di qualsiasi forma”. Il dipartimento di polizia di Los Angeles ha detto di essere a conoscenza di un incidente di schiaffi agli Oscar, ma ha detto che la persona coinvolta si era rifiutata di sporgere denuncia alla polizia.

Fino ad allora, la cerimonia, modellata come un revival degli Oscar e dei film, si era svolta abbastanza bene. Ariana DeBose è diventata la prima attrice afro-latina e apertamente LBGTQ a vincere un Oscar come attrice non protagonista. Jane Campion ha vinto l’Oscar come miglior regista per “The Power of the Dog”, il suo psicodramma open-plain che ha stravolto le convenzioni occidentali.

Campion, che era stata la prima donna in assoluto a essere nominata due volte nella categoria (in precedenza per “The Piano” del 1993), è solo la terza donna a vincere il premio come miglior regista. È anche la prima volta che il premio per la regia è andato a donne in anni consecutivi, dopo che la regista di “Nomadland” Chloé Zhao ha vinto l’anno scorso.

La migliore attrice è andata a Jessica Chastain, che ha anche vinto il suo primo Oscar. Chastain ha vinto per la sua interpretazione empatica della telepredicatrice Tammy Faye in “Gli occhi di Tammy Faye”, un film che ha anche prodotto.

Dopo ascolti record e uno spettacolo del 2021 segnato dalla pandemia, quest’anno i produttori si sono rivolti a una delle più grandi star in circolazione, Beyoncé, per dare il via a un Oscar destinato a rilanciare il posto dei premi nella cultura pop. Dopo un’introduzione di Venus e Serena Williams, Beyoncé ha eseguito la sua canzone nominata “King Richard”, “Be Alive”, in un’esibizione ricca di coreografie da un palcoscenico all’aperto color lime a Compton, dove le sorelle Williams sono cresciute.

I presentatori Wanda Sykes, Amy Schumer e Regina Hall hanno quindi iniziato la trasmissione televisiva dal Dolby Theatre.

Sykes, Schumer e Hall hanno scherzato disinvoltamente su importanti questioni di Hollywood come l’equità salariale – hanno detto che tre host femminili erano “più economici di un uomo” – il dramma di Lady Gaga che Sykes ha chiamato “House of Random Accents”, lo stato dei Golden Globes (ora relegato nel pacco memoriam, ha detto Sykes) e le amiche di Leonardo DiCaprio. Il loro punto politico più acuto è arrivato alla fine della loro routine, in cui hanno promesso una grande serata e poi hanno alluso al disegno di legge “Don’t Say Gay” della Florida.

“E per voi in Florida, avremo una serata gay”, ha detto Sykes.

Il primo premio televisivo è andato, opportunamente, ad Ariana DeBose, la cui vittoria è arrivata 60 anni dopo che Rita Moreno ha vinto per lo stesso ruolo nell’originale “West Side Story” del 1961. DeBose ha ringraziato Moreno per aver aperto la strada a “tonnellate di Anitas come me”.

“Immagina questa bambina sul sedile posteriore di una Ford Focus bianca, guardala negli occhi: vedi una donna di colore queer, apertamente queer, un’afro latina che ha trovato la sua forza nella vita attraverso l’arte. E questo è, penso, ciò che siamo qui per celebrare”, ha detto DeBose. “Quindi, se qualcuno ha mai messo in dubbio la tua identità o ti ritrovi a vivere negli spazi grigi, te lo prometto: c’è davvero un posto per noi .”

“Encanto”, il successo Disney spinto dalla sua colonna sonora in vetta alle classifiche, ha vinto il premio come miglior film d’animazione. Lin-Manuel Miranda, che ha scritto le canzoni di successo del film, ha saltato la cerimonia dopo che sua moglie è risultata positiva al COVID-19. Il dramma giapponese di tre ore di Ryusuke Hamaguchi “Drive My Car”, uno dei film più acclamati dell’anno, ha vinto come miglior film internazionale.

Dopo due anni di pandemia, e sotto un caldo sole della California, domenica, il rito glamour di Hollywood è tornato in voga, con un tappeto rosso acceso e un pubblico testato per il COVID. Prima dello scambio con Smith, Rock ha commentato, con gusto: “Nessuno indossa una maschera. Stasera sto solo respirando cane crudo.

Per aiutare a riconquistare i riflettori culturali, gli Oscar si sono appoggiati pesantemente su spettacoli musicali (Billie Eilish, Reba McEntire), anniversari cinematografici (“Il Padrino”, “Pulp Fiction”, “Gli uomini bianchi non possono saltare”) e altrettante citazioni del “Encanto” canzone di successo, “Non parliamo di Bruno”, come possibile. Mila Kunis, nata in Ucraina, ha condotto un momento di silenzio di 30 secondi per l’Ucraina. Alcune star, come Sean Penn, avevano fatto pressioni sull’accademia per avere l’ucraino Il presidente Volodymyr Zelenskyy parla alla cerimonia

Ma a parte alcuni nastri blu avvistati sul tappeto rosso, la politica raramente era al centro della scena. Gli Oscar invece hanno raddoppiato il fulgore e i film come una via di fuga. I produttori hanno portato artisti del calibro di BTS e Tony Hawk per coinvolgere più spettatori. Alcune cose hanno funzionato meglio di altre. I premi preferiti dai fan, votati dagli utenti di Twitter, sono stati invasi dai fan di Zack Snyder, che hanno votato a favore della versione di Snyder di “Justice League” e del suo “Army of the Dead”.

Anche i film di benessere sono andati bene. “CODA” ha vinto anche per la migliore sceneggiatura adattata. L’autobiografico “Belfast” di Kenneth Branagh, un affettuoso dramma familiare intriso di nostalgia e girato in bianco e nero, ha ottenuto la migliore sceneggiatura originale.

Eilish e suo fratello Finneas hanno vinto per il tema di Bond di “No Time to Die”, una canzone che è stata pubblicata prima dell’inizio della pandemia.

Gli Academy Awards sono iniziati domenica fuori campo, con i primi otto premi della serata consegnati al Dolby Theatre prima dell’inizio della trasmissione televisiva della ABC. Il Dolby era in gran parte pieno in tempo per il pre-show delle 19:00 EDT, soprannominato “l’ora d’oro” dall’accademia. I discorsi sono stati successivamente modificati nella trasmissione.

“Dune” ha ottenuto un vantaggio in quei primi premi, e lo ha mantenuto per tutta la notte. Il più grande blockbuster dei 10 candidati al miglior film di quest’anno, “Dune” ha vinto ben sei premi, per la scenografia, la fotografia, il montaggio, gli effetti visivi, il suono e la colonna sonora di Hans Zimmer.

La vittoria per la fotografia di Greig Fraser ha negato una possibilità per la storia dell’Oscar. Alcuni facevano il tifo per Ari Wenger, che ha girato “The Power of the Dog” di Jane Campion, per diventare la prima donna a vincere il miglior film, l’unica categoria Oscar che non è mai stata vinta da una donna nei nove decenni degli Academy Awards. più storia

Il miglior trucco e acconciatura è andato a Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh per “The Eyes of Tammy Faye”. Chastain era stato tra i tanti membri dell’accademia che pensavano che tutti i premi avrebbero dovuto essere consegnati in diretta durante la trasmissione. Chastain ha abbracciato ogni vincitore mentre salivano sul palco.

Dietro i cambiamenti delle trasmissioni televisive di quest’anno c’era l’allarme per il rapido calo degli ascolti degli Oscar. Sebbene i cali siano stati comuni a tutti i principali programmi di premiazione della rete, lo spettacolo dell’anno scorso ha attirato solo circa 10 milioni di spettatori, meno della metà dei 23,6 milioni dell’anno prima. Dieci anni fa, era più vicino a 40 milioni. Lo schiaffo sentito in tutto il mondo aiuterà ad aumentare le valutazioni?

“Welp”, il produttore dell’Oscar Will Packer ha twittato dopo lo spettacolo. “Ho detto che non sarebbe stato noioso.”

___

Gli autori dell’Associated Press Lindsey Bahr, Jocelyn Noveck e Andrew Dalton hanno contribuito a questo rapporto.

.

Leave a Comment