Rapporto su Hotel e alloggi: i viaggi di lavoro aiutano le organizzazioni a ottenere un vantaggio competitivo

Un’analisi condotta dalla San Diego State University School of Hospitality & Tourism Management per conto dell’American Hotel & Lodging Association ha rilevato che i viaggi di lavoro e le riunioni di persona hanno vantaggi innegabili rispetto alle opzioni virtuali e che le aziende e le organizzazioni che riprendono i viaggi di lavoro e è probabile che le riunioni più rapide abbiano un vantaggio competitivo rispetto a quelle che non lo fanno.

Nell’analisi, il fondatore e direttore della L. Robert Payne School of Hospitality & Tourism Management della San Diego State University Carl Winston e la professoressa associata della Chaplin School of Hospitality and Tourism Management della Florida International University, la dott.ssa Lisa Cain, scrivono anche che viaggi d’affari e di persona le riunioni facilitano la produttività, rafforzano l’organizzazione e promuovono la collaborazione in un modo in cui le interazioni virtuali non possono.

Altri risultati chiave dell’analisi includono:

  • Il COVID-19 ha creato una maggiore necessità di connessione faccia a faccia che le riunioni solo virtuali semplicemente non possono soddisfare.
  • Una maggiore dipendenza dalle riunioni virtuali ha un impatto negativo sulla cultura del posto di lavoro e sul team building, danneggiando anche la produttività.
  • Tra i millennial, la popolazione più numerosa nella forza lavoro, l’80% afferma di preferire la comunicazione di persona con i propri colleghi, suggerendo un potenziale vantaggio nel reclutamento dei dipendenti, nella fidelizzazione e nelle relazioni con i clienti per le aziende che promuovono i contatti faccia a faccia con colleghi e clienti.

L’analisi arriva quando il sentimento sui viaggi d’affari sta cambiando. Un recente sondaggio condotto da Morning Consult per conto di AHLA ha rilevato che quasi due terzi dei lavoratori e il 77% dei viaggiatori d’affari concordano sul fatto che il tempo davanti allo schermo è in aumento grazie a modalità di lavoro ibride e virtuali, riportando esperienze di persona come il lavoro viaggi e conferenze è più importante che mai.

“Se le organizzazioni stanno cercando di aumentare la produttività, la forza organizzativa o la collaborazione, saranno più in grado di raggiungere questi obiettivi con viaggi di lavoro e riunioni di persona. E mentre l’America passa dalle impostazioni virtuali dell’era della pandemia a una “nuova normalità”, le aziende e le organizzazioni che riprendono i viaggi di lavoro e le riunioni più rapidamente possono ottenere un vantaggio competitivo rispetto a quelle che non lo fanno”, ha affermato Carl Winston, fondatore e direttore della L. Robert Payne School of Hospitality & Tourism Management presso la San Diego State University.

“Esiste un tempo e un luogo per l’utilizzo di piattaforme per riunioni virtuali, ma i viaggi di lavoro e gli incontri faccia a faccia che facilita generano risultati più positivi per individui, organizzazioni, clienti e clienti in un modo che potrebbe essere semplicemente insostituibile”, ha affermato Dr. Lisa Cain, professore associato presso la Chaplin School of Hospitality and Tourism Management della Florida International University.

“Non c’è sostituto per la realtà, e dopo gli ultimi due anni di organizzazione del lavoro virtuale e restrizioni di viaggio, è tempo che le aziende, i dipendenti e i clienti traggano vantaggio dall’ineguagliabile valore offerto dai viaggi di lavoro e dagli incontri faccia a faccia ,” ha affermato il presidente e CEO di AHLA Chip Rogers.

Con le politiche di viaggio aziendali ancora in evoluzione, i viaggi d’affari e di gruppo, la più grande fonte di entrate del settore alberghiero, impiegheranno molto più tempo a riprendersi rispetto ai viaggi di piacere. Secondo il rapporto AHLA sullo stato dell’industria, i viaggi d’affari in generale dovrebbero aumentare nel 2022 rispetto allo scorso anno e, secondo un’analisi di Kalibri Labs, entro il terzo trimestre si prevede che raggiungeranno l’80% delle cifre del 2019. Sebbene non sia prevista una ripresa completa fino al 2024, si prevede che i viaggi d’affari globali aumenteranno del 14% nel 2022.

Leggi l’analisi qui.

Leave a Comment