Veterani Havasu | Gene Spicer | stile di vita

Gene Spicer si è goduto la vita. È sposato con il suo primo amore, ha cinque figli adottivi e trascorre il suo tempo a restaurare jeep dell’era della Seconda Guerra Mondiale, fare paracadutismo e viaggiare con sua moglie. Ha anche trascorso 30 anni prestando servizio nell’esercito, un’esperienza che lo ha trasformato nell’uomo che è oggi.

“Ero un povero, stupido contadino del Midwest”, ha detto Spicer, 91 anni. “Ero il novellino più verde uscito dalla contea di Jefferson. Penso cosa [the military] ho fatto più di ogni altra cosa è stato fare cose che non avrei mai fatto se fossi stato un civile. Avevo 20 anni e ho incontrato persone che non avrei mai incontrato. Sono stato in posti in cui non sarei mai stato”.

I militari “tagliano anche i fili del grembiule della mamma”, ha detto Spicer. Gli ha anche insegnato che c’è più di un lato in ogni storia.

“Non sono in alcun modo estremamente religioso, ma credo nel ‘fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te’”, ha detto Spicer. “Lo rifarei. Non potrei fare molto oggi, ma se hanno bisogno di me oggi, ci andrei”.

Spicer sapeva che sarebbe stato arruolato, quindi si arruolò il 3 novembre 1950, insieme a uno dei suoi amici del vicinato.

“Mi è stato detto dal reclutatore che se ci fossimo arruolati, avremmo potuto ottenere qualsiasi lavoro volevamo”, ha detto Spicer con una risata. “Non credete ai reclutatori… Quando siamo andati a fare il nostro esame fisico, ci hanno giurato e abbiamo detto: ‘Sì.’ Poi hanno detto: ‘Cambio di programma. Stai andando alla 101a aviotrasportata.’ Volevamo essere petroliere. Volevamo guidare un carro armato. Ho finalmente potuto vedere l’interno di uno quando sono tornato e sono diventato un ufficiale.

Si è allenato con la 101a aviotrasportata a Camp Breckinridge, nel Kentucky, per 14 settimane, e sono stati immediatamente inviati in Corea. Ha servito con la 24a divisione di fanteria in Corea per 11 mesi, 14 giorni e tre ore nel 1951 e nel 1952.

“Ero con il 19° reggimento di fanteria come operatore radio, camionista, qualunque cosa accadesse”, ha detto.

La confraternita dei suoi commilitoni è ciò che viene in mente per la prima volta quando ripensa a quegli anni. Quando i tempi erano duri, lettere e pacchi da casa facevano andare avanti anche loro.

“Avevamo un ragazzino italiano della costa orientale che mangiava sempre i peperoni”, ha ricordato Spicer. “Avevamo un ragazzo giapponese della California che aveva una famiglia in Giappone che ci mandava gamberetti essiccati. Avevo una zia che preparava le più meravigliose caramelle al cioccolato al burro di arachidi che tu abbia mai messo in bocca. Questo fa parte del cameratismo, perché quando arrivavano i pacchi, li dividevi tra tutti”.

Quando il suo tempo in Corea finì, lasciò l’esercito regolare e si unì alla Guardia Nazionale in Indiana per tre anni. Il suo amico, Clyde Kelly, convinse Spicer a usare il GI Bill, che gli permise di frequentare l’Università del Kentucky, dove conseguì una laurea e un master in educazione. Poi si unì di nuovo alla Guardia, trascorrendo i successivi 24 anni come ufficiale per la 38a divisione. Ha servito in una vasta gamma di ranghi militari, dal comandante di compagnia fino al generale di brigata. L’Indiana ha una divisione settentrionale e meridionale per la Guardia Nazionale ed era responsabile della divisione meridionale al momento del suo ritiro nel 2004.

Ha anche messo a frutto i suoi diplomi di istruzione e ha insegnato a scuola per 28 anni, ritirandosi dall’aula nel 1988.

“Ho insegnato agricoltura”, ha detto. “Ero con i ragazzi e le ragazze in giacca blu, i membri della FFA. Sono abbastanza orgoglioso di questo. Le persone che avevo a scuola erano le persone che ora gestiscono la comunità. Non vedo giocatori di basket o football che lo fanno, ma vedo la mia gente”.

Mentre insegnava alla generazione successiva e continuava a prestare servizio nella Guardia Nazionale, ha anche cresciuto cinque bambini in una fattoria. Ha insegnato loro come lavorare e diventare “membri adeguati del paese”, ha detto Spicer. Due dei suoi ragazzi hanno prestato servizio militare. Uno si è ritirato dopo 25 anni e l’altro è andato in pensione con 30 alle spalle.

Spicer ha vissuto a Lake Havasu City per 10 anni. Trascorre le estati in Indiana, dove partecipa spesso a sfilate, sfoggiando le sue Jeep militari perfettamente restaurate. Ne ha rianimati 15 in totale nel corso degli anni.

La moglie di Spicer vive ad Havasu da molto più tempo, circa 30 anni. Gestisce Xanadu Condos su Lake Havasu Avenue ed è nel settore da anni. Lei e Spicer sono cresciute insieme in Indiana

“L’ho lasciata scappare da me”, ha detto Spicer. “Ci è voluto un po’ per farlo”.

Quando si incontrarono per la prima volta nel 1952, era di stanza a Fort McArthur in California. Era a casa in congedo medico e non prestava molta attenzione alla ragazza della porta accanto.

“Era solo una ragazzina magra in quel momento”, ha detto Spicer. «Ma avevamo un appuntamento nell’agosto del 1952. Stava per frequentare un corso per infermiere e io tornai in California. Con il passare degli anni, lei ha sposato qualcun altro, io ho sposato qualcun altro e abbiamo perso i nostri coniugi”.

Nel 1969, hanno cercato di riaccendere la relazione, ma non ha funzionato. Quindi entrambi hanno sposato nuove persone ed entrambi hanno perso di nuovo i loro coniugi. Spicer ha perso entrambe le sue precedenti mogli a causa del cancro.

“Questa volta sapevo dove si trovava e ho chiesto a sua sorella di darmi il suo numero di telefono”, ha detto Spicer. “L’ho chiamata e le ho detto: ‘Sto uscendo. Ti piacerebbe venire a Las Vegas con me alle gare, alla NASCAR?’ E va avanti da allora”.

Si sono sposati il ​​4 luglio con un matrimonio militare a Camp Atterbury, nell’Indiana.

Spicer ha potuto vedere solo uno dei suoi compagni dell’esercito da quando ha lasciato la Corea. Tutti gli altri con cui ha servito sono passati. Ma c’è un altro soldato ad Havasu che ha effettivamente servito nella stessa divisione, anche se le loro strade non si sono mai incrociate direttamente: Dan Rickert. Puoi leggere la sua storia nella nostra raccolta di veterani Havasu su HavasuNews.com.

I due sono diventati amici a una riunione della 24a divisione di fanteria alle Hawaii, e sono ancora dei ladri oggi.

Spicer crede fermamente che tutti dovrebbero dedicare tempo all’esercito. Incoraggia tutti i giovani a usarlo come un’opportunità per vedere il mondo e cos’altro c’è là fuori.

.

Leave a Comment