Le zanzare preferiscono mordere gli umani che indossano abiti rossi, arancioni o neri

SEATTLE— Secondo gli scienziati, le fastidiose zanzare sono più attratte dalle persone che indossano abiti rossi, arancioni o neri. Se stai cercando di tenerli lontani, è meglio che il tuo outfit abbia un sacco di verde, viola, blu o bianco. Dovrai anche coprirti, tuttavia, poiché qualsiasi colore della pelle umana gli appare rosso.

I risultati dello studio dell’Università di Washington potrebbero aiutarci a stare alla larga dai fastidiosi parassiti e dai loro morsi pruriginosi. Per non parlare del fatto che possono ulteriormente aiutare a evitare di contrarre potenzialmente virus Zika o West Nile, insieme ad altre malattie trasmesse dalle zanzare.

Gli scienziati affermano che gli insetti volano verso colori specifici dopo aver annusato un pennacchio di CO2 dal respiro umano. Una volta che catturano un odore, si concentrano su tonalità particolari che catturano la loro fantasia. Evitare le sanguisughe questa primavera e l’estate può dipendere dalla scelta giusta di attrattive per coprire la pelle.

“Sembra che le zanzare utilizzino gli odori per aiutarli a distinguere ciò che è vicino, come un ospite che morde”, afferma l’autore senior dello studio Jeffrey Riffell, professore di biologia all’università, in una dichiarazione. “Quando sentono l’odore di composti specifici, come la CO2 dal nostro respiro, quel profumo stimola gli occhi a cercare colori specifici e altri modelli visivi, che sono associati a un potenziale ospite, e dirigersi verso di loro”.

I risultati colorati possono portare a migliori repellenti per zanzare

I risultati fanno luce sul motivo per cui le zanzare attaccano alcuni individui e lasciano in pace altri. Oltre al rosso, all’arancione e al nero, godono anche di altri colori come l’acqua e il ciano. La pelle umana, indipendentemente dalla pigmentazione generale, emette un forte “segnale” rosso-arancio agli occhi degli insetti. Il suo senso dell’olfatto, o olfatto, influenza il modo in cui risponde ai segnali visivi.

Sapere cosa attira i parassiti affamati apre anche la porta allo sviluppo di migliori repellenti per zanzare, trappole e altri metodi per tenerli a bada. “Una delle domande più comuni che mi vengono poste è ‘Cosa posso fare per impedire alle zanzare di pungermi?'”, afferma Riffell. “Dicevo che ci sono tre segnali principali che attirano le zanzare: il tuo respiro, il tuo sudore e la temperatura della tua pelle. In questo studio abbiamo trovato un quarto spunto: il colore rosso, che non si trova solo sui propri vestiti, ma si ritrova anche nella pelle di tutti. L’ombra della tua pelle non ha importanza, stiamo tutti emanando una forte firma rossa. Filtrare quei colori attraenti nella nostra pelle, o indossare abiti che evitano quei colori, potrebbe essere un altro modo per prevenire una puntura di zanzara”.

Per lo studio, Riffell e il suo team hanno monitorato il comportamento delle femmine Aedes aegypti Zanzare in una camera di prova se esposte a segnali visivi e olfattivi. Come tutte le specie di zanzare, solo le femmine bevono sangue. Morsi da A. Egitto può trasmettere dengue, febbre gialla, chikungunya e Zika.

Sono stati spruzzati odori specifici. Sono stati presentati anche motivi come un punto colorato o una gustosa mano umana. Senza alcuno stimolo di fragranza, gli insetti ignoravano in gran parte il segno sul fondo della camera, indipendentemente dal colore. Dopo uno spritz di CO2, hanno continuato a non prestare attenzione se fosse verde, blu o viola.

Ma si sono diretti verso il punto quando era rosso, arancione, nero o ciano.

Riguarda principalmente l’odore, ma i colori possono tenere lontani i parassiti

Gli esseri umani non possono sentire l’odore di CO2, che noi e altri animali espiriamo ad ogni respiro. Le zanzare possono. Ricerche precedenti hanno dimostrato che aumenta l’attività delle femmine, facendole esplorare lo spazio circostante alla ricerca di un ospite. L’ultimo studio rivela che dopo aver annusato il gas, i loro occhi preferiscono determinate lunghezze d’onda nello spettro visivo.

È simile a ciò che potrebbe accadere quando gli esseri umani odorano qualcosa di buono.

“Immagina di essere su un marciapiede e di sentire l’odore della crosta di torta e della cannella. Probabilmente è un segno che c’è una panetteria nelle vicinanze e potresti iniziare a cercarla”, afferma Riffell. “Qui, abbiamo iniziato a imparare quali elementi visivi cercano le zanzare dopo aver annusato la loro versione di una panetteria”.

La maggior parte degli esseri umani ha una visione del “vero colore”. Vediamo diverse lunghezze d’onda della luce come colori distinti. Ad esempio, 650 nanometri appaiono rossi mentre 450 lunghezze d’onda appaiono blu. I ricercatori non sanno se le zanzare percepiscono i colori allo stesso modo.

Ma la maggior parte di quelli preferiti dalle zanzare – arancioni, rossi e neri – corrispondono a lunghezze d’onda della luce più lunghe. La pelle umana emette anche un segnale a lunghezza d’onda lunga nella gamma rosso-arancio.

Quando le prove sono state ripetute con le schede di pigmentazione del tono della pelle umana o con la mano nuda di un ricercatore, le zanzare sono volate di nuovo verso lo stimolo visivo solo dopo l’introduzione della CO2. Se i filtri rimuovevano i segnali a lunghezza d’onda lunga o veniva indossato un guanto di colore verde, non lo facevano.

Le zanzare con una mutazione necessaria per annusare la CO2 non mostravano più una preferenza cromatica. Un altro ceppo di zanzare mutanti, con un cambiamento correlato alla vista in modo che non potessero “vedere” lunghe lunghezze d’onda della luce, erano più daltoniche in presenza di CO2.

“Questi esperimenti illustrano i primi passi utilizzati dalle zanzare per trovare gli ospiti”, afferma Riffell

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare in che modo altri segnali visivi e olfattivi, come i segreti della pelle, aiutano le zanzare a colpire potenziali ospiti a distanza ravvicinata. Anche altre specie di zanzare possono avere preferenze di colore diverse, in base alla specie ospite preferita. Ma le nuove scoperte aggiungono un nuovo strato colorato al controllo delle zanzare.

Lo studio è pubblicato sulla rivista in Comunicazioni Natura.

Lo scrittore del South West News Service Mark Waghorn ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment