Donna, 68 anni, multata per “ribaltamento” dopo aver lasciato borse di maglioni e magliette accanto alla banca di vestiti di beneficenza piena

A una nonna è stata data una sanzione fissa di £ 400 per aver posizionato due piccole borse di maglioni e magliette accanto a una banca di vestiti troppo piena.

Pauline Yarranton, 68 anni, ha lasciato le valigie vicino alla consegna dei vestiti nel suo parcheggio Nisa a Stourport, Worcs, lo scorso novembre. Due settimane dopo l’ufficiale della comunità e della protezione ambientale del Wyre Forest District Council ha scritto a Pauline, accusandola di ribaltamento.

Il consiglio ha ordinato a Pauline, che ha cinque nipoti, di pagare £ 400 o rischiare di essere trascinata in tribunale. Tuttavia, si è rifiutata di pagare e ha presentato ricorso contro la decisione, sostenendo di essere stata punita per aver cercato di aiutare le persone bisognose.

Ha detto: “Ho messo gli oggetti per i bisognosi fuori davanti a un contenitore di raccolta del riciclaggio locale.

“L’ho fatto perché pensavo di poter aiutare qualcuno nel bisogno. Con mio grande shock settimane dopo ho ricevuto una multa di £ 400 dal comune.

“Sono rimasto sbalordito. Ho pensato che avessero la persona sbagliata.

“Ho guardato più in basso nella lettera e ho visto il numero di targa della mia auto.

“Non riesco proprio a credere che sia successo perché stavo prendendo due borse di vestiti indesiderati: erano solo maglioni e magliette e cose del genere.

“I negozi di beneficenza non stavano prendendo cose in quel momento, perché erano pieni dal blocco.

“Ho pensato di metterli nel sacchetto del riciclaggio e portarli alla banca del riciclaggio.

“Questa volta non sono riuscito a portare le mie cose in banca. La porta era incastrata.

“Pensavo di lasciarlo davanti ai cassonetti, come ho fatto in passato. Non pensavo di fare qualcosa di illegale.

“Il cestino era vicino a un piccolo negozio affollato, se stessi facendo qualcosa di illegale, non lo farei davanti a un carico di persone.

“Mi sono spinto oltre perché non avevo idea che fosse un reato”.

I capi del municipio hanno quindi ordinato a Pauline di partecipare a una riunione a dicembre in cui è stata grigliata “con cautela” per 30 minuti da due funzionari del consiglio.

L’aumento del costo della vita sta mettendo sotto pressione i bilanci delle famiglie, con alcuni che devono scegliere tra riscaldarsi e mangiare.

Ecco alcune risorse disponibili se hai bisogno di aiuto.

Consiglio ai cittadini

Citizens Advice è un ente di beneficenza indipendente che offre supporto gratuito e riservato per problemi legali, di consumo, abitativi, di debito e di altro tipo. Il suo sito Web descrive in dettaglio quale aiuto è disponibile e dove si trova l’ufficio più vicino, per consigli faccia a faccia.

Assistenza telefonica: 0800 144 8848 in Inghilterra / 0800 702 2020 in Galles (aperto 09:00 – 17:00 dal lunedì al venerdì)

Il Trussell Trust

Il Trussell Trust supporta una rete nazionale di oltre 1.200 banche alimentari, fornendo gratuitamente cibo di emergenza a coloro che ne hanno bisogno. Puoi utilizzare il suo sito Web per individuare il supporto ovunque tu viva.

Helpline: 0808 208 2138 (aperto 09:00 – 17:00 dal lunedì al venerdì)

Turn2us

Turn2us è un ente di beneficenza nazionale che fornisce supporto pratico alle persone che stanno lottando finanziariamente. Il suo sito Web include un calcolatore di vantaggi e dettagli su schemi e sovvenzioni nella tua zona, comprese le bollette dell’energia e dell’acqua.

Helpline: 0808 802 2000 (aperto 09:00 – 17:00 dal lunedì al venerdì)

Ha aggiunto: “Sono stata intervistata da due consiglieri locali. Era come un tribunale.

“Tutto è stato registrato. È stato davvero preoccupante.

“Avevano tutti i dettagli. Ho spiegato loro la mia situazione.

“Gli intervistatori avevano detto che era stato segnalato dal negozio accanto al deposito di vestiti di beneficenza.

“Alla fine del colloquio avevo tre opzioni, pagare la multa, andare in tribunale o prendere una cautela. Ho preso la cautela.

“Era molto preoccupante. Ancora non riuscivo a credere che fosse arrivato così lontano.

«L’unica cosa che ho avuto in passato è una multa per il parcheggio. Non è bello dopo 68 anni avere un avvertimento su di me”.

Il parrucchiere in pensione ora avverte gli altri di fare attenzione quando donano oggetti alle banche di vestiti.

Ha detto: “Quello che sto cercando di comunicare al pubblico è stare molto, molto attenti a dove lasci gli oggetti perché potresti essere fatto per ribaltare le mosche. Fai solo attenzione quando stai facendo qualcosa.



Il cestino dei vestiti dove Pauline ha lasciato dei vestiti a Stourport

“Mi ha infastidito il fatto di dover ancora avere un avvertimento perché non penso di aver fatto qualcosa di illegale”.

Un adesivo giallo di avvertimento è stato ora posizionato sul cestino della beneficenza, che dice: “Se la banca è piena, per favore porta la tua proprietà a casa”.

Il sito web del Wyre Forest District Council afferma: “Lasciare oggetti accanto ai bidoni della strada e alle banche del riciclaggio, sul pavimento delle aree comuni dei bidoni o all’esterno dei centri di riciclaggio chiusi e dei negozi di beneficenza è tutto ribaltabile”.

La leader del Wyre Forest District Council, la consigliera Helen Dyke, ha dichiarato: “Incoraggiamo tutti i tipi di riciclaggio, inclusa la donazione di indumenti indesiderati a negozi di beneficenza o il loro trasferimento alle banche di riciclaggio.

“I tessili non possono essere riciclati nel nostro schema sul marciapiede, ma possono essere riciclati presso i centri di riciclaggio delle famiglie.

“Se qualcuno utilizza una banca di riciclaggio, deve assicurarsi di riporre i propri articoli al suo interno.

“Se è pieno, prova un altro sito o riprendilo quando c’è spazio.

“Tutti gli oggetti lasciati a terra sono considerati ribaltabili e la persona che li ha lasciati rischia una multa o un’azione penale.

“Purtroppo accade anche che un sacchetto con la punta a farfalla attiri altri e i siti di riciclaggio diventino rapidamente antiestetici e quindi riceviamo molte lamentele”.

Per altre storie da dove vivi, visita InYourArea.

.

Leave a Comment