La Corte Suprema non dovrebbe essere coperta di edera, afferma 2 legislatori | nazionale

WASHINGTON (AP) — Basta già con i giudici della Corte Suprema laureati ad Harvard e Yale. Questo è il messaggio di uno dei massimi democratici del Congresso al presidente Joe Biden, e un importante senatore repubblicano è d’accordo.

Otto dei nove membri dell’attuale tribunale hanno frequentato la facoltà di giurisprudenza di Harvard o Yale. Ma sarebbe bello se la persona nominata per sostituire il giudice in pensione Stephen Breyer non avesse una laurea alla Ivy League, secondo il rappresentante Jim Clyburn, un democratico, e il senatore Lindsey Graham, un repubblicano. Il messaggio bipartisan dei due legislatori della Carolina del Sud si allinea perfettamente con il track record del giudice della Carolina del Sud che hanno salutato come un forte candidato per prendere il seggio.

Biden, democratica, si è impegnata a fare la storia nominando la prima donna di colore alla Corte Suprema. Clyburn, il membro nero di grado più alto del Congresso, afferma che Biden dovrebbe anche essere preoccupato per la mancanza di diversità educativa della corte.

“Corriamo il rischio di creare una società d’élite”, ha affermato Clyburn, laureato alla South Carolina State University. “Dobbiamo riconoscere che le persone provengono da tutti i ceti sociali e non dovremmo licenziare nessuno per questo”.

Graham, un membro del comitato giudiziario, che terrà le udienze per l’eventuale candidato, ha detto domenica su “Face the Nation” della CBS: “Vorrei che la corte avesse un po’ più di equilibrio, un po’ di buon senso lì sopra. Non tutti devono essere di Harvard e Yale. Va bene andare in un’università pubblica e prendere una laurea in giurisprudenza”.

Clyburn ha chiarito la sua prima scelta per il posto libero: J. Michelle Childs. Il giudice federale di 55 anni ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso la University of South Carolina Law School. Ha anche un master all’università e un’altra laurea in giurisprudenza alla Duke. L’educazione della Childs non appartenente alla Ivy League e la sua educazione in una famiglia con un solo genitore la renderebbero una giustizia più rappresentativa per gli americani, ha detto Clyburn. Graham ha definito Childs un “giurista imparziale e molto dotato”.

Altre donne di cui si parla spesso come possibili candidate sono laureate della Ivy League. Leondra Kruger, giudice della Corte Suprema della California, si è laureata alla Yale Law School. Il giudice della Corte d’Appello federale Ketanji Brown Jackson è andato ad Harvard.

Lawrence Baum, professore emerito all’Ohio State che ha studiato il background dei giudici della Corte Suprema, ha affermato che c’è stato un graduale spostamento verso candidati con un background legale più d’élite. Se un candidato ha frequentato una scuola “considerata la migliore, o almeno tra le migliori”, potrebbe influenzare i senatori ai margini, ha detto. Ma andare in una scuola prestigiosa può anche mettere in contatto una persona con altre persone che ricoprono posizioni politicamente importanti, ha detto, facendole conoscere negli ambienti legali d’élite.

Judith Browne Dianis, direttore esecutivo dell’Advancement Project, un’organizzazione per la giustizia razziale, ha affermato che l’attuale nomina è “un’opportunità per la professione legale di avere più discussioni sul termine ‘qualificato'”. Dianis ha affermato che le qualifiche utilizzate in passato sono “basate su un percorso di carriera tradizionalmente riservato agli uomini bianchi e ad alcune donne bianche”. Ci sono “pochissime persone di colore e nere che hanno quel percorso perché c’è molta discriminazione che accade lungo la strada”, ha detto.

Mentre il predominio schiacciante delle lauree in giurisprudenza di Harvard e Yale sul tribunale è una specie di fenomeno moderno, circa un terzo di tutti i giudici che hanno prestato servizio in tribunale hanno frequentato una scuola di legge della Ivy League. L’istruzione non è l’unico modo in cui i precedenti degli attuali giudici sono simili. Tutti gli attuali giudici, tranne uno, sono ex giudici della Corte d’appello federale. E sei hanno servito come ufficiali legali di un giudice, una posizione ambita che spesso mette i giovani avvocati sulla strada per altre posizioni di alto livello.

“Il vantaggio della diversità, che si tratti di genere, razza, etnia o anche lavoro professionale, qualunque cosa rappresenti la diversità, offre alle persone che non pensano diversamente che ci sia un’opportunità, le fa risucchiare nel credere che potrebbe esserci”, ha affermato nel 2019 a un evento in onore del giudice Sandra Day O’Connor, il primo membro donna della corte.

Attualmente, il tribunale è diviso 4-4 tra laureati in giurisprudenza di Harvard e Yale. Breyer ha frequentato Harvard, così come il giudice capo John Roberts e i giudici Elena Kagan e Neil Gorsuch. Sotomayor e giudici Clarence Thomas, Samuel Alito e Brett Kavanaugh hanno frequentato Yale.

L’ultimo membro della corte, il giudice Amy Coney Barrett, è l’anomalia. Barrett, laureata alla Notre Dame Law School, ha menzionato il fatto durante la sua udienza di conferma nel 2020. “Sono fiduciosa che Notre Dame potrebbe reggere il confronto”, ha detto. “E forse potrei anche insegnare loro una o due cose sul calcio”.

I giornalisti dell’Associated Press Padmananda Rama e Meg Kinnard hanno contribuito a questo rapporto. Kinnard ha riferito dalla Columbia, nella Carolina del Sud.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

.

Leave a Comment